Usando questo sito, dichiarate di aver letto il Disclaimer e le norme sulla Privacy relativa ai contatori Shinystat e whos.among.us


Per capire come "nasce" questo blog, leggere le pagine info sul blog nella colonna a sinistra
Un
archivio del blog, con tutti i post fino ad oggi pubblicati, elencati per mese, lo trovate in fondo alla pagina

NORME relative ai commenti alla pagina "COME COMMENTARE"

“Non c’è nulla di male se una persona cerca di confutare gli insegnamenti e le pratiche di un gruppo religioso che ritiene in errore”. (Svegliatevi! 8 settembre 1997, pagina 6)

sabato 6 maggio 2017

Cos'è un culto abusante?



Di recente ho letto questa pagina su di un gruppo facebook. L'ho trovata interessante e mi piacerebbe che fosse commentata anche da voi lettori.

NON condivido tutto ciò che è scritto in questo articolo, e ve lo spiegherò poi nella sezione commenti.

Per correttezza di informazione, inserisco anche il link del gruppo pubblico dal quale è stata tratta.


John          







* * * * * *  

Distinzione Tra Confessioni Religiose e Culti Abusanti


A volte capita di leggere post nei gruppi in cui si confonde una confessione religiosa con un culto abusante.

A mio avviso, questi tipi di post sono da considerarsi lesivi, al fine di portare una corretta informazione per coloro che cercano di capire il mondo dei testimoni di Geova, o per coloro che stanno muovendo i primi passi per uscirne da questo culto distruttivo .

Alcuni sono convinti , che non vi è alcuna differenza tra un culto abusante e un culto religioso, portando un lettore distratto, a pensare che in fin dei conti, i testimoni di Geova, come i cattolici, i protestanti ecc., sono una religione come tutte le altre, che hanno i pro e i contro, in cui si è liberi di entrare e liberi di uscire .
Ebbene NO, è una falsità, poiché i testimoni di Geova , come altri culti distruttivi ed estremisti , che possono anche nascere dalle grandi religioni, non sono una religione, ma a differenza del cristianesimo, (per fare un esempio) sono ritenuti da tutti gli studiosi ed gli esperti in materia un culto abusante (nel recente passato Setta) .
A riguardo si possono citare Lorita Tinelli (psicologa) che nel giugno 1999, insieme ad altri studiosi, ho fondato il CeSAP, cui effettua consulenza per l’aiuto alle vittime di controllo mentale e di abuso psicologico da parte di sette, sedicenti carismatici e gruppi a carattere totalitario; 

Patrizia Santovecchi (psicologa) Presidente dell'Osservatorio nazionale abusi psicologici, di cui ricordiamo il libro scritto insieme a Battista Cadei Da Testimone di Geova a...? Un aiuto per chi vuole uscire; 

SUSANNA LORIGA, Vicepresidente dell'Osservatorio nazionale abusi psicologici. Steven Hassan studioso dei metodi di persuasione , controllo mentale e l'indottrinamento , che ricordiamo il libro scritto : mentalmente liberi, Come uscire da una setta.

Inoltre abbiamo la possibilità di consultare direttamente alcune associazioni come il GRIS (Gruppo di Ricerca e Informazione Socio-religiosa ) che è un'associazione privata di cattolici, culturale e religiosa, senza scopo di lucro, costituitasi ufficialmente il giorno 8 febbraio 1987. Come Possiamo consultare il sopracitato Il CeSAP , o l’ Associazione Nazionale Familiari delle Vittime delle sette -FAVIS onlus- per farci un’idea più chiara e capire se la chiesa cattolica tanto criticata in questo post Possa rientrare nel gruppo dei culti abusanti.

Intanto per prima cosa bisogna porsi la domanda e chiedersi:

cos’è la religione?

Osservando il fenomeno religioso nella storia (e nella preistoria) possiamo dire, in termini generali, che non sono i popoli ad aver "pensato" le religioni : i popoli hanno sviluppato riti, culti e dottrine , cioè religioni, sulla base di Rivelazioni. **

Le Religioni sono riconducibili a rivelazioni, cioè alla comprensione di fatti, fenomeni , "esperienze", che possiamo definire in termini generali di manifestazioni del Sacro ( teofanie, cratofanie, etc) , in cui gli uomini hanno riconosciuto l'azione , la presenza di forze o entità sovrumane, extraterrestri, divine, etc. alle quali si sono sentiti legati da una relazione, una alleanza.

Sono cioè gli dèi che dando rivelazioni in vari modi agli uomini di tutti i tempi, hanno "suscitato" le religioni, cioè quei complessi sistemi simbolici che custodiscono, tramandano e sviluppano le Rivelazioni.**

Le testimonianze in proposito sono infinite.**

Per cui Un’affermazione che le religioni possono essere delle invenzioni per opprimere i popoli è alquanto infondata, superficiale, nata da una visione esoterico-complottistico.

