Usando questo sito, dichiarate di aver letto il Disclaimer e le norme sulla Privacy relativa ai contatori Shinystat e whos.among.us


Per capire come "nasce" questo blog, leggere le pagine info sul blog nella colonna a sinistra
Un
archivio del blog, con tutti i post fino ad oggi pubblicati, elencati per mese, lo trovate in fondo alla pagina

NORME relative ai commenti alla pagina "COME COMMENTARE"

“Non c’è nulla di male se una persona cerca di confutare gli insegnamenti e le pratiche di un gruppo religioso che ritiene in errore”. (Svegliatevi! 8 settembre 1997, pagina 6)

mercoledì 4 maggio 2016

Giovani, siete pronti per il battesimo?



“Chi di voi volendo costruire una torre non si mette prima a sedere e non calcola
la spesa, per vedere se ha abbastanza per completarla?” (LUCA 14:28)

L’articolo di studio della Torre di Guardia di questa settimana che va dal 2 all’8 maggio ha questo tema e si rivolge a tutti i giovani cresciuti in famiglie di testimoni di Geova.
Guardiamo in che modo usano le loro tecniche di indottrinamento (molto sottili a dir la verità) facendo credere a questi giovani che sono loro stessi a prendere la decisione di dedicarsi e battezzarsi.

Essa dice:
Faresti bene a riflettere sulle seguenti tre domande che ti aiuteranno a valutare se sei pronto per il battesimo:



(1) Sono sufficientemente maturo per prendere questa decisione? 
(2) E quello che desidero davvero? 
(3) Comprendo cosa significa dedicarsi a Geova?

Le risposte standard a queste domande sono evidenziate nei successivi paragrafi di studio e recitano così:
  1. La Bibbia dice che le persone mature “hanno le loro facoltà di percezione esercitate per distinguere il bene e il male” (Ebr. 5:14). Quindi la persona matura sa ciò che e giusto agli occhi di Geova ed è assolutamente determinata ad attenervisi.
  2. Inoltre devi stare attento a non considerare il battesimo una sorta di rito di passaggio all’età adulta a cui prima o poi bisogna sottoporsi.
  3.  In parole semplici, quando dedichi la tua vita a Geova rinunci alla proprietà di te stesso. Prometti a Geova che anteporrai la sua volontà a qualsiasi altra cosa.
Cerchiamo ora di ragionare intorno a queste risposte.

  1. La maturità è vero che può essere un fattore individuale ma bisogna riconoscere che nella stragrande maggioranza, per non dire nella totalità, delle volte viene acquisita con l’esperienza e mi chiedo francamente che esperienza di vita possa essersi fatto il giovane di nome Christopher di 12 anni menzionato nel paragrafo. Esso viene lodato perché ha preso la determinazione di battezzarsi e a 17 anni di servire come pioniere regolare. Nominato successivamente Servitore di Ministero oggi presta servizio alla Betel, a spese dei fratelli che contribuiscono. Carriera luminosa, non c’è che dire.
  2. Se nella congregazione anziani, servitori di ministero, oratori dal podio, fratelli e sorelle ti spingono verso il battesimo e vedi gli altri battezzarsi, diventa logico di volerlo fare anche tu per essere accettato dal gruppo. Succede nelle sale del regno, nelle scuole, nei circoli ricreativi, nelle palestre e via discorrendo. Se vuoi essere accettato ti devi adeguare agli altri: è normale (che non significa “giusto” ma “nella norma”). Da qui la retta comprensione del significato del passo che si compie...
  3. Ma siamo sicuri che quando ci battezziamo facciamo solo “pubblica dichiarazione della nostra fede” dedicandoci a Geova?  Oppure stiamo facendo pubblica dichiarazione di essere identificati con una società editoriale (anche se, a detta loro, senza fine di lucro)? D’altra parte la stessa dicitura a pagina 2 della rivista Torre di Guardia, da dove è tratto questo articolo, dice di chiamarsi  “Watch Tower Bible and Tract Society of Pennsylvania”  (Società Torre di Guardia di Bibbia e Trattati della Pennsylvania), una società editoriale a tutti gli effetti quindi. E per quanto riguarda il “senza fine di lucro” basta vedere a quanto ammontano i suoi beni e i suoi possedimenti materiali, di cui Geova non ha bisogno.

Riprendo la scrittura di Luca 14:28 che fa da base a questo articolo di studio:
“Chi di voi volendo costruire una torre non si mette prima a sedere e non calcola
la spesa, per vedere se ha abbastanza per completarla?” 

Basta vedere quante persone scontente o in depressione ci sono all’interno delle congregazioni, per capire che non avevamo tutti i dati per fare i calcoli di quanto ci sarebbe costato costruire questa “Torre” che continua ad opprimere tante pecore del Cristo. Spero di cuore che altri possano rendersi conto di questa spesa, perché alla fine tutto ciò porta solo lacrime e risentimento.



Marzia Duemilaundici





* * * * *




Stai leggendo questa pagina da un cellulare?



oppure:







90 commenti:

  1. I genitori stessi, anche se tdg, dovrebbero essere avveduti nel non indurre i loro figli a battezzarsi, considerando le conseguenze a cui potrebbero andare incontro i loro figli qualora volessere fare una strada diversa o qualora manifestassero dissensi rispetto agli intendimenti dei capi. Avrebbero un ostracismo a vita senza loro colpa perchè in tenera età non potevano prevedere quali obblighi impone la wts ai "battezzati"-associati che in realtà non ha niente a che vedere con il battesimo vero ma certamente lo ha con l'associazione inconsapevole dei ragazzini.

    RispondiElimina
  2. Se si analizzano tutti gli esempi di battesimo nel nuovo testamento vediamo che si tratta di un impegno preso esclusivamente con Dio. Non c'e' nessuna menzione di un' organizzazione. E come potrebbe essere dato che l'organizzazione esiste dal fine 1800? Bisogna anche ricordare che per molti anni fino a tempi recenti l'organizzazione stessa ha dichiarato che non si battezza nel nome di una persona o organizzazione. Col tempo questo e' cambiato, adesso si battezza nel nome di Geova + organizzazione andando completamente contro quello che ha indicato Dio e suo figlio. Anzi direi che l'organizzazione ha preso il posto di Gesu' come mezzo di salvezza. Infatti l'organizzazione insegna che non e' sufficiente credere in Dio e in Gesu ma bisogna essere associati all'organizzazione. Ovviamente tutti questi trucchetti sono difficile da comprendere per un bambino o persone con poco istruzione e quasi nessuna conoscenza della storia dell'organizzazione. Infatti vi invito a studiare come e' cambiato nel corso nel tempo il modo in cui l'organizzazione battezza. Sono forse cambiate le scritture no. L'organizzazione ha adattato le scritture a suo piacimento.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Marzia! Ma anche a Filemone e a Mario per le acute osservazioni.
      Volevo chiedere a tutti gli utenti del blog se, nel caso di un minorenne, la qualifica di socio della Watchtower può essere considerata non valida, data appunto la minore età.
      Dal momento che nel nostro Paese, a titolo di esempio, non è possibile conseguire la patente di guida per l'auto o votare prima dei 18 anni, non sarebbe contestabile l'acquisizione dello status di socio? In caso affermativo, non sarebbe possibile neppure l'ostracismo per chi non volesse più restare socio.

