Usando questo sito, dichiarate di aver letto il Disclaimer e le norme sulla Privacy relativa ai contatori Shinystat e whos.among.us.

Un archivio del blog, con tutti i post fino ad oggi pubblicati, elencati per mese, lo trovate in fondo alla colonna centrale.

NORME relative ai commenti alla pagina "COME COMMENTARE".

“Non c’è nulla di male se una persona cerca di confutare gli insegnamenti e le pratiche di un gruppo religioso che ritiene in errore”.
(Svegliatevi! 8 settembre 1997, pagina 6)

venerdì 28 luglio 2017

Non vi ascolteranno !


Bias cognitivi: 
cinque modi veloci per ingannarsi da soli

Oggi vi propongo un'interessante articolo su come la mente spesso ci inganna. Capiremo quindi anche come è difficile poter risvegliare dal torpore mentale i nostri amici Testimoni di Geova ed impedire che il corpo direttivo "pensi al posto loro"

L'articolo è tratto dal sito nuovoeutile.it



Bias cognitivi: ne avete mai sentito parlare?
L’edizione inglese di Wikipedia ne pubblica un lungo elenco piuttosto terrorizzante. Molti articoli di svariato contenuto, dal management alla vita di coppia, tirano in ballo i bias cognitivi per spiegare inceppi, cecità, fraintendimenti, comportamenti stupidi e decisioni sbagliate.

ERRORI DI GIUDIZIO. Il nome con cui li chiamiamo suona esotico, e potrebbe star bene a un elfo maligno o a una purulenta forma di eruzione della pelle. In realtà, si tratta di una parola inglese derivante dal francese provenzale biais, che significa “obliquo, inclinato” e che a sua volta deriva dal latino e, prima ancora, dal greco epikársios, obliquo.
In origine il termine riguarda il gioco delle bocce (e, immagino, certi tiri storti dalle conseguenze nefaste), ma già nella seconda metà del 1500 acquista un significato più ampio e indica “inclinazione, predisposizione, pregiudizio”.
Insomma, questo articolo è dedicato ai bias cognitivi: automatismi mentali che ci portano a prendere decisioni in fretta e senza fatica. Peccato che si tratti di decisioni sbagliate perché fondate su percezioni errate o deformate, su pregiudizi, su ideologie. Insomma, sono decisioni prese a partire da un errore di giudizio.

LE EURISTICHE SONO SCORCIATOIE. Ecco, in sintesi, che cosa succede. Tutti noi, per districarci nella complessità del mondo senza analizzare, pesare e valutare ogni dettaglio, ci affidiamo a strategie di pensiero che si chiamano euristiche. Anche questo nome viene dal greco: heurískein vuol dire “trovare, scoprire”.
Le euristiche sono procedimenti mentali intuitivi, e sbrigativi, che ci permettono di farci un’idea di qualsiasi cosa in fretta e senza fatica. Sono euristiche, per esempio, gli stereotipi (su NeU ne abbiamo già parlato). Se volete scoprire in che modo, ogni giorno, ragioniamo per euristiche, date un’occhiata a quest’ottima pagina (e, magari, anche al resto del sito: è interessante).

I BIAS SONO VICOLI CIECHI. Ed eccoci al punto. Se le euristiche sono, diciamo così, scorciatoie incerte ma così comode e rapide che facciamo fatica a rinunciarvi, i bias cognitivi sono euristiche inefficaci, logorate e corrotte: vicoli ciechi nei quali ci addentriamo fino a sbattere contro un muro di nonsenso. Ne scelgo cinque tra quelli che mi sembrano più diffusi e insidiosi e ve li racconto qui sotto.

Bias cognitivi

Bias di conferma (confirmation bias): tendiamo a cercare, a prendere in considerazione e a valorizzare solo notizie, pareri o evidenze che confermano quello di cui già siamo convinti. Soprattutto – molti studi lo dimostrano – ci ostiniamo a ignorare tutte le evidenze che contraddicono le nostre convinzioni, in primo luogo (ma non solo) quelle politiche o religiose. Il bias è connesso con l’hostile media effect.