Inoltre , quando si confrontano diverse tradizioni religiose, bisogna stare attenti a non dare per scontata la propria idea di che cosa sia una religione. Infatti, con la parola "religione" si possono intendere almeno quattro cose diverse:

RELIGIONE COME PRATICA - Un insieme di tradizioni, di riti, di racconti, di abitudini e di cerimonie che vengono coltivati da un certo gruppo di persone e che vengono trasmessi di generazione in generazione.
RELIGIONE COME VISIONE DI VITA - Una serie di credenze, un sistema di regole di comportamento, una concezione di ciò che è giusto e ciò che è sbagliato e, in generale, una certa "visione del mondo".
RELIGIONE COME TEOLOGIA - Una dottrina che spiega il rapporto dell'essere umano con tutto ciò che sta al di là della realtà materiale, ovvero con la sfera ultraterrena.
RELIGIONE COME ATTEGGIAMENTO SPIRITUALE INTIMO- 

Un rapporto individuale che ciascuna persona sviluppa con ciò che è sacro, come detto prima un culto libero, quello che tu nel titolo hai definito culto libero.
A seconda dell'accezione alla quale ci si riferisce, una certa tradizione spirituale potrà essere considerata come una religione oppure no. Ad esempio, alcuni studiosi di storia delle religioni si chiedono se il Buddhismo possa essere inteso come una religione nello stesso senso in cui lo sono l'Ebraismo, il Cristianesimo o l'Islam: se per religione si intende un rapporto tra l'essere umano e un Essere Superiore, allora il Buddhismo (che non parla di Dio) non lo è; ma se si estende il significato del termine per intendere un insieme di insegnamenti spirituali e morali accettati con fede da una comunità e praticati nella vita quotidiana, allora anche il Buddhismo rientra a pieno titolo nella definizione.

E cos’è un culto Abusante ?

Gli studiosi affermano che un culto abusante, invece, è una dimensione in cui un gruppo autoritario, capeggiato da una persona, o da un gruppo di persone, ha un potere totalitario e totalizzante e diventa distruttivo quando il leader utilizza attivamente questo potere per ingannare e privare i membri della loro individualità e capacità di scelta autonoma: abusanti, dunque, poiché offendono deliberatamente e in modo continuato la dignità dell’individuo e ed i suoi diritti umani.

Questa autorità viene acquisita con tecniche psicologicamente coercitive per reclutare e indottrinare i propri membri i quali vengono addestrati per addestrane altri allo scopo di ottiene fondi con l'inganno per il potere e/o il beneficio personale del suo leader, e non fornisce un reale servizio alla società.
Steven Hassan individua 4 elementi fondamentali del controllo mentale messo in atto nei gruppi distruttivi: 

• controllo del comportamento
• controllo del pensiero 
• controllo delle emozioni 
• controllo delle informazioni.

Riportiamo inoltre, dalla Trascrizione del resoconto della Commissione Affari Costituzionali della Camera (Legge sulla libertà religiosa)

L’intervento delle psicologa Patrizia Santovecchi che risponde alla domanda , del Presidente :
Domanda- Può indicare in base alla vostra esperienza quali possano essere le caratteristiche fondamentali delle sette, distintive dalle confessioni religiose?
Risposta- La prima è la possibilità di uscire liberamente, senza nessun ricatto, anche a livello morale, ovvero la possibilità di mantenere, all'interno dell'associazione che si abbandona, i contatti affettivi e di amicizia. Questo non è invece possibile in una setta. L'altro aspetto riguarda la manipolazione attraverso la sindrome dell'assedio, per cui fuori si collocano tutti i nemici, siano essi costituiti dalle energie negative o dai ministri di Satana. Un altro aspetto riguarda la totale obbedienza, quindi l'impossibilità di critica. Mentre all'interno di un'associazione libera si può infatti esprimere la propria opinione, dissentendo anche dai vertici, nel caso di una setta, anche un lieve dissenso comporta gravi conseguenze. Potremmo aggiungere anche l'allontanamento dai familiari, che rientra nella sindrome dell'assedio, la completa spersonalizzazione nell'individuo, privato di ogni capacità decisionale e ormai assuefatto a chiedere al guru cosa debba fare, a cominciare dalle cose più semplici. In alcuni casi più estremi, vige l'idea che all'infuori di questo gruppo non ci sia vita, per cui il suicidio può essere la scelta migliore, se si decide di abbandonare l'organizzazione. È necessario citare anche la sindrome di alienazione psicologica usata nei tribunali per quanto riguarda i minori, rispetto ai genitori affidatari. Si potrebbe pensare ad un decalogo di questo tipo.

Tutta la trascrizione e reperibile anche su: 

www.infotdgeova.it/leggi/camera.