      Elimina
    2. A proposito di giurisdizione nel nostro paese ry,pure se vuoi accedere ad un prestito o un mutuo di certo non è consentito a un minore perché non è giuridicamente pronto per svolgere azioni del genere..il battesimo dei minori uguale.racconto la mia esperienza.mi sono battezzata a 13anni ed è un età particolare in cui sei molto vulnerabile..posso dire con tutta franchezza che si pensavo certo al significato ma il desiderio di essere accettata era più forte.a casa mia mi hanno spinta a fare questo passo e con molta insistenza perché per loro il battesimo era importante..ma c era un punto:tutto bello, emozionante e poi..se un giorno avessi sdeciso di lasciare???a un ragazzino difficilmente gli vengono detti i contro..anzi mi dicevano che se non mi fossi battezzata geova non mi avrebbe mai accettata...mi ero pure battezzata per paura..una ragazzina di 13anni cosa può capire! alla fine..feci il grande passo ma poi con il tempo crescendo ho visto cosa succedeva perché c erano alcuni che studiavano e non si battezzavano mai,persone sempre presenti all adunanza,preparate pure nei commenti e gli anziani che li trattavano come dei perfetti sconosciuti perché non si battezzavano mai.dopo capii la fregatura..nessuno ti dice cosa ti succede se un domani te ne vuoi andare se sei battezzato.vedevo con gli anni tanti che furono disasdiciati ma i miei non fecero mai trapelare in casa notizie dei loro famigliari che li ostracizzavano..mi raccontavano sempre che erano loro che erano andati via di casa...io non ho mai capito perché con me su questo punto di vista non fossero mai state sincere e da me la pretendevano a secchiate fino all ultimo!questo per dire che scoraggerei il battesimo in giovanissima età e senza imposizioni e poi essere onesti,spiegare tutte le conseguenze..il soggetto deve sapere se fa certe scelte in futuro a cosa va incontro..e non deve servire per fare numero perché deve rimpiazzare altri che escono perché ormai lo scopo del battesimo in giovane età è solo quello

      Elimina
    3. Ciao Debora buongiorno,ti capisco pienamente io a 29anni sono stata disassociata ho tutta la famiglia dentro e pure bigotta.e i ostracismo e dolorosissimo.ho perso tutto e tutti perché non oltre a non aver capito sono stata pure ingannata.brucia ancora la ferita ma ormai sta guarendo.un tenero abbraccio.Emanuela.

      Elimina
    4. Armando Ciccone5 maggio 2016 16:41

      Ciao ema
      Non hai mai pensato di arrivare un bel giorno a casa dei tuoi, quando sai che ci sono anche gli altri membri della famiglia, e salutare tutti con un bel sorriso, sederti a tavola e iniziare conversazioni come se niente fosse, solo per metterli nel imbarazzo?
      Io lo farei sicuramente, sono cose che mi piacciono.
      Anche bello quando incontri un fratello per strada salutarlo, chiedergli come sta e vedere se in piena città si osa a far finta di non conoscerti.
      Secondo me sarebbe il divertente nell'essere disassociato.

      Elimina
    5. x Armando Ciccone: se speri che si imbarazzino non ci contare molto, ho conosciuto uno in provincia di TO che dopo essersi dissociato non si faceva problemi a salutare tutti i tdg che incontrava, ma sai che dicevano di lui? che aveva una bella faccia tosta perchè sapeva che non doveva salutare. Questi signori si credono su una torre d'avorio dove ogni onore è dovuto, mentre da dissociato non ha fatto altro che esercitare il proprio diritto di libertà riacquisita, non sentendosi più tenuto a rispettare certe regole fasulle.
      Sul fatto di quelli che si girano dall'altra parte è successo a mia mamma, non sapeva che era stato fatto l'annuncio dal podio che non era più una sorella, ha smesso semplicemente di frequentare come me, e lei continuava a salutare tutti normalmente. Il figlio di una sua cara amica per strada si è voltato e se ne è andato. A dirla tutta ci sono invece sorelle che la salutano ancora.... bah.

      Elimina
  3. Riflettevo sui versetti di Matteo 28:19,20. Con molta chiarezza Gesu dice:

    Matteo 28:19-20La Nuova Diodati (LND)

    19 Andate dunque, e fate discepoli di tutti i popoli, battezzandoli
    nel nome del Padre e
    del Figlio
    e dello Spirito Santo,

    Gesu' parla di qualcos'altro? Se l'organizzazione prende alla lettera i versetti di Atti fino a fare morire persone, perche' non fanno la stessa cosa con questi versetti?

    E' un linguaggio semplicissimo. Il battessimo si fa accettando l'autorita' di Dio. Devi essere soggetto a manipolazione mentale per dire oltre quello che e' esposto chiaramente nelle parole di Gesu'.

    Io ricordo che negli anni 70-80 del secolo scorso che chi era gia' battezzato da adulto da un altra religione Cristiana non c'era bisogno di battezzarsi di nuovo. I fratelli dicevano che il battessimo era uno. Allora cosa e' cambiato dopo 1980 anni dall'inizio del Cristianesimo.

    L'organizzazione ha modificato la formula del battessimo includendo l'organizzazione cosi che la persona fa una specie di contratto con l'organizzazione. Questo per risolvere questioni legali.

    C'e' anche da aggiungere che spesso gli anziani fanno la domanda a fratelli che espongono i loro dubbi...tu credi che lo schiavo sia stato scelto da Gesu'?

    Praticamente credere nello schiavo e' adesso la cosa primaria, questo per dure righe in Matteo dove Gesu' ha voluto spiegare di essere vigilanti usando l'esempio dello schiavo. Dato che l'avere schiavi era comune allora.

    Tanti di noi che sono diventati testimoni l'hanno fatto per motivi nobilissimi, e Dio sa quando lo amo e amo la giustizia. Pero' si sta facendo tanto male a tante persone. Non 'e giusto che famiglie vengono divise per delle interpretazioni. Mi appello a tutti coloro che hanno buon senso e vero amore per il prossimo di fare di tutto affinche questo finisca.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo questa casa editrice o SOCIETA' ci a portato in pieno Medio Evo,io credo che sè tornasse Gesù nella carne, questo spirito Farisiaco,Rabbinico,legalistico,autoritarista come minimo Gesù saqrebbe disassociato.

      Elimina
  4. Confermo tutto. Battezzata a 11 anni a 20 non ero più sicura di nulla e dopo 23 anni da disassociata mi ritrovo sola senza essere ancora capace a uscirne mentalmente perché tutta la mia famiglia, genitori, zii e cugini sono tutti dentro. Un ergastolo dolorosissimo! !!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuta Debora....

      11 anni... poi si vantano che non battezzano bambini... ma questo battesimo è PEGGIORE di quello della chiesa cattolica.
      Se un cattolico cambia opinione NON viene rinnegato da familiari ed amici.

      Che vergogna. E qualcuno crede ancora che predicando queste dottrine stia facendo la volontà di Dio...

      Elimina
    2. E ovviamente dentro mi ci metto anche io... oggi capisco invece che la disassociazione NON è espressione di amore, ma di MANCANZA totale d'esso... più guardo dentro il contenitore vuoto che mi sono lasciato alle spalle, più mi accorgo che dentro non vi è traccia di cristianesimo...

      Elimina
    3. Circa 23 anni fa mio figlio decise di battezzati a 15 anni e noi genitori vedevamo chiaramente che non era il caso è lo facemmo presente all anziano che tranquillamente ci disse ..magari avessi un figlio come il vostro.....l anno dopo mio figlio era disassociato e lo è tuttora schifando giustamente l organizzazione....nel 2015 all assemblea di Roma il responsabile delle relazioni con la stampa A.Z.spiegava che x battezzare un minore occorre il permesso dei genitori mentendo sapendo di mentire

      Elimina
    4. Ma anche se fosse vero... quindi con il permesso dei genitori è possibile far sposare un minorenne, fargli prendere la patente di guida, farlo votare... no chiedo?!?!? Ad A.Z. (sarebbe Andrea Zorzetto)? Lo conosco...

      Elimina
    5. Ci conosciamo allora..

      Elimina
    6. Ci conosciamo allora..se la memoris non mi inganna questo az dovrebbe avere un fratello s dovrebbe chiamarsi..

      Elimina
    7. disassociare un minore, implica problemi anon finire anche ai familiari, che vengono vessati dai nominati con lenuove direttive. Se invitano a casa fratelli, il disassociato, non può mangiare con loro, è relegato in luoghi che non reca biasimo ai genitori, D'altra parte appena maggiorenne, è invitato gentilmente a cacciarlo di casa,pena sanzioni e perdita di privilegi in sala.
      Ridendo e scherzando si incoraggia il genitore (i) a violare la legge. Perchè x legge il figlio può restare a casa, finche non lavora e possa sostenersi. Ma agli anziani non interessa ...

      Elimina
    8. Non è vero....mi sono informato l intervista è stata rilasciata al giornale il tempo il 15 8 2015...non è Zorzetto è un altro viscido

      Elimina
    9. Posso confermare che a mia madre non avevano chiesto niente..nessuna formalità. Pur di fare proselitismo e formare nuove congregazioni se chiedessero pure il permesso dei genitori addio!i genitori che conoscono bene i figli,così si presume,non credo che darebbero carta bianca facilmente sapendo poi l ostracismo che comporta...ma siccome per me i figli li considerano carne da macello per la wt poi si lamentano e piangono quando i figli escono adfossandogli a loro tutte le colpe di questo mondo..Non c e coerenza

      Elimina
    10. ops... o forse mi confondo con un altro zorzetto XD

      Elimina
    11. Io pure ne conosco uno...ma tu Victor sei di roma

      Elimina
    12. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
    13. ema79, L'Andrea che conosci tu (addetto stampa)dovrebbe essere Zac....lo.

      Elimina
  5. Confermo tutto. Battezzata a 11 anni a 20 non ero più sicura di nulla e dopo 23 anni da disassociata mi ritrovo sola senza essere ancora capace di fare pace con me stessa. Una grandissima solitudine, perché tutti sono dentro genitori, fratelli, zii cugini. Un ergastolo dolorosissimo. Un abbraccio a tutti e grazie per quello che scrivete mi fanno sentire meno sola.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Invece quelle "cattive persone del mondo", quando torni da loro (nel senso che abbandoni l'organizzazione e riprendi a frequentarli) non ti trattano come un ex-appestato...

      tutta la mia solidarietà, Debora...

      Elimina
    2. Perché Gesù si battezzo a 29 anni, benché avesse dimostrato ha a 12 anni la sua indiscussa mentalità spirituale?
      S doveva lasciare un esempio lo ha fatto chiaramente...
      Perché i genitori se l dimenticano....?

      Elimina
    3. certo cara Red Fox...questo dimostra come la manipolazione mentale abbia effetto...

      Elimina
  6. una famiglia di fratelli che mi abita vicino ha una figlia battezzata a 14 anni e disassociata sei mesi dopo. Ora ne ha più di 40 e i genitori non possono mangiare insieme altrimenti li segnano...però quando stanno male i fratelli se ne lavano le mani perché tanto hanno una figlia che li può aiutare...
    un giorno è venuta a chiedermi se io inciampavo che va a casa loro ...visto che sono una vicina...ma roba da matti! Io a volte le ho anche lasciato qualcosa per cena quando arriva tardi dai turni sul lavoro...ma i fratelli inciampano...
    per 6 nesi di "militanza", una vita di ostracismo! Per lei e per la famiglia...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Post Scriptum5 maggio 2016 21:33

      Sono d'accordo su tutto ciò che hai scritto ad eccezione che se i genitori mangiano con la figlia verrebbero segnati. Questo non è vero, mi sembra strano che tu non lo sappia.

      Elimina
    2. Gli anziani spesso sono fortemente "ignoranti", molti anziani hanno segnato persone che frequentavano i figli disassociati.
      Solo quando i poveri genitori si sono ribellati ed hanno contattato il CO, solo allora è stato ricordato agli "anziani" che il KS non prevede la segnatura per chi frequenta i figli disassociati, A MENO CHE non si giustifichi pubblicamente una eventuale loro condotta sfacciata, OPPURE non si critichi apertamente l'operato di chi a suo tempo li disassociò (cit KS)

      Elimina
    3. Ad esempio se un figlio/a disassociato/a convive con il partner senza essere sposato/a , il genitore può frequentarlo/a (in maniera discreta) senza però gridare nelle pubbliche piazze (sto facendo solo un esempio) che convivere senza essere sposati non è poi una cosa grave, o senza diffondere l'idea che ha suo tempo la sua disassociazione era ingiusta o eccessiva.

      Elimina
    4. caro Post Scriptum, non è che non lo sappia...è che tu non conosci questi anziani, e nemmemo il co che si aggira da queste parti...
      e se scrivi alla betel, contaci che gli anziani hanno ragione per partito preso!

      Elimina
    5. scusa Post Scriptum...ma nelle nostre lande desolate c'è anche qualche famiglia che ha avuto la sorte di essere segnata per questo...non sempre quello che si dovrebbe fare è quello che realmente si fa. Anzi, quasi mai...

      Elimina
    6. John io ho convissuto per cinque anni con mio marito prima di sposarci e ti dirò considerato alla stregua di un criminale...Lasciamo perdere che stasera non è aria..io disassociata e mia madre a fare la rana dalla bocca larga..dicendo sempre che ero nel peccato

      Elimina
    7. Ma il KS come giustifica che i genitori possono frequentare i figli ? Con quali scritture ? se devi ostracizzare, o lo fai con tutti o non lo fai con NESSUNO !! .....dunque questi signori del CD si contraddicono e lo fanno in mala fede , perchè fondamentalmente SANNO che l ostracismo non è cristiano, e che stanno strumentalizzando alcuni passi scritturali , il CD allora a sto punto dovrebbe vietare ai genitori di non salutare nemmeno i propri figli !!..... ma in questo caso DOVE VANNO A FINIRE le famose scritture tanto care al CD di corinti 5 e di 2 giovanni 10 ?

      Elimina
    8. sul blog c'è il link dove puoi scaricarlo e leggerlo tutto....

      Elimina
    9. Post Scriptum5 maggio 2016 23:18

      Ok, quindi non c'è segnatura per chi mangia col figlio disassociato ma è una cosa che può succedere come può succedere che un vigile dia una multa per dispetto senza nessuna infrazione del codice stradale. E' solo per dirla correttamente mica per altro. Che la situazione da te descritta sia assurda e ingiustificabile è lapalissiano.

      Elimina
    10. In realtà riflessivo le direttive sono quelle: se i familiari non vivono sotto lo stesso tetto vanno ostracizzati al pari di un non familiare. Non vanno contattati, neanche per email, SE NON per motivi di stretta necessità (???). E in uno degli ultimi studi torre di guardia veniva riportata proprio l'esperienza di una figlia che ostracizzava la madre, che ne soffriva, e le diceva pure, in pratica, "è colpa tua che ti sei allontanata". Quindi SI, vanno ostracizzati, secondo il Corpo Direttivo, pure i figli, fratelli, genitori.
      Se un genitore non viene "richiamato" se frequenta il figlio disassociato, lo si deve forse più a qualche anziano un po' meno bigotto che preferisce non intromettersi, ma le direttive sono chiare, e se vi sono nomine nel mezzo allora li iniziano i dolori, perchè bisogna essere "esemplari" e ovviamente i fratelli inizieranno a pettegolare.
      Poi che non sia una regola logica lo dimostra il fatto che ci si comporta diversamente se i familiari vivono nella stessa casa o meno (passo biblico che dice questo???), ma stiamo parlando di aria fritta in quanto questa regola dell'ostracismo è anticristiana, immorale e illegale. Quindi...

      Elimina
    11. niente di assurdo in realtà, come dice Victor...

      Elimina
    12. se poi vogliamo dire che gli asini volano, possiamo farlo...ma i parenti disassociati non si frequentano, per la wt...e mi sembra strano che qualcuno non lo sappia...

      Elimina
    13. Di solito dipende dai genitori quanto sono attaccati alle dottrine.per esperienza mia madre non si è mai fermata a mangiare da me per dire..o sono stata mai da lei.chiamava una volta al mese e poi da quando era nato mio figlio sempre così..ma e stata osservante rigida d ell ostracismo.nella mia congregazione e sempre regnato bigottismo e elasticità per chi dicevano loro..c erano purealtri che avevano figli disasdiciati ma non venivano trattati in questo modo..peima di essere disassocoata una sorella spwttegolo che un padre andava regolarmente a trovare il figlio il fine settimana e ci restava a dormire e un anziano sapeva..favoritismi?chi lo sa.pure i miei lo seppero ma preferirono tacere.per cui si dice di applicarlo ma non si fa..

      Elimina
    14. Certo ema, che poi qualcuno abbia qualche rigurgito di coscienza e non se la senta di troncare i legami con figli e parenti è un conto. Ma le direttive WT sono chiare. E diventa più evidente quando ci sono nomine.

      Elimina
    15. Ma se il figlio vive in casa se si vuole applicare 2 giovanni 10 come si fa con tutti ....ciao mamma ciao papa non lo dovrebbe dire....si siede a tavola tutto solo e mangia da solo senza dire una parola......ma forse sono io che sono troppo estremista ...(-:

      Elimina
    16. Riflessivo peggio ancora tuo figlio dovrebbe mangiare in un altra stanza per la wt e i genitori in un altra..in casa non dovrebbero manco incontrarsi...

      Elimina
    17. Ema79 ...si potrebbe chiamare la vicina di casa che potrebbe fare da intermediario ...((-: io credo che molta gente avrebbe bisogno di un buon psichiatra, a cominciare da chi sta in alto.

      Elimina
    18. Pure lo psichiatra se rifiuta de curarla sta gente..tu pensa conoscevo una sorella che aveva due figli disasdiciati in casa entrambi maggiorenni e la figlia era tornata a casa incinta.la sorella siccome era bigotta convinta non avrebbe esitato a cacciare di casa i figli ma lei era dispiaciuta per la sua integrità perché avendo il marito non testimone non poteva applicare l ostracismo come avrebbe voluto cioè cacciare i figli di casa..andava sempre dagli anziani per che lei non riusciva ad applicare le assurde regole della wt e siccome era un amica fedele delle mie zie veniva sempre a piangere per questo...ci rendiamo conto riflessivo??ci teneva più al suo nome che ai figli

      Elimina
    19. In effetti è così insieme non si magia ad esempio mio padre si è ammorbidito quando ha cambiato sala a causa di un trasloco, a lui lo conoscevano in molti ma a me no e lui si è sentito più rilassato e a dirla tutta anche meno spiato.

      Elimina
    20. No, ma davvero ho avuto la faccia tosta di predicare queste "verità " per quasi 30 anni? Ma che mi ero bevuto?

      Elimina
    21. Per far capire fino a che punto arriva lo spietato legalismo della WT, riporto cosa dice il KS, testualmente, alla voce "Situazioni che possono far sorgere dubbi sull'idoneità di un nominato - 16. Un familiare disassociato o dissociato torna a vivere con la famiglia:
      Riaccoglierlo o no è una decisione che spetta al capofamiglia, non al corpo degli anziani. Tuttavia la decisione di riaccoglierlo può causare molti problemi. Se il fratello ha accettato in casa un familiare disassociato o dissociato, il corpo degli anziani dovrebbe valutare se egli soddisfa ancora i requisiti. La persona disassociata o dissociata non è in grado di vivere per conto proprio, o è tornata a casa per avere una vita più facile? Ci sono validi motivi per riaccettarla in casa, oppure ciò è stato fatto soprattutto per permettere ai familiari cristiani di tornare a godere in una certa misura della sua compagnia? La famiglia ha evitato di avere contatti non necessari con lei quando viveva fuori casa? Si tratta di una sistemazione temporanea o definitiva? Che dire della condotta della persona disassociata o dissociata? Che effetto sta avendo dal punto di vista spirituale sugli altri familiari, e in particolare sui suoi fratelli e sorelle? La congregazione è turbata dalla decisione del fratello? Sono in diversi ad aver perso il rispetto per lui?"
      Ora, sarà la memoria che mi inganna, ma il figliol prodigo, perchè tornò a casa da suo padre? Perchè era pentito? NO! TORNO' A CASA PERCHE' AVEVA SPERPERATO TUTTO E AVEVA FAME!! SECONDO LA WT IL PADRE NON AVREBBE DOVUTO RIACCOGLIERLO!
      Secondo il KS Geova, il padre dell'illustrazione, non ha più i requisiti, non è più idoneo per essere Dio.

      Elimina
    22. john non mi ci far pensare!

      Elimina
    23. Caro John,
      Me lo sto chiedendo anch'io tutti i santi giorni! Credo che questa presa di coscienza possa aiutarci a non attribuire motivi errati alla stragrande maggioranza della fratellanza che ancora non si rende conto. Non cadiamo nella stessa trappola vista solo dall'altra parte. Ricordiamoci che il giudizio non spetta a noi. Ognuno di noi potrà fare molto per chi ci sta accanto e, pian piano grazie ad internet, scoprirà come siamo stati tutti ingannati.
      Grazie ancora per questa preziosa opportunità che ci hai dato!

      Elimina
    24. io non lo chiamerei KS ..io lo chiamerei KGB.

      Elimina
    25. sai Riflessivo hai proprio ragione nel definire il KS KGB visto che in più occasioni è stata consigliata la delazione anche all'interno della stessa famiglia, tipico del sistema che adoperava il KGB nella ex ddr.Ciao

      Elimina
    26. Per quel che riguarda l'ostracismo oltre al ks del 2010, vi sono circolari riservate ai corpi degli anziani del 2012 e successive che ribadiscono la disposizione di non avere contatti con dissociati e disassociati oltre a articoli sulle tg e da quel che ho letto in giro anche domenica scorsa in sala del ragno si è ribadito il concetto, alla faccia di chi insiste a chiedere riforme dal CD.

      Elimina
    27. A proposito del commento di Victor.ci fu un occasione che all epoca con il mio compagno che poi e diventato mio marito,che eravamo sottospese ,e così decidemmo temporaneamente di tornare alle nostre famiglie ma solo per un BREVE periodo di tempo affinché ci sistemassimi economicamente.io per non pesare su mia madre trovai vicino casa sua un lavoro e con tutta risposta lei rifiuto che per me a casa non c'era posto e malignamente penso che volevo approfittare della situazione.siccome hanno sempre pensato alla reputazione la mia famiglia mi rifiuto.ps mia madre aveva un appartamento che le sue amate sorelle gli hanno fatto intestare senza il permesso dei figli..io e un altro fratello e ora l appartamento e occupato da un altro parente...pensate le sue sorelle come l abbiano manipolata...lei non ha mai avuto voce in capitolo e pure la loro prepotenza mia madre l accetta di buon grado..e una situazione grave e purtroppo mi sono ritrovata a perdere una battaglia..con il tempo ho capito che dietro la freddezza e cattiveria di mia madre ci sono le sue sorelle tutte testimoni e bigotte da sempre e mi dispiace che mia madre ne sia succube.dal cd secondo me non ci sarà mai una riforma a tal senso perché questa è l unica arma che gli resta per tenere i suoi fedelissimi sotto i suoi tentacoli.sarà dura ma se smuoveremo le montagne possiamo aiutare chi vuole comprendere

      Elimina
    28. Grazie, Victor, per l'ottimo spunto! Molto interessante il soffermarsi sulla motivazione del ritorno a casa del figliol prodigo. Non ci sono parole...
      La mole delle procedure incluse nel ks 2010 è immensa, senza contare il fatto che la libertà personale ne risulta fortemente limitata e condizionata. Ogni proclamatore, se si volesse essere trasparenti, dovrebbe avere accesso al ks 2010, compreso chi non ha dimestichezza con il mondo di internet.
      Anche se il libro non è ispirato viene purtroppo considerato ad honorem il 67° libro delle Scritture!

      Elimina
  7. Scusate se ho scritto due volte ma era la prima volta che scrivevo e ho fatto un po di confusione.

    RispondiElimina
  8. Comunque quando nel mondo non hai nessuno perché nei TG ci sei nata,nessuno che ti accoglie, la solitudine è molto forte ma finché sei giovane si supera. Ora che sono adulta mi sembra di patirla molto di più. È molto importante scoraggiare il battesimo dei ragazzini perché veramente l ostracismo se non ci passi non lo puoi capire anzi certe cose non le sai proprio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Capisco cosa vuoi dire Debora perchè essendo cresciuto nei TdG anche io è vero che "fuori" non si hanno amici. Ma, se posso rassicurarti, le persone... "del mondo"... possono essere normali. Come cerco di consigliare sempre, nel mio piccolo, se è nelle tue possibilità, cerca di coltivare qualche hobby, che so... la palestra, la piscina, danza, iscriviti a dei corsi di... boh, cucina, artigianato, frequenta circoli di volontariato... vedrai che farsi degli amici pian pianino non è impossibile.

      Elimina
    2. Scusa Debora ma sei di Roma tu?ciao

      Elimina
  9. No di Torino e all epoca la mia disassociazione fece scalpore, figlia di un anziano pioniera regolare appena finite le medie. Il brutto di tutto è iniziato quando cambiando sala per colpire mio padre uomo molto buono e sensibile, un anziano in particolare ad ogni adunanza trovava qualcosa che non andavanella nostra famiglia . Io sono la più grande ed essendo come mio padre non accettavo di buon grado''i consigli''. Fatto sta che ho smesso di far la pioniera, le adunanze erano diventate un peso e quando ho incominciato a lavorare mi sembrava di stare meglio fuori mi sono innamorata e sono uscita. Non avevo fatto bene i conti perché a mio padre tolsero tutti i privilegi e anche i miei fratelli più piccoli patirono non poco ma chi soffrì più di tutti fu mia madre che dopo qualche anno morì ed io fui considerata una delle cause. Ed io che pensavo che ognuno rende personalmente conto a Geova, ero proprio ingenua.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. purtroppo Debora è un classico...i casi di mobbing non si contano...e se trovano il modo di distruggere un'intera famiglia, sembra ci sia una sorta di sadico piacere.
      Se non riescono ad alzare se stessi, almeno godono nel cercare di abbassare gli altri.

      Elimina
    2. Guarda a me la mia famiglia ha addossato la colpa che se mia nonna era stata colpita dall Alzheimer era per causa mia...come pure altre patologie che hanno avuto sempre per colpa mia..Nel mio caso per scaricarsi tutto il loro astio perché non potevano avere più libertà di parlare o spettegolare di certi fratelli mi colpevolizzarono di tutto.siccome avevano sempre la battuta pronta per tutti,si preoccupavano che il loro nome non doveva fare una grinza e così dopo la mia disassociazione la festa per loro fini e di conseguenza da quel giorno in poi parole di mia madre camminavano a testa bassa quando andavano in sala e per la figura di...che avevano fatto con tutti,mi fece pesare la cosa che si vergognava a causa mia quando era lei e le sue sorelle tutte testimoni che da sempre giudicavano tutti. ora che erano state toccate e non avendo piu libertà di parola,si sono sfogate pure facendomi dispetti di ogni genere.Debora cara non arrenderti.Ho perso una madre pure io in senso figurato..ama la wt più dei figli...mi ha detto chiaramente che sono grande e vaccinata le scelte le ho fatte e ora lei ha la sua famiglia e i fratelli e il resto non esiste più..amen le dissi e così morimmo per entrambe..l ostracismo porta a ripudiare il proprio sangue e chi ne e ' indottribato non riuscira mai a capire che e una manipolazione per disunire e portare distruzione e malcontento.per dieci anni ho sofferto tanto ma piano piano Dio mi ha dato la forza di reagire e se scrivo qui spero di poter essere d.' aiuto a chi sta passando un momento triste..mi fa stare bene il pensiero che ci sono persone che mi stimano e mi amano e ciò mi fa tirare su.ti invito mia cara quando sei giù di venire sul blog e c onstaterai anche tu che qui nessuno ti lascia sola..un abbraccio

      Elimina
    3. Cara e ma da quando ti leggo sto meglio molto meglio grazie

      Elimina
    4. Grazie anonimo..sono contenta che hai trovato un Po di sollievo.sinceramente non pensavo di fare questo effetto..sono una come tanti qui che ha sofferto ma cerca di fare qualcosa per gli altri..fin dove posso.grazie per la stima.

      Elimina
    5. più ne vengo a conoscenza di queste esperienze.. ma come si fa a non riconoscere che tra i TdG non vi sia condizionamento?
      ne aggiungo anche una personale dai. in una delle rare volte in cui ho voluto cercare di smuovere un po le nebbie dell'indottrinamento in mia madre le ho chiesto, in un momento di confidenza, "sorella zelante pioniera regolare" (premesso che tutti i figli in età adulta abbiamo abbandonato la congregazione, e non per disassociazione, avendo visto cosa in realtà è l'organizzazione JW): "ma come ti senti a pensare che entrerai nel nuovo mondo senza i tuoi figli? perchè questo è quello che insegna la dottrina dei TdG. noi saremo distrutti ad armaghedon". si è un po' risentita di questa domanda (motivo per cui mi sono pentito di averla fatta e non lo farò mai più)... mi ha risposto che PREFERISCE NON PENSARCI e comunque la bibbia dice che DIO SAZIERA' IL DESIDERIO DI OGNI VIVENTE e LE COSE PRECEDENTI NON SALIRANNO IN CUORE... mi ha detto... evidentemente farà qualcosa alla nostra mente per non farci soffire.
      AGGHIAGGIANDE! sinceramente non sapevo se rimanerci male o provare pietà per lei, poi ho scelto la seconda.
      e questo non è condizionamento... mmah!

      Elimina
    6. Mammamia victor.che brutto..lo so che auando certe parole vengono dal tuo sangue ricevi una mazzata che non finisce più..pure mia madre mi ha dato certe pugnalate ed ero arrabbiata perché la wt ha condizionato la sua mente.certe volte mi domando se è più lucido un malato psichiatrico o questo fratelli indottrinati..sono ragionamenti che non verrebbero mai dal cuore di una madre eppure la wt fa questo,genera comportamenti devianti,innaturali e senza senso.mi dispiace per come lapensa mia madre ma ciò mi spinge ad essere al contrario una buona madre verso mio figlio e a dargli l amore che non ho mai ricevuto.Victor sappi che ti sono vicina .le nostre mamme hanno deciso così ma non perdiamo di vista mai la speranza che possano capire.un abbraccio

      Elimina
    7. Benvenuta, Debora!
      Qui ognuno ha esperienze personali molto toccanti, il disagio sappiamo bene che cosa sia. Non demordere, la vita riserva belle sorprese a chi sa rimettersi in gioco anche dopo batoste emotive non indifferenti. Certo, in molti casi i fratelli sono vittime di un sistema crudele, e per loro è normale agire così! Sono sotto ipnosi.
      Anch'io sto cercando di ricostruire la mia vita sociale, anche se con qualche fratello posso ancora associarmi volentieri. Ansia, frustrazione e sensi di colpa non mancheranno, ma è il prezzo da pagare dopo tanti anni vissuti in un certo modo, ma superarli è il nostro obiettivo, e "il felice Dio" ci mette sempre una mano sulla spalla quando ci sentiamo giù. Attorno a noi ci sono persone stupende, a partire da questo blog. Ti invito ad usufruire di questo incoraggiamento, come molti tra noi già fanno. Io ho già preso contatti privatamente con alcuni per incontrarci di persona, sicuramente una delle cose più belle che potrebbero capitarmi.
      Agli occhi di Geova chi soffre è prezioso, e sono certa che tu non lo hai abbandonato, anche se fratelli e familiari pensano di sì. Non vedere sempre il bicchiere mezzo vuoto, altrimenti la depressione avrà la meglio su di te. Credici fermamente, e la tua nuova vità passerà dal bianco e nero a un caleidoscopio di colori brillanti.
      Un affettuoso abbraccio e in bocca al lupo! Noi ci siamo.

      Elimina
    8. Comunque, piacere di conoscerti, Debora.
      Sono un fratello da quasi 30 anni, ma questo è il mio anno zero. Ricominciare per andare avanti, in una nuova dimensione.
      Ti auguro un felice cammino assieme a chi ti vuole veramente bene.
      Ryoga

      Elimina
    9. Hai ragione ryoga!Debby sappi che qui troverai persone speciali.io ad esempio ho una bella amicizia con una in particolare e sembra che abbia la bacchetta magica perché non sembra,ma anch io non sto attraversando un periodo felice.l ho sentita poco fa..mi ha dato la carica...vedi a che servono le amicizie vere?vedrai che poi quando ci conoscerai meglio mi darai ragione.baci EMA

      Elimina
    10. Grazie del benvenuto, era da un po che vi leggevo ed è la prima volta che scrivo in un blog, spero di non fare molta confusione. Non ho mai voluto leggere nulla di questi siti devo dire un po per paura mi dicevo disassociata si ma apostata no avevo troppa paura di perdere anche mio padre. Poi quando ero in ospedale ho visto che tantissime cose erano cambiate e non mi piacevano per niente. Ho iniziato a leggere qualcosa e devo ammettere che mi sento molto meno sbagliata, anche se il mio chiodo fisso è la delusione che ho dato alla famiglia. Devo però ammettere che solo da poco ho capito quanto mio padre mi amava, leggere riviste e sentire discorsi sulla disassociazione e incoraggiamenti vari e lui che mi diceva che era tutto a posto, lui che era un anziano e che la congregazione era tutta la sua vita. Ma basta con il sentimentalismo vi mando un caro saluto

      Elimina
  10. Hai ragione cara Lelvira, devo dire per amore della verità, che dopo qualche anno i rapporti con mio padre sono ritornati ottimi e negli ultimi anni se mi vedeva per strada anche se era in servizio mi baciava sulla guancia, ero io a sgridarlo ad essere più prudente. Lui non me ne parlava ma ho capito quando stava morendo che uno dei motivi per cui non ha più avuto incarichi in sala ero io.

    RispondiElimina
  11. Grazie mille a tutti. Effettivamente sto vivendo un momento di sconforto, da quando è morto mio papà sono ritornata a sentirmi molto sola. Mi sembra di aver perso tutto di nuovo, anche se ora ho la mia famiglia il lavoro e tutto il resto. Non avere contatti con i parenti mi ferisce molto in questo momento. Vedo delle volte le foto di rimpatriate con parenti che vengono da lontano e dopo tanto tempo ci rimango ancora male. Scusate lo sfogo oggi va un po così.

    RispondiElimina
  12. ♤ Lupin III ♧5 maggio 2016 15:32

    Leggo con estremo piacere il blog e le Vs. Risposte. Per mia esperienza personale mi sono battezzato nel 97 alla giovane età di 16 anni. Inizialmente ci furono della cosidette pressioni da parte di alcuni anziani o quali astutamente mi diceva i che con le mie qualità oratorie sarei di certo stato utile alla congregazione e avrei fatto carriera nell'organizzazione. Sinceramente non ho mai dato molto adito a quanto mi dicevano tanto più che non ho mai ricevuto pressioni dai miei genitori e di conseguenza perché avrei dovuto ascoltare un pastore che in realtà non mi conosceva nemmeno se non vedendomi 3 volta alla settimana per poche ore? Se ogni modo nel 97 mi battezzai spinto principalmente dall'amore che provavo per geova e dalla possibilità di essere veramente utile per qualcuno non semplicemente facecendo bei discorsi dal podio. Tuttavia nel corso degli anni ho potuto provare sulla pelle cosa significa l'essere esclusi pur facendo parte di un gruppo. La mia carriera cristiana sarebbe dipesa anzitutto dalla simpatia che l'anziano che presiedeva nutriva non solo nei miei confronti quanto dei miei familiari. Cosa da tenere un considerazione in quanto puoi essere il più bravo della congregazione, fare ottimo discorsi, essere sempre disponibile, qualunque cosa... ma se ad esempio tuo padre è la mosca bianca che aborra ogni tipo di simonia quindi non invita a cena o offre la pizza all'anziano per ingraziarselo non farai mai strada. Tutto ormai si è ridotto a una semplice moneta di scambio virtuale. Tu fai il bravo con me ed io ti faccio andare avanti indipendentemente dalle reali qualità che hai... ormai la meritocrazia e morta e sepolta. Tuttavia nel corso degli anni ho notato quanti giovani dopo di me si sono allontanati o sono stati disassociati perché spinti da queste pressioni, da un senso di dovere nei confronti di parenti o amici o più semplicemente da un senso di inadeguatezza resta comunque il fatto che per via della loro giovane età non hanno compreso veramente appieno il significato del battesimo e via via di sono persi lungo la strada rendendosi conto solo poi del passo che stavano facendo i più semplicemente rinnegando anno di fedele servizio per due dolci occhi femminili/maschili che ti hanno fatto perdere la testa. Oggi a 34 anni posso dire di essere finalmente libero non facendo più parte dell'ostracismo che permea le congregazioni ma riconoscendo inequivocabilmente che geova non tollera certe cose e che ormai la sua mano non guida più quella che loro dicono essere la sua organizzazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sembra la fotocopia di quello che succedeva nella mia congregazione...tale e quale.impressionante!piacere di conoscerti Lupin.benvenuto

      Elimina
    2. ♤ Lupin III ♧7 maggio 2016 11:37

      Piacere mio di conoscerti ema79. Meno piacevole il sapere che ormai le congregazioni sono una carta carbone, un semplice copia e incolla ovunque vai.

      Elimina
    3. E vero Lupin ma non dobbiamo farci intimidire.le congregazioni sembrano un azienda con operai e direttori e ci possiamo mettere pure gli interinali..ma senza sindacalisti..perche quelli preferiscono tenerli fuori..☺

      Elimina
  13. Scusate se faccio una precisazione legale...il mio pensiero spirituale sul battesimo dei minori l'ho espresso stamani....,la legge ahimè consente ai minori di aderire ad una associazione no profit costituita giuridicamente per scopi di volontariato, sportivi, culturali ecc. Ecc.
    Agli associati non è richiesta la maggiore età e hanno, come i maggiorenni, ho stessi diritti-doveri che lo statuto costitutivo dell'associazione stessa prevede.
    Quindi diritto al voto , come avviene tra i Tg quando prendono delle risoluzioni e fanno votare per alzata di mano, i membri BATTEZZATI.
    per molti sembra una proforma, ma non lo è, perché la caratteristica delle associazioni è proprio l'adesione dei suoi associati alle varie decisioni che si devono prendere a favore della collettività....che poi loro sappiano mascherare bene, è un altro discorso.
    Perciò, a differenza del minore emancipato, che può sposare col permesso dei genitori che si assumono dinanzi al tribunale dei minori, la responsabilità appunto dell'emancipazione stessa, il minore che 'DESIDERA.......:-(((....." battezzarsi, quindi ASSOCIARSI alla organizzazione, può farlo SENZA dover chiedere il permesso a genitori.
    Questo dal punto di vista giuridico...
    Ecco perché quando vengono formulate le domande per il battesimo ce ne sono alcune che implicano che RICONOSCIAMO lo schiavo come canale di Dio , formula che NON avrebbe motivo di esistere, se non fosse per conferire legalità associativa ad un'azione PUBBLICA ...come il battesimo.
    . Diventa pubblicamente vincolante .

    Ahi ahi....come sono stati bravi!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. certo, se non fosse che una religione dovrebbe essere sopratutto una guida morale e spirituale, e non nascondersi dietro i tecnicismi e i legalismi...
      cosa ci sia di morale e spirituale nel far battezzare (leggasi donare l'anima alla WT) bambini di 10 anni o giù di li... sono tutt'orecchi

      Elimina
    2. ovviamente red fox il mio "sono tutt'orecchi" non era rivolto a te!

      Elimina
    3. Certo Victor, hai detto bene una religione DOVREBBE ...
      ma il fatto è che nessuna Religione LA VUOL FARE LA GUIDA MORALE E SPIRITUALE !
      Anzi , ti preghiamo tutti ..!! :-)))..se ne trovi una che lo fa segnalala qui sul blog...!!
      :-))))))
      Aderiremo in massa!!
      E i bambini battezzati o proclamatori FANNO NUMERO, dal momento che molti di noi sono sfuggiti alle loro fauci...in più sono menti facilmente plasmabili che non possiedono memorie storiche di fatti e misfatti del passato della Wt
      Al contrario noi un po più ....maturi.. ....gli diveniamo scomodi...
      Eh già !

      Elimina
    4. C mq vi invito a leggere l intervista digitando I Testimoni di Geova alla conquista di Roma Il Tempo così conoscerete la persona e avrete, in futuro , la possibilità di evitarlo....prevenire è meglio che curare

      Elimina
    5. In passato (credo fino agli 80) chi era proclamatore e poi smetteva doveva essere trattato come un disassociato. Poi per tecnicismi e questioni legali hanno eliminato questa pratica. Ma la dice lunga su come l'organizzazionr considera le persone come proprieta' propria non riflettendo sul risulato del loro trattamento disumano, Immaginiamoci un adolescente evitata dai propri amichetti. Certo se fosse stata una norma Biblica veramente doveva esistere fino ad ora. Ma invece per il capriccio e sadismo di alcune persone a Broklyn si impartiscono danni duraturi ad esseri umani. Quello che mi disgusta di piu' e' l'organizzazione spara a zero a tutte le religioni Cristiane. Dice che sono tutte fasulle, nello stesso tempo l'organizzazione pratica cose non in sintonia con il Cristianesimo vero (battesimo, corpo direttivo fasullo, false date e speculazioni varie, ostracismo, uso delle contribuzioni per accrescre il portfolio immobiliare invece di aiutare i bisognosi). Grazie e internet e a blog si ha la possibilita' di smacherarla per quello che e'.

      Elimina
  14. Gesù lo hanno fatto divenire un leader religioso quando lui di religione e di politica non gli importava un bel nulla ....i principi chiave dei vangeli andrebbero insegnati nelle scuole , come una forma di educazione civica , un modo per migliorare la nostra società umana, senza principi morali basato sul amore e il rispetto al prossimo non può esserci futuro ,..... invece intorno alla figura di Gesù ce stata solo speculazione , come in altri maestri spirituali....scoperta la speculazione religiosa e le sue falsità , decade involotariamente anche la figura del Cristo, e questo porta ad un degrado della nostra società .

    RispondiElimina
  15. Grazie, Red Fox!
    Ho già capito che è stato tutto orchestrato ad arte... Tutto questo è molto triste, speriamo che le nuove generazioni siano un po' più sveglie e ottengano le informazioni giuste prima di compiere certi passi...
    Benvenuto anche a te, Lupin III! Saluta Jigen! -D

    RispondiElimina
  16. Benvenuti Debora e Lupin e tutti i nuovi.
    Nomi nuovi, ma storie e sofferenze che si ripetono tristemente...
    impressionante come per tante persone i tanti anni passati non abbiamo lenito le sofferenze, segno della profondità delle ferite.
    Volevo aggiungere che c'è una frase che mi sembra significativa nello studio successivo: "Giovani, come potete prepararvi al battesimo?". Nel paragrafo 18 si dice:"Sei grato per quello che Geova ha fatto per te (parlando del sacrificio di Gesù, ndr)? Allora è appropriato che dedichi la tua vita a lui e ti battezzi." Ragionamento che può essere facilmente usato anche in negativo, tipo se non ti battezzi vuol dire che non apprezzi quello che Geova ha fatto per te. E vai con i sensi di colpa nel giovane!
    Ma per avere ancora una crescita numerica (indicata ancora nei commenti alla scrittura del giorno di sabato 30 aprile come un segno evidente della benedizione di Geova alla sua organizzazione) bisogna ricorrere a risorse interne, ergo i giovani. Con il bonus che un giovane che si è legato all'organizzazione dovrà fare uno sforzo doppio per liberarsi.
    Spero che molti giovani si informino su internet e magari ci leggano prima di battezzarsi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma poi sti 250000 che si battezzano ogni anno,come se li sono inventati?!hey,voi a Brooklyn,cambiate pusher...

      Elimina
    2. Come vengono stimati sti dati.chi e sto invasato che fa i conti? Un anno crescono poi calano poi risalgono.uno che legge l annuario Secondo me esce pazzo.fara parte della politica wt che mette confusione non facendo mai capire che l opera sta andando sempre più allo scatafascio.

      Elimina
  17. Per il battesimo dei bambini , alla WT proporrei un amministratore di sostegno , per il semplice motivo che non sono in grado di intendere e di volere.

    RispondiElimina
  18. Notizia di oggi: a Forchia 1800 presenti, 4 battezzati...

    comunque già anni fa mi capitò di assistere ad un assemblea con 1 solo battezzato...

    RispondiElimina

E' OBBLIGATORIO FIRMARSI CON UN NICK (QUALSIASI) Non usate termini scurrili, insulti, calunnie, incitamenti all'odio razziale ed alla violenza, e NON menzionate la persone per nome o cognome reali. Sono vietati lo spamming, il copia-incolla ripetuto, i link a siti non approvati dalla redazione, i messaggi provocatori.
Altrimenti i post non saranno pubblicati o verranno cancellati.
La moderazione dei commenti è insindacabile ed a cura della redazione del blog. Se i vostri commenti non vengono pubblicati potete chiedere spiegazioni scrivendo alla redazione (vedi "come commentare" in alto nella colonna a sinistra)

Grazie

L'indirizzo email del blog lo trovate in fondo alla pagina (non nella visualizzazione per cellulari)