Non facciamo tutto ciò per cattiveria, ma per motivi di economia mentale: il nostro cervello, per via delle euristiche, preferisce focalizzarsi su quello che già sa. E la nostra identità passa anche per tutto ciò in cui crediamo. Combiniamo questi due fatti, e otteniamo un bias potente.
Tra l’altro: una importante caratteristica delle persone creative è l’apertura mentale. Cioè la capacità di accogliere dati nuovi e di gestire l’incertezza, senza capitombolare nei bias cognitivi.

Illusione di controllo (illusion of control): è la tendenza a sovrastimare la nostra capacità di influenzare gli eventi esterni. È un bias proprio dei manager, dei politici e in generale delle persone che detengono qualche forma di potere, o che casualmente hanno ottenuto un risultato positivo. Il bias è stato individuato da Ellen Langer nel 1975. È connesso con l’overconfidence.

Eccesso di fiducia (overconfidence): è l’eccessiva fiducia nelle nostre valutazioni e nei nostri giudizi. Deriva dal credere che abbiamo informazioni più accurate e complete di quanto non siano realmente. È il bias forse più diffuso e, per molti versi, devastante. Gli investitori troppo fiduciosi nelle proprie capacità combinano guai, gli studenti sovrastimano la loro preparazione, e perfino molti guidatori di auto esagerano nel valutare la propria abilità, con gli effetti che tutti possiamo immaginare. Qui trovate diversi esempi. L’eccesso di fiducia è connesso con il delizioso Effetto Dunning Kruger (più le persone sono incompetenti, meno capiscono di esserlo) e con la sicumera (guardatevi l’elenco delle sciocchezze che sono state pronunciate con la più incrollabile certezza).

Altri bias cognitivi

Fallacia dello scommettitore (gambler’s fallacy): è un errore logico. Consiste nel ritenere che il futuro verificarsi di un evento casuale sia influenzato dal passato verificarsi di un altro evento, altrettanto casuale. Nel gioco della roulette, per esempio, l’idea che “debba” uscire il nero perché il rosso è già uscito. Ma anche: “siccome ieri mi hanno rubato il portafoglio in metropolitana, è impossibile che me lo rubino anche oggi”. E come no?

Punto cieco (bias blind spot): è una specie di meta-bias. O, in altre parole, è la madre, o il padre, di tutti i bias cognitivi: consiste nel ritenere di esserne, per qualche insondabile motivo, più immuni di chiunque altro. Insomma: stiamoci attenti.







Adesso rileggete attentamente le parti dell'articolo evidenziate in viola: capite perchè sarà molto difficile convincere un Testimone di Geova che la sua religione è solo una delle tante, e sicuramente non è quella vera?







* * * * *












Stai leggendo questa pagina da un cellulare?


indirizzo email dell'amministratore del blog:




15 commenti:

  1. Ecco un altro interessante articolo che ci aiuta a capire come e perchè il nostro cervello a volte ci inganna...

    RispondiElimina
  2. "In ogni cosa è salutare, di tanto in tanto, mettere un punto interrogativo a ciò che a lungo si era dato per scontato." (Bertrand Russel)

    RispondiElimina
  3. La cosa incredibile, che se quelle frasi evidenziate in viola fossero scritte in una svegliatevi ..il tdg sarebbe d accordissimo....non lo è più se viene scritta per loro....una cosa simile è la TW di luglio che parla della propaganda.

    RispondiElimina
  4. Riflessivo, quello che dici correttamente è la prova lampante che i tdg sono condizionati mentalmente.
    Solo loro non se ne rendono conto.

    Nei miei 5 da inattivo ho interrotto qualsiasi dialogo con loro perché gli ho detto che non erano in grado di capire alcune cose.
    Dovevi vedere come mi guardavano quando gli dicevo questa cosa!

    RispondiElimina
  5. Scusate, commento qui all'ultimo post per una curiosità che va ot...