Sulla base di quanto abbiamo riportato sopra , possiamo certamente sostenere che i tdg, senza nessuna possibilità di smentita che i testimoni di Geova a differenza delle altre confessioni religiose sono un culto abusante.
Infatti anche i TDG applicano determinate tecniche che possiamo sintetizzare

In Fase di sviluppo: Posizionamento, legame empatico, regola di contraccambio, profezia che si autodetermina, love bombing, attribuzione di un ruolo.

Fase di controllo: addestramento , doppio legame, imitazione, isolamento dal mondo esterno e lealtà, impegno costante, semplificazione, ridondanza, riforzi, limitazioni dell'informazioni.

Chi ha avuto a che fare con una persona che è divenuta i testimone di Geova ha potuto notare un mutamento in seguito al condizionamento psicologico dello studio intrapreso con questo culto.

Il testimone di Geova si considera di appartenere ad un’organizzazione con la certezza, che lì e solo lì sta la Verità, dalla quale ha potuto conoscere il vero nome di Dio, la Bibbia,e glia ha fatto sperimentare la vera fratellanza (love bombing) che si respira la prima volta si va in sala, gli ha dato il coraggio, di portarla di casa in casa e il fatto che qualcuno possa vederci dei problemi, per il TDG sono solo astute menzogne. Ma, di fatto, sta evidenziando uno dei tanti problemi, ovvero l’impossibilità di confrontarsi con il mondo esterno. Infatti il TDG è indotto a bloccare tutte le informazioni critiche nei confronti del gruppo attraverso l’uso di meccanismi di difesa (razionalizzazione negazione) che ne riducono il campo di coscienza, e che servono a difendere l’identità del gruppo, per cui qualsiasi letteratura all’infuori del gruppo è rigettata a priori.

Inoltre alla domanda (sei sicuro che non sia una setta questo culto che vuoi abbracciare ) il TDG evoca ciò che era già previsto ovvero che l’aderire all’organizzazione avrebbe fatto si che Satana gli si scagliasse contro, attraverso i suoi familiari , colleghi di lavoro, amici e avrebbe fatto di tutto per deviarlo, aveva previsto pure questo tipo di domande a conferma della veridicità della WTS. 

Con queste basi, aver una conversazione con un TDG in merito, è alquanto difficile. Ergo , il neo TDG, viene condizionato a recidere i suoi legami con il mondo esterno in quanto pericolosi per una crescita spirituale, indipendentemente dai legami affettivi. E' molto importante notare il modo in cui gli appellativi tipo mamma associato all’organizzazione, fratello e sorella per gli appartenenti al gruppo, ed in relazione al tipo di isolamento che il CD pretende dai suoi adepti, i quali sono introdotto in un ambiente premuroso e caloroso in particolare la prima volta che mette piede in una sala del regno, e tutto questo porta a pensare che l’intento sia quello si sostituire la congregazione alla famiglia.

Si noteranno cambiamenti radicali e sia di livello emozionale e sia dal punto di vista sentimentale e perfino dal punto di vista estetico, modo di vestire, il taglio dei capelli ecc. in pratica il nuovo TDG deve abbandonare la sua vecchia identità i suoi pensieri e opere e dovrebbe conformarsi al modello del vero operatore (solo proselitismo) spesso questo atteggiamento non è sempre tollerato, specialmente nei casi ove un genitore esige rispetto, e si trova di fronte a prese di posizione da parte del figlio TDG che non riesce più a comprendere, e che potrebbe rivolgergli domande tipo : « Lo sapete che voi morirete perché non amate Geova? Perché volete che muoia anch’io? perché non volete che io ami Geova? ». …
Ora, Per il TDG la cosa più importante è la lealtà che egli deve a Geova ,(o meglio all’organizzazione) questa deve essere assoluta, non comparabile con quella che, per natura, deve ai suoi figli o agli altri componenti della sua famiglia.

Un esempio in tal caso sono le inspiegabili decisioni di alcuni genitori , in merito a non far trasfondere un figlio minorenne , se necessita di una immediata emotrasfusione,( per fortuna oggi interviene la magistratura) disposti a far morire un figlio dimenticandosi completamente che Dio gli potrebbe imputare tale decisione con il 5° comandamento ( non uccidere) pur di seguire le direttive del comitato direttivo.

Come sono molti quei genitori che pur di non infangare il nome di Geova , non hanno esposto denuncia in merito al figlio abusato sessualmente da parte di un membro della congregazione.

L’ostracismo conseguente ad una disassociazione previa un comitato interno, per il solo peccato di non ritenere più i capi dell’organizzazione guidati da nessun Dio.
Come è possiblile che accade tutto ciò? Spesso le tecniche di persuasione sono sottovalutate, e molte persone credono che mai e poi mai potrebbero cadere in certi retaggi, ma non è affatto così.

La maggior parte delle volte le tecniche di persuasione mentale colpiscono quelle persone che cercano nella religiosità un rifugio ai propri malesseri esistenziali, usando il credo come un ansiolitico o un anestetico: uno scudo ai mali della vita, o per il semplice cercare Dio . 

Nella Torre di Guardia ogni problema trova giustificazioni semplici e rassicuranti. I testimoni di Geova sono così persuasi di trovarvi tutte le risposte agli interrogativi endemici dell’umanità; incatenati a un’ideologia che giorno dopo giorno li rende schiavi delle loro certezze, e così la cosiddetta «verità» diventa di fatto la loro prigione.

Il testimone ricorre all’organizzazione per ogni sua azione. L’impossibilità di autonomia decisionale sviluppa una dipendenza di tipo infantile, dove l’organizzazione diventa la madre, e il padre viene incarnato dall’anziano. Abbandonare l’organizzazione equivale all’abbandono dei genitori e come tale viene vissuto e temuto.

La “libertà religiosa” oltre ad essere un diritto fondamentale dell’uomo, è un dono di Dio troppo grande da permettere a loschi individui di utilizzarla, distorcendola, per condizionare mentalmente, plagiando le persone , e in definitiva in nome della libertà religiosa distruggere la persona e la famiglia. la disciplina laicissima della antropologia culturale afferma che il “bisogno religioso” è connaturato nell'individuo come il “bisogno di mangiare, di bere e di dormire”.

Affermare che tutte le religioni siano uguali o creazioni artificiale e tutte atte al condizionamento mentale, significa che questo bisogno sarà sostituito in sottoforme subdole e irrazionali (es. oroscopo, maghi, cartomanzia, iridologia, pranoterapia, ecc.)

Su questo aspetto che noi, danneggiati direttamente o indirettamente da questo culto distruttivo e totalitario, come i testimoni di Geova , abbiamo il dovere di recare una corretta informazione, onesta.

Al fine di evitare sempre più persone che possono cadere nelle subdole trappole delle sette, affermazioni del tipo che tutte le religioni sono sullo stesso piano, danneggia una corretta informazione, e oltre che prendere in giro i credenti che vivono una propria religiosità in piena libertà prendono in giro se stessi e le proprie facoltà mentali.

In tal senso dobbiamo compattarci, affinchè venga sensibilizzato Stato laico ad intervenire con una “legge” per tutelare i cittadini, contro i culti abusanti.

EMILIO GIUSEPPINA·DOMENICA 19 MARZO 2017

Link su facebook della pagina: 

https://www.facebook.com/groups/1108925152528497



* * * * *


** queste per me sono assurdità: tanti dei diversi che vogliono adorazioni diverse?


* * * * *




Stai leggendo questa pagina da un cellulare?


indirizzo email dell'amministratore del blog:

27 commenti:

  1. Ho evidenziato alcuni passaggi per me assurdi con i due **

    Chi scrive l'articolo dimentica che molte religioni sono nate come culti abusanti (sette) poi evolute e secolarizzate

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Colomba bianca7 maggio 2017 07:16

      Buongiorno a tutti. Bellissimo.caro john, anche a me ha dato da pensare quella affermazione, ma soprattutto sulla sicurezza con cui si afferma che non siano gli uomini a creare da soli bensì siano rivelazioni di dei.
      Forse sono gli uomini che hanno delle esigenze, e per rispondere a queste loro necessità cercano, si fanno domande, ma in definitiva esprimono la divinità che è già in loro. Ed Ella si rivela a loro stessi nella misura in cui sono pronti a riceverla. Così a noi sembrano più dei, diversi, come hai notato tu. Ma forse siamo noi uomini diversi e percepiamo differenti stadi di un unica fonte di essere del tutto.di ciò che noi chiamiamo vita. Un unico creatore che manifesta se stesso in diversi modi, o noi lo conosciamo sotto diversi aspetti, ma questa diversità è un aspetto della nostra capacità di comprendere, di ricevere, limite in evoluzione continua.

      Elimina
    2. Si Colomba cara...anche la controversa figura del Cristo - sia o no di origine divina - acquisterebbe comnque senso e spessore ragionando sul fatto che potrebbe essere un Maestro per noi, un trait d'union con un invisibile che percepiamo appena, la divinità che è in tutto ciò che respira.

      Elimina
  2. A buttare via il bambino,insieme all'acqua sporca, sono bravi tutti. La WT insegna a fare di tutta l'erba un fascio,e si sbarazza puntualmente della testimonianza scomoda, insieme al testimone stesso ....perché,a quanto pare,per lei sono LA STESSA COSA.
    poi,a cose fatte,e a decisioni già prese, le evidenze mostrano che,dopo tutto,l'acqua ritenuta tanto sporca, la quale aveva indotto a gettare via anche il bambino....ERA PURE PULITA.
    se non è abuso questo,cosa lo è?
    Ale

    RispondiElimina
  3. Sicuramente la stragrande maggioranza degli aspetti evidenziati sono tristemente veri. La cosa più brutta è che tutti noi ci siamo caduti pensando "A noi non succederà mai!". - Simon Pietro

    RispondiElimina
  4. Un commento che è stato fatto ad un'adunanza;
    "Geova è nostro padre e l'organizzazione nostra madre"
    quindi chiesi dopo l'adunanza :ma Gesù Cristo chi è?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gesù è il terzo incomodo.

      Elimina
    2. A me un anziano in visita pastorale lo disse chiaramente " anche se sbaglia la mamma è sempre la mamma, non si tocca".
      Capii semplicemente che di fronte a paraocchi così grossi nessun argomento per quanto obiettivo e imparziale lo avrebbe reso una persona logica e obiettiva.
      Solo se lui stesso incapperà in qualche problema personale all'interno della società potrebbe risvegliarlo altrimenti andrà avanti col solito zelo che contraddistingue i nominati che in questa organizzazione umana ci credono veramente

      Elimina
  5. ognuno di noi dice la propria sul tema religione, qualcuno pretende anche di avere ragione o di possedere "la verità".... l'unica verità è che dopo qualche decennio di vita tutti torniamo alla polvere... e le chiacchiere restano tali, parole al vento, mentre la ragione... non appartiene a nessuno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Colomba bianca7 maggio 2017 14:39

      Buona domenica a tutti. @john..ne sei proprio sicuro? " la verità è che dopo qualche decennio di vita torniamo alla polvere...e le chiacchiere restano tali, parole al vento". Sei sicuro di quello che hai scritto carissimo john?
      Che bella l idea che le parole vanno via con il vento, chissà chi le raccoglie, chi le fa proprie, chi ci crea un universo sterminato sopra le nostre idee.
      Ma tu pensi veramente di essere solo polvere?
      E la polvere cos'è?
      Elettroni, elettroni in movimento da un orbita all altra a seconda di quanta energia abbiano.
      La polvere è essa stessa energia.
      Comunque la giri, tu sei energia.
      E guarda quanto universo stai creando con quel quanto di energia che ti appartiene.
      ma non lo vedi?
      Guarda quanti esseri, altre energie, si connettono con il tuo oceano sterminato di luce che hai disteso perché tutti ne beneficiassero.
      Non riesci proprio a vedere?
      Ci sono persone al sole che si rilassano, altri che corrono sulla Spiaggia per mantenersi in forma, altri che provano a nuotare, altri annusano il vento, altri studiano il sole e le sue manifestazioni...
      E tu cerchi di continuo di mantenere il tutto in equilibrio in modo che quante più persone possibili possano stare bene.
      Tu fai stare bene moltissime persone.
      Come puoi credere che tutte le tue energie convogliate in questo progetto che hai reso vivente, e le energie di tutti coloro che vivono la propria beatitudine o semplicemente La cercano dentro il tuo sogno, possano finire in un nulla.
      Se così fosse sarebbe un nulla magnifico...chissà cosa sarà in grado di realizzare oltre questa vita.

      Elimina
    2. Cara Colomba, non asserivo in maniera dogmatica una mia verità circa l'esistenza umana ma solo che ad oggi i fatti a cui assistiamo sono questi... a dispetto dei nostri discorsi

      Elimina
  6. Ho trovato interessante questo articolo e condivido le riserve di John sulle "rivelazioni" che avrebbero originato le religioni.
    Una cosa che penso potrebbe essere interessante ed utile è uno studio ed una ricerca riguardante le petsone che hanno avuto la forza di staccarsi dai tdG: caratteristiche caratteriali, circostanze, ambiente....
    magari uno studente di psicologia potrebbe farci un pensiero per la tesi.

    RispondiElimina
  7. l'essere umano "cerca" e dice di vederlo (il creatore) ovunque, in gesti quotidiani, a volte irrazionali, a volte casuali di cose semplicemente inspiegabili. Agli albori dell'uomo sapiens, era una scelta preponderante. Oggi si hanno molte scelte razionali e logiche, ma soprattutto spiegabili, al riguardo.
    La chiesa cattolica, lo chiama "mistero della fede", dove devi credere e basta. Ma anche la WT non scherza al riguardo. Ci si avvicina molto, con sinonimi.

    RispondiElimina
  8. Pure Geova org sta facendo "nuove rivelazioni", peccato che pure li' s il commento non è in armonia con ciò che viene
    "impartito",non viene pubblicato.

    RispondiElimina
  9. E' un tema molto forte questo soprattutto per i tdg che ovviamente non si ritrovano con quanto riportato.A mio avviso tante cose di cui sopra sono vere.Adesso è stato variato il termine da setta a culto abusante.Tanti non riescono a guardare oltre e se gli fai notare qualcosa arrivano subito con la loro letteratura per smentirti.Ecco chi si comporta così non potrà mai ragionare con la propria testa.Loro vedono amore e sincerità in tutto.A volte nelle disassociazioni quando si sfasciano le famiglie senti commenti del tipo.... non ha riconosciuto i propri errori....la legge di Dio è fatta così.Poi magari vedi il fessacchiotto di turno gonfiare il proprio petto e vomitare che con un proprio caro (fratello di sangue, padre madre ecc.) non ha rapporti da 15 anni o cose del genere e ne vanno fieri.bo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Più che vedere l'amore e la sincerità in tutto,Infervorato, secondo me è meglio dire che DISTORCONO il significato di queste parole... così come di molte altre. La maggior parte, credo lo faccia pure inconsapevolmente o inconsciamente, il che rende ancora più difficile prendere atto del problema, al fine di iniziare a lavorarci sopra . Per questo,non sono mai stato d'accordo,nemmeno su alcuni consigli che spesso vengono dati a quei tdg che li chiedono qui sul blog. Consigliare ad un tdg che vorrebbe allontanarsi da quel sistema, cose del tipo " FINGITI malato o depresso, vedrai che ti lasceranno in pace" ,oppure "non uscire più in servizio, ma FALSIFICA i rapporti, così non rompono", o altro di questo tipo....secondo me non li può affatto aiutare. Magari AL PRESENTE, quello sì,ma di sicuro NON IN PROSPETTIVA FUTURA. Nel momento in cui ci si rende conto di essere circondati da un sistema IMPRONTATO SULLA FALSITÀ, provare ad uscirne ATTRAVERSO ALTRE FALSITÀ, solo per provare a rendere la cosa più INDOLORE possibile.... non credo possa davvero aiutare. È abbastanza facile vedere la falsità o la malizia INTORNO A NOI. molto più difficile, invece, cercarla DENTRO DI NOI. Ma,se imputo ad un sistema, la colpa di mentire o travisare le cose, solo per il proprio TORNACONTO PERSONALE, dovrei poi avere il coraggio e la coerenza di usare quello stesso metro di valutazione ANCHE SU DI ME. L'unico modo,a mio avviso,per uscire davvero da un sistema improntato sulla falsità e sull'ipocrisia, è quello di essere SPIETATAMENTE SINCERI. prima di tutto CON SÉ STESSI,che è la cosa più difficile in assoluto. E,in conseguenza di ciò, successivamente anche CON GLI ALTRI. Ma è pur sempre vero che, uscirne in questo modo, nonostante sia l'unico modo veramente possibile ( secondo me,ovvio),NON È MAI INDOLORE.....e quindi si cerca altro,perché, ovviamente, nessuno ama il dolore. Spesso,mentiamo a noi stessi, nella speranza di rifuggire quel dolore. Lo facciamo INCONSAPEVOLMENTE,il più delle volte... ma lo facciamo cmq. Poi,una volta che abbiamo CONVINTO NOI STESSI, proviamo anche a CONVINCERE IL MONDO INTORNO A NOI,e senza nemmeno realizzare di aver assecondato questo meccanismo. CREDIAMO DI ESSERE SINCERI,perché prima ,ci siamo CONVINTI DELLE NOSTRE BUGIE....e il tutto diventa ancora più complicato. L'unica cosa che NON MENTE,alla fine, sono alcuni tipi di EVIDENZE. E,se decido di USCIRE DA UN INGANNO, ma lo faccio PER MEZZO DI ALTRI INGANNI.....allora,quelle EVIDENZE,dovrebbero avvisarmi del fatto che SONO ANCORA DENTRO AD UN INGANNO. Ale

      Elimina
  10. Salve, credo di aver fatto un pasticcio nel pubblicare; se ho usato la mia mail vi chiedo di non usarla ma di usare il nick che uso di solito: Tony. Grazie e scusate. Ciao da Tony

    RispondiElimina
  11. Anonimainattiva8 maggio 2017 15:13

    Come ho commentato ora nel blog di Victor, più leggo e mi informo nei vostri articoli, più mi chiedo se la scrittura di Rivelazione 18:4 si riferisca ai TdG; "..Uscite da essa, o popolo mio; se non volete partecipare con lei ai suoi peccati, e se non volete ricevere parte delle sue piaghe".. Un abbraccio a tutti voi....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anoniminattiva....che sia così, o meno, alla fine cambia poco. Bibbia o non Bibbia, Dio o non Dio....SE CAPIAMO di far parte di un gruppo di persone che pratica UN MALE COLLETTIVO,la nostra coscienza dovrebbe spingerci cmq ad allontanarcene. Per il male che subiamo NOI al suo interno,certo....ma ancor di più per il male che,volente o nolente, contribuiremmo a fare AD ALTRI. perché conta davvero poco se,all'interno di quel gruppo, " A ME le cose possono pure andare bene così ",dal momento che,al mondo, esiste anche una cosa chiamata IL PROSSIMO. Bibbia o non bibbia, Dio o non Dio....la nostra COSCIENZA non dovrebbe mai portarci a credere che,IL NOSTRO BENESSERE, sia più importante, o superiore, di quello ALTRUI. magari poi si torna davvero alla polvere, e tutto finisce così.... ma c'è cmq MODO E MODO DI TORNARCI! ci si può tornare a testa alta (per quanto umanamente possibile) ,oppure strisciando. Nel qual caso,se non osiamo mai ALZARE LA TESTA, allora non torniamo semplicemente alla polvere. Semplicemente, da quella polvere, NON NE SIAMO MAI USCITI. Ale

      Elimina
  12. Purtroppo è difficile riuscire ad avere un dialogo tranquillo con loro perchè non si spingono al di fuori della loro letteratura anche quando li metti difronte all'evidenza.Qui in questo blog sicuramente tante persone avranno avuto esperienze particolari nella propria vita soprattutto perchè ognuno di noi in questa vita non è niente e può succedere qualsiasi cosa all'improvviso.Pensate a quanti di voi hanno avuto problemi e di corsa in ospedale.Chi si è presentato all'ospedale insieme ai vostri cari? Il responsabile sanitario cioè colui che ha il compito di venire a verificare se tu per qualsiasi motivo decida di salvarti la vita o morire (perchè non è sempre vero che ci sono le soluzioni alternative al sangue),in tanti credono che quello è gentile e si preoccupa di noi ma non è così viene per fare bene il suo lavoro e se ci pensate è corresponsabile di quello che succede o può succedere.Tanti hanno aperto gli occhi dopo situazioni non belle legate anche al tema del sangue.Ora io mi chiedo ma perchè non vi rendete conto prima?Perchè non capite che ognuno deve essere libero?In più vi dico che ci sono i volponi che alcune cose le fanno lontani da voi magari accettando la trasfusione. Che botta scoprire ciò.Alla faccia della verità!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. in poche parole, il responsabile sanitario farebbe la parte del Boia.

      Elimina
  13. Spesso mi lascia senza parole che testimoni che hanno compreso l'inganno si mettano poi alla ricerca di altre prigioni. Mi viene in mente il profeta di un altro sito anti-testimoni, il quale dice di essere suo malgrado famoso e naturalmente scelto da Dio. Scrive nuovi libri della bibbia ispirati, per poterli leggere, almeno per il primo, occoreva la carta di credito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anonima Toscana9 maggio 2017 14:12

      Pienamente d'accordo con te Fausto!! Anch'io sono rimasta sconcertata!!

      Elimina
  14. Salve. Personalmente penso che ormai per la WT tutti i nodi stiano venendo lentamente al pettine anche se ai piani alti si sta facendo di tutto per insabbiare il passato e farlo passare 'in cavalleria' come il naturale risultato della luce progressiva... Ricordo quando si studiavano, negli anni 70 e 80, le pubblicazioni dense di 'intendimenti' riguardo le profezie di Isaia, di Daniele, etc. Vorrei chiedere adesso ai vertici WT dove sono finiti quegli intendimenti, che fine hanno fatto tutte le cose che sono state propinate negli anni scorsi in pubblicazioni come quelle relative all'evoluzione, all'Apocalisse di Giovanni e altre. Non ho ancora i capelli bianchi ma ho visto generazioni andare e generazioni venire in questa istituzione ma benché si sia detto tutto e quasi il contrario di tutto a livello dottrinale, basilarmente l'atteggiamento di questa organizzazione è stato sostanzialmente caratterizzato sempre dalla stessa ipocrisia, dal bordeggiamento interpretativo di passi biblici e dalla decontestualizzazione di frasi prese dalle Scritture per sostenere le proprie strambe teorie. Ormai di scritturale non esiste quasi più nulla in quel che dice questa istituzione editoriale americana. E la vecchia pubblicistica editoriale mandata al macero, l'impostazione pateticamente holywoodiana dei video presentati alle assemblee, le avventure di Lele e Sofia che dietro una facciata di educazione biblica e buonismo domenicale vanno contro ogni logica pedagogica raccontano che l'implosione di questo castello di carte è ormai dietro l'angolo. Ma ciò non scalfirà minimamente i piani alti, pronti a riciclare e a riciclarsi. Sarebbe ormai ora che i governi facessero delle serie indagini fiscali sulle attività finanziarie della WT e di altre istituzioni religiose similari per capire, a parte i risarcimenti dovuti alle vittime della pedofilia, dove vanno i soldi ricavati dalla vendita delle sale assemblee, delle stamperie e delle filiali di mezzo mondo. E state sicuri che ben presto chi dirige questa istituzione si smarcherà da altre responsabilità e lascerà la gran massa dei Testimoni sempre più sola. Non parlo dei vari gradi intermedi di questa piramide trasformista ma di tutte quelle brave persone che ci credono e ci hanno creduto, gente che è morta rifiutando una trasfusione, che ha preferito lasciare un lavoro sicuro per fare altri proseliti e che ha accettato i lavori più umili per poi ritrovarsi, in età avanzata, con un pugno di mosche in mano. E' a questi che va il mio pensiero, a chi non ha voce, a chi è stato espulso ingiustamente, alle mogli di anziani falliti e dispotici, che hanno sofferto in silenzio, a coloro che si sono ritrovati soli, senza casa e senza un lavoro, per aver intrapreso la tanta agognata 'carriera spirituale', ai tanti giovani che si sono rovinati la vita per essersi sposati presto, vittime di pressioni e angherie dei santoni di turno e l'elenco potrebbe continuare a lungo...Ma non si illudano i vertici e i furboni che stanno dietro le quinte: tutto verrà alla luce! Zabrinsky

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Zabrinsky, quanta amarezza nelle tue parole per altro giustificata.

      Hai ragione nel dire che una volta il testimone di Geova aveva di più l’impressione di studiare le scritture con tutte quelle profezie su Isaia, Daniele e Rivelazione. I libri negli anni 70, ma anche le riviste, erano più “toste” da digerire. Il linguaggio usato era più ostico e si aveva l’impressione che questo era cibo solido a suo tempo.

      Oggi la gente mangia più leggero. Libri e riviste sembrano stampate per cervelli sottosviluppati e le rispostine alle domande sono di una ingenuità disarmante. Tutto perché la mente deve essere lasciata in parcheggio. Non serve pensare, serve ubbidire, ubbidire sempre.

      Ti auguri che i nodi vengano al pettine? Ce lo auguriamo tutti, specialmente per i nostri familiari che non riescono, o non vogliono proprio, aprire gli occhi.
      Stanno insabbiando tutto distruggendo il loro passato. Probabilmente cambieranno anche denominazione religiosa così da cancellare il loro passato da Testimoni di Geova. E tutti saranno di nuovo entusiasti per quel nuovo “provvedimento di Geova”.

      Io sono uno di quelli che era “giovanissimo ed è invecchiato” tra quella gente e ti posso dire che quando sei dentro non riesci a vedere le cose con obiettività. Pensi davvero sempre a un attacco da parte di Satana.
      Vivi in un sogno e perdi il contatto con la realtà. Non hai a disposizione la trottolina di Inception per accorgerti se ciò che vedi è vero o falso.

      D’altra parte a chi non piacerebbe avere la soluzione a tutti i problemi dell’umanità? Come fai a competere con la promessa (vera o fasulla) di vita eterna? E non ti chiedi come questo sia possibile perché ti convinci che a Dio tutto è possibile. Così come i musulmani non si chiedono da dove dovrebbero venire le vergini e i paggi che li aspettano nel loro paradiso se muoiono da bravi seguaci di Allah. Ed è per questo che sono disposti a morire e a far morire gli altri per la loro fede. Niente domande. Solo soluzioni. Costi quel che costi.

      Non è così anche il bravo Testimone di Geova che per la fede non esita a morire e a far morire, se necessario (dal loro punto di vista), anche i figli, ad esempio in caso di trasfusione?

      Purtroppo quando i nodi verranno al pettine, come da te e da tutti noi auspicato, ci saranno sempre moltissime persone che diranno “Ecco, questo è l’ennesimo attacco di Satana. Dobbiamo rimanere uniti ed avere fede in Geova e nel suo schiavo”, con buona pace di tutti gli altri che a quel punto potranno soltanto constatare che a niente serve l’uso della ragione. – Simon Pietro

      Elimina
  15. Zabrinsky,le tue parole sono musica che speriamo qualcuno suoni ,io spero di poter vedere cadere questa " torre " di prigionia.

    RispondiElimina
  16. Colomba bianca13 maggio 2017 23:17

    Che dolce amarezza le tue parole , carissimo Zabrinsky, anche io penso che i castelli di carte stanno cadendo
    E mi fa molto piacere leggere queste tue lucide descrizioni, hanno un gusto amaro ma le sento scendere nell animo come una lenta e potente medicina
    Di quelle che provocano conati violenti
    Per espellere veleni e purificare gli organi.

    RispondiElimina

E' OBBLIGATORIO FIRMARSI CON UN NICK (QUALSIASI) Non usate termini scurrili, insulti, calunnie, incitamenti all'odio razziale ed alla violenza, e NON menzionate la persone per nome o cognome reali. Sono vietati lo spamming, il copia-incolla ripetuto, i link a siti non approvati dalla redazione, i messaggi provocatori.
Altrimenti i post non saranno pubblicati o verranno cancellati.
La moderazione dei commenti è insindacabile ed a cura della redazione del blog. Se i vostri commenti non vengono pubblicati potete chiedere spiegazioni scrivendo alla redazione (vedi "come commentare" in alto nella colonna a sinistra)

Grazie

L'indirizzo email del blog lo trovate in fondo alla pagina (non nella visualizzazione per cellulari)