Usando questo sito, dichiarate di aver letto il Disclaimer e le norme sulla Privacy relativa ai contatori Shinystat e whos.among.us


Per capire come "nasce" questo blog, leggere le pagine info sul blog nella colonna a sinistra
Un
archivio del blog, con tutti i post fino ad oggi pubblicati, elencati per mese, lo trovate in fondo alla pagina

NORME relative ai commenti alla pagina "COME COMMENTARE"

“Non c’è nulla di male se una persona cerca di confutare gli insegnamenti e le pratiche di un gruppo religioso che ritiene in errore”. (Svegliatevi! 8 settembre 1997, pagina 6)

lunedì 22 febbraio 2016

Trasfusioni di sangue e leucemia: un'altra esperienza



"La storia di un'uomo" - di Karenne Gionet



Pubblico un'altra esperienza relativa alla dottrina sul sangue. Preferisco lasciarla sul sito originale tradotto da "Victor" e lasciare qui lo spazio solo per i commenti.

Ancora una volta è vista da un punto di vista "esterno", ma non per questo meno obiettivo.

Lo scopo è duplice. Fare conoscere queste esperienze a chi le ignora, e cogliere spunti di riflessioni su una dottrina controversa. Anche in caso di vita o di morte, per restare Testimoni di Geova, la scelta è obbligata !

Ma chi dà le direttive, stranamente, è in una simbolica torre d'avorio, assistito da un grande stuolo di avvocati, relativamente a questa ed altre questioni di coscienza personale.

Almeno così vengono descritti certi precetti che siamo obbligati ad osservare nella stampa rivolta al pubblico.

Ma in realtà le cose stanno diversamente...



Leggete l'esperienza su questo link

Poi potremo commentarla in questo post...







* * * * *



Stai leggendo questa pagina da un cellulare?


oppure:






40 commenti:

  1. Ho avuto un fratello morto di leucemia linfoblastica acuta e aveva 18 anni quando accadde.nove mesi di calvario doloroso per mia madre che impotente non poteva che arrendetsi e vedere suo figlio smorzarsi come una candela giorno dopo giorno.il dolore della perdita di un figlio chi l ha subito e immenso.all'epoca mia madre non era testimone e si fece tutto il possibile per aiutarlo trasfusioni e trapianto di midollo osseo di cui io fui donatrice e tutto risultò invano.mori il febbraio del 93.e in quel momento fu la svolta di mia madre a studiare la verità spinta dall' insegnamento della risurrezione.Ma cominciarono ache i provlemi a casa le mie zie non tennero conto del suo dolore ma fecero leva su questo momento delicato visto che era vulnerabile e la fecero studiare e battezzare e ciò provocò pure il divorzio con mio padre che non voleva che mia madre i ntraprendesse quella strada ma di rimanere insieme cosa che lei rifiuto.anche mio padre aveva i suoi difetti ma le sorelle di mia madre la ingannarono come me a stare alla larga da lui.Non ci parlammo più con mio padre per divetsi anni ma quando capii che mi stavo sbagliando lo ricercai e i rapporti anche se non idilliaci ci sono tutt ora.Mia madre continua sostenuta la sua vita da sorella dedicata o mi ostracizza con facilità visto che pure a lei questa situazione fa comodo.e se mi cerca mi ricatta o per rompermi le scatole scusate il termine ma senza mai chiedermi davvero come stia...apparte fisicamente!purtroppo chi ha subito tali esperienze e doloroso ero piccola forse avevo dieci anni ma i ricordi non passano mai..stanno con noi sono molto più forti di noi più vivi..le ultime frasi sono di una canzone che piaceva a mio fratello.sapeva di dover morire ecosi gli face ascoltare questa canzone a mia madre lasciandola con queste parole,forse se lo sentiva...io solo il controsenso che vivo e questo come mai una madre così dolce sia diventata all improvviso un cuore di pietra solo per ubbidire a certi signori tenedola lontano dal suo stesso sangue?anche se padre e madre mi lasciassero so cheDio non mi lascerebbe mai e questa scrittura e per me un incentivo a superare questi momenti tristi.Lui è il più grande GENITORE e di questo sono veramente felice perché se cado e pronto a rialzarmi e mi coccola sempre a se..oggi ho ricevuto l uleriore colpo di grazia di mia madre incassandolo con educazione ormai se parla così è spinta solo dell inganno non è colpa sua e rimango concentrata invece si quello che ho più prezioso Dio è la mia famiglia e la compagnia che ho trovato qui..un abbraccio a tutti voi.con stima ema

    RispondiElimina
  2. Ho appena letto e ringrazio Dio di avere finalmente aperto gli occhi .Ho passato notti tremende ,pensando a come avrei dovuto comportarmi nel caso i miei figli avessero avuto bisogno di trasfusioni. Per non parlare delle notti passate a piangere pensando a quello che sarebbe potuto succedere ai miei bambini durante la persecuzione .Ma ora a mente fredda penso :NO! IL VERO DIO NON PUÒ VOLERE QUESTO ! E IN UNA SETTA CHE IMPONE QUESTO, NON PUÒ ESSERCI DIO !! Personalmente sono contraria alle trasfusioni ,ma del documento sanitario ne ho fatto coriandoli .Tra i miei documenti ho messo 4 righe scritte da me dove chiedo qualora sia possibile ,di evitare trasfusioni .Ma se dovesse essere in pericolo la mia vita accetterei tutto .Per Dio (quello vero non il Geova assetato di sangue ) la vita è prima di tutto .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Zabetta, quando sono nato ero anemico perchè i miei globuli rossi invece di essere tondi erano a forma di falce, e quindi venivano eliminati dal sistema immunitario, mio padre ha raccontato che ha dovuto correre in giro per trovare le sacche di sangue del mio Rh, e grazie a quelle trasfusioni son guarito, ora non sono in grado di sapere cosa sarebbe successo se non le avessi fatte, so di sicuro che quando mi sono battezzato tdG ho relegato nella memoria questo episodio facendo finta che andasse tutto bene, e il documento sanitario l'ho sempre tenuto con un certo timore, perchè a parole è tutto semplice, ma se ti tocca personalmente è tutto da rivedere.
      Deve essere già difficile decidere per se stessi, non voglio immaginare che significa decidere per un figlio.

      Elimina
    2. Cara Ema79 e Zabetta... che bello conoscere persone libere e genuine come voi. Tempo fa cominciavo a pensare non ne esistessero più... ed invece aumentano di continuo.
      Dio ha un grande popolo di leali che lo adorano, solo che sempre di più questi leali si liberano dalle zavorre della zizzanie.
      Anch'io personalmente rifiuto sangue e organi, ma se in caso di emergenza dovessi scegliere, spero di avere ancora questa idea, ma se dovessi cmbiarla non me ne farei un cruccio talmente grande da pensare di avre tradito Dio per questo. E comunque le mie decisioni rimangono solo mie e non voglio assolutamente imporle a nessuno. E nemmeno accetto che qualcuno le imponga a me.
      Sai Ema79, quando hai perso tuo fratello, avevi gli stessi anni di mia figlia quando perse il suo fratellino di tre anni.
      Sai... oggi è un giorno in meno alla risurrezione. Quel giorno stupendo è sempre più vicino.
      p.s. Non ho capito per la email? Nel mio profilo c'è

      Elimina
    3. Ho frequentato la facoltà di scienze infermieristiche e mi sono trovata di fronte a brutte realtà.Ma la gente che le rifiutava non era per un Dio che ama la vita ma semplicemente perché avevano paura di altre conseguenze come le infezioni e altri problemi .la gente che mi chiedeva di aiutarli e aol epoca essendo ancora una sorella nn volevo però interferire con le loro scelte.una ragazza venne trasfusa e i suoi genitori erano fratelli ma a quel punto la vita preziosa della loro figlia andava oltre che seguire pazzie di certa gente e firmarono per la trasfusione..dopo qualche giorno si riprese e mi ringrazio di non averla giudicata ma incoraggiandols a fare ciò che giusto e disse alla sua famiglia che ero una sorella ma non l ebbero con me anzi mi invitarono a casa loro quando la loro figlia sarebbe uscita.e così andai a trovarli.fu un giorno piacevole ricco di emozioni e incoraggiamento..poco dopo inutile dire come andò a finire..tutta la famiglia disassociata e per di più dispiaciuti che questa ragazza sopravvisse.

      Elimina
    4. Avete ragione io pure essendo da poco madre mi frulla tutto in testa e non è facile quando sei lì che fare..se aiutarlo a morire,una specie di eutanasia legale così la chiamo io o dargli il sangue.scelta difficile da fare..Ma non mi sono mai permessa dibgiudicare dei fratelli che tenevano a loro figlia e non lo farei ora .Zabetta cara Dio qui non c entra niente come tu stessa dici.Ma la mente strampalata degli uomini che continuano ancora a spargere sangue innocente

      Elimina
    5. anonimo italiano22 febbraio 2016 21:07

      Al di là delle esperienze personali, volevo aggiungere la risposta che diede un tale della Betel italiana ad una trasmissione di approfondimento in TV circa 30 anni fa. La domanda è la seguente: "ma se fosse suo figlio a rischiare di morire per non assumere una trasfusione di sangue lei cosa farebbe?" - la risposta: "se Dio non mi pone difronte a questa situazione, perché lo deve fare lei?" (Questo è il mio ricordo)
      Una risposta sincera o calcolata?
      Personalmente ho figli e pur ricercando le migliori cure non me la sentirei di decidere per loro, sulla loro pelle. Gli adulti hanno altri strumenti, altra determinazione. Personalmente penso di evitarle, poi difronte alla morte o alla vita, penso sarà il freddo calcolo, e come disse qualcuno, probabilmente "sono un uomo di poca fede".

      Elimina
    6. quello che secondo me è peggio di tutto è che se uno vuol essere martire è un problema suo, ma se ti rifiuti di essere martire non ti guardano più in faccia!
      Questo indipendentemente dal fatto che il sangue faccia bene o male, che sia un comando di Dio o no...non si può obbligare qualcuno al martirio!

      Elimina
    7. Cara Ema79, riesci a mettreti in contatto con questa famiglia? Forse hanno bisogno di amore e incoraggiamento. Vediamo se riusciamo a far qualcosa per loro.

      Elimina
    8. infatti il problema è solo morale non sanitario ....è inutile che la WT dice che il sangue è pericoloso ...NON CENTRA UN BEL NULLA con le scritture ....se il sangue è pericoloso sarebbero fatti privati come tante altre terapie ...poi ben vengono i sostituti come tutte le altre cure ...ma ripeto... sono FATTI PRIVATI !!! il problema VERO è che la WT ha fatto una gran CONFUSIONE sin dal inizio quando ha preso in maniera estremistica farisaica il comando sul sangue , senza ragionarci in maniera logica .......questo sul sangue è stato uno dei più grossi errori fatti dalla WT...e loro lo sanno.

      Elimina
    9. Zambetta ..anche io sono contrario alle trasfusioni come tanta altre persone ....ma ne passa nel dire, che piuttosto di prendere una trasfusione, DIO mi dice che dovrei morire se voglio fare la sua volontà....è inutile che in servizio si continua a dire alle persone che esistono i sostituti ...MA CHE CAVOLO CENTRA !!!!

      Elimina
    10. x riflessivo: se anche la tecnologia rendesse ultra sicuro il sangue trasfuso, la WT non potrebbe mai cambiare veduta, perchè hanno imboccato una strada senza uscita, chi lo spiegherebbe alle famiglie che hanno perso dei cari a motivo di tale scelta.

      Elimina
    11. Se poi, per sbaglio, scopri che la WTS è azionista dell'azienda che produce l'Hemopure (un sostituto del sangue) e che lo stesso è caldamente incoraggiato dai comitati sanitari...

      Elimina
    12. Si sono dovuti perfino inventare una macchina per fare le auto trasfusioni perchè o si no, non potevi nemmeno prendere il proprio sangue ....e poi hanno il coraggio di dire che trasfusioni di sangue fanno male ? ...............altro che CANALE DI DIO !!! questi sono una massa di IGNORANTI CONVINTI e con un EGO da far SCHIFO..

      Elimina
    13. Bereano non sapevo di questa storia. Puoi raccontarla?grazie

      Elimina
    14. Io se dovrò essere operato in modo programmato,farò se possibile autotrasfusione,certo sarei disassociato in tronco,ma in quel caso terrei più alla mia vita che all'ostracismo,ai famigliari testimoni,agli amici....scusate l'egoismo...:-)

      Elimina
    15. Chiedo scusa per l'incomprensione. Ad oggi non ci sono legami certi con la Biopure (l'azienda che produce l'Hemopure) che, tra l'altro sembra essere fallita nel 2009 ed attualmente acquisita dal Ministero della Difesa USA. L'unica cosa certa è che dall'aprile del 2000, dopo aver partecipato in Nicaragua al "Secondo Congresso Nazionale delle Banche del Sangue" nell'ambito del progetto mondiale del WHO "Safe blood starts with me! Blood saves lives!" (che aveva lo scopo di imparare a gestire meglio le risorse nazionali di sangue e facilitare i donatori alla donazione) per lo stesso anno, "fatalità" i comitati sanitari hanno iniziato a sponsorizzare quel farmaco. Altre informazioni si possono trovare a questo link:
      http://ajwrb.org/science/watchtower-approves-hemopure
      Dal sito del WHO (World Health Organization) è possibile scaricare in pdf l'opuscoletto (in inglese) dove a pag.45-46 è registrata la nostra presenza al congresso e lo scopo dello stesso.

      Elimina
    16. X Rosario e Riflessivo, quando sono interventi programmati se non soparggiongono complicazioni i chirurghi usano la macchina cuore polmoni, non usano tanto facilmente trasfondere il sangue, e non lo dico per averlo letto o sentieo dire ma per esperienza personale , circa 15 anni fà ho subito il trapianto di entrambe le valvole cardiache e quindi hanno dovuto fermare il cuore per 40 minuti e mi hanno attaccato alla macchina cuore polmoni senza trasfondermi e tutto è andato bene.Chiaramente l'intervento era programmato in precedenza.

      Elimina
  3. Cara Ema79 abbiamo molte cose in comune ......io ho dovuto affrontare la leucemia di mio figlio disabile con una ricaduta che ci ha portati al trapianto....fino ad allora l'argomento trasfusione non mi era mai piaciuto un po' perchè col mio lavoro ne avevo viste tante un po' perchè mi dicevo che al momento opportuno avrei deciso...la paura fa brutti scherzi ma ero io che avrei dovuto rispondere a Geova .......cmq allora mio marito non era un TdG, ma ci tolsero cmq la patria podestà sollevandoci da questo incubo....ai miei anziani dissi che ero molto turbata e la loro rincuorante risposta fu "se sei turbata vuol dire che non sei sicura della tua fede".....l'altro figlio più piccolo si è sorbito tutto questo calvario senza sentirsi minimamente capito, nè come fratello di un disabile nè come ragazzo in un momento di particolare fragilità visto anche altre vicissitudini successe, pensavano solo a chiedergli perchè non andasse in servizio considerandolo magico per le guarigioni di ogni sorta......cmq il tutto si è risolto bene ma ci stiamo ancora leccando le ferite che per fortuna dopo la consapevolezza stanno gradualmente guarendo ed anche grazie a voi che insieme possiamo finalmente discuterne senza inutili ipocrisie......

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Naomi gli anziani non sono competenti in materia delicate come queste.mancano di tatto e di esperienza sia sanitaria che psicologica e soprattutto in questo ambito fanno i danni più seri che fanno tanto male.loro purtroppo basandosi solo sulle pubblicazioni pensano di risolvere la questione ma sappiamo bene che non è così.rifiutano gli insegnamenti della psicologia rirtenendola mondana e deleteria e se ci ritroviamo poi davanti a certi automi i risultati sono evidenti.ricordo durante un tirocinio ci onsegnarono anche a comunicare ai parenti rimasti che il loro caro era morto.e vero che sono sempre i medici a dire questo ma mi prepararono pure a ciò e come saper rispondere con delicatezza a certi eventi traumatici..in congregazione queste lezioni di vita mi servirono molto.c era una sorella con il marito incredulo che non riusciva più a fare le ore richieste..un anziano le disse se non