    Magari anche a qualcun altro interessa.

    Secondo l'interpretazione dei testimoni di geova esiste una contesa tra satana e dio e quest'ultimo ha lasciato tempo per dimostrare che satana è in errore... grosso modo, questo è il sunto.

    Ora, la mia curiosità è se è mai stato fatto notare che portando il diluvio universale (stando al gioco che ci sia stato per davvero e nelle modalità del racconto biblico) dio si fatto si contraddice perché interviene portando comunque una prima distruzione.

    Grazie per le eventuali risposte.

    RispondiElimina
  6. Articolo interessantissimo John,
    Complimenti. È incredibile notare in quanti aspetti il cervello umano tenti di tenere incrollabilmente al posto loro i punti fermi e le certezze aquistate in una vita, e forse è anche comprensibile la difficoltà che molti tdg hanno a liberarsi degli schemi wts e di tutto quello che la riguarda.
    Penso però che se ci siamo riusciti noi altri, tutti potenzialmente possono farcela, pur avendo situazioni diverse a cui far fronte.
    Grazie, perché è un articolo illuminante che contribuisce a comprendere ancora meglio le cause che impediscono per l'appunto i tdg ad "aprire i loro occhi" sulla realtà wts...

    RispondiElimina
  7. Il problema dei tdg è che quando trovono qualcuno che li mette seriamente in difficoltà con dei ragionamenti o prove che fanno crollare il loro castello di carta, loro scappano a gambe levate.In questo modo non hanno nemmeno il tempo di riflettere e quindi capire che nel loro credo qualcosa non va.
    Basti pensare ai globuli bianchi che il corpo direttivo considera sangue, mentre gli stessi globuli bianchi si trovano nel latte materno che nutre i piccini.
    Una persona che ragiona con la sua testa si chiederebbe perché il corpo direttivo proibisce ciò che Dio a permesso che ogni madre trasferisca questi globuli per mezzo del proprio latte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Marco.. a parte questo ragionamento logico che hai fatto sul latte materno ...ce ne sarebbero altri esempi che smonterebbero l intendimento che la WT ha sul sangue.

      Elimina
    2. Mi sono limitato a questo esempio perché con questa proibizione dei globuli bianchi si potrebbe in alcune circostanze giocare con la vita altrui che appartiene a Dio e non a loro.
      Mi sembra un po' come la storia sui trapianti degli organi che inventarono nel 1968 e che demolirono giustamente loro stessi nel 1980!
      Speriamo che la stessa cosa avvenga per il sangue.

      Elimina
    3. Caro Marco, a proposito di leucociti....basti pensare agli emoderivati: sono un prodotto industriale realizzato utilizzando la materia prima costituita dai componenti ematici interi, proprio quelli che la WTS vieta come terapie.
      Gli emoderivati hanno dunque le stesse molecole dei componenti interi. Ma la questione più stucchevole (e che potrebbe persino avere possibilità di sviluppo giudiziario) è che alcuni medici di base TdG (che fanno hanno servizio di medici di guardia presso aziende ospedaliere) su questa questione glissano!....
      Dovrebbero spiegare cosa avviene nella lavorazione industriale che fa sì che le stesse sostanze chimiche prima proibite una volta trasferite negli emoderivati la loro assunzione terapeutica diventa "questione di coscienza" lasciata al singolo.
      E se dicono che gl iemoderivati sono più sicuri...beh basta che cercare si internet e lo scandalo di emoderivati fallati messi in commercio anni fa da grosse multinazionali farmaceutiche. Ma forse questi eventi non essendo scritti nella Bibbia allora non esistono....

      Ramiro


      Elimina
    4. La WT proibisce anche l auto trasfusione nel senso che se tu tiri fuori il tuo sangue lo insacchi e poi lo rimetti nel tuo corpo commetti peccato , almeno che usi la macchina con il sistema circolatorio continuo ...tutto questo per sostenere il loro intendimento perchè se non facevano questo cadevano in contraddizione , dunque il rifiuto del sangue non è un problema sanitario , ma morale , una morale che non sta in piedi, visto che il sangue simbologia la vita, e la vita è più importante della sua simbologia . ...ma la WT testardamente continua andare avanti con questa disposizione suicida , e nello stesso tempo la WT nei suoi libricini esalta tutti quelli che sono morti ( in realtà per lei ), facendo credere che hanno fatto una cosa giusta per DIO , questi però non sanno che sono morti per ubbidire ad una massa di ignoranti e presuntuosi americani, ma le cose continuano ad andare avanti, in attesa che ci siano altri morti sul altare della WT.

      Elimina
  8. Io sono convinto che si trovano a un punto di non ritorno, cioè se anche volessero fare marcia indietro sul sangue, come potrebbero mai giustificare i tanti che sono morti senza perdere credibilità e faccia? Ormai sono ad un punto in cui è più facile andare avanti che tornare indietro; anche a costo di vite umane.Tony.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per la serie: "abbiamo sostenuto fino alla morte(letteralmente) che 2 più 2 fa 5??? che fare adesso che si capisce che non è così? .....ah,sì...trovato... CAMBIAMO LA MATEMATICA!!!"
      Ale

      Elimina
  9. I testimoni di geova , sono indottrinati e plagiati .Hanno subito la Riforma del Pensiero , attraverso tecniche di Controllo Mentale subdole , e il condizionamento .
    Sono scoraggiati al pensiero indipendente , e se ci provano mettendo in dubbio e in discussione una qualunque dottrina o come amano dire loro : intendimento ( dei Capi s ' intende ) vengono espulsi e Ostracizzati persino dai parenti piu' stretti !

    RispondiElimina
  10. Preso da un grippo Facebook10 agosto 2017 15:08

    Gabriella Pizzulli
    19 h
    La mia Amica Testimone di Geova .
    Incontrai Anna ( nome camuffato) in Accademia di Brera la mia scuola a Milano e fu subito simpatia intellettuale lei mi portava alle mostre GRATIS mi spronava ad essere ambiziosa critica mandare nuovi messaggi di SPESSORE al mondo.
    Fare Arte comunicare era il nostro sogno ma eravamo tanto povere e troppo travalicate da ARTISTI AVVANTAGGIATI....
    Io mi sentivo allo strenuo e vedevo che lei si stava arrendendo....Quando si fidanzo' con quel Pittore Affermato ma antiquato piu anziano di noi io ci rimasi male...Lui mi offendeva pure e secondo me LA ISOLAVA.
    Cosi' lei per trovare compagnia si lascio' affabulare dalle Testimoni di Geova che bussarono al suo portone....E la persi del tutto.......Non fu piu possibile affrontare un ARGOMENTO DI ATTUALITA O DI ARTE con lei .....e non bisognava CAMBIARE IL MONDO .....la passivita' TDG e' proverbiale....Parlava a pappagallo ripetendosi come un robo' alzando la voce come una ISTERICA.Ho sofferto molto

    * * * * * *
    Queste sono le esperienze che circolano su FB

    RispondiElimina

E' OBBLIGATORIO INSERIRE NEL CAMPO Nome/URL (selezionato dal menù "commenta come...") UN NICK con cui firmarsi. Non usate termini scurrili, insulti, calunnie, incitamenti all'odio razziale ed alla violenza, e NON menzionate la persone per nome o cognome reali. Sono vietati lo spamming, il copia-incolla ripetuto, i link a siti non approvati dalla redazione, i messaggi provocatori.
Altrimenti i post non saranno pubblicati o verranno cancellati.
La moderazione dei commenti è insindacabile ed a cura della redazione del blog. Se i vostri commenti non vengono pubblicati potete chiedere spiegazioni scrivendo alla redazione (vedi "come commentare" in alto nella colonna a sinistra)

Grazie

L'indirizzo email del blog lo trovate in fondo alla pagina (non nella visualizzazione per cellulari)

ARCHIVIO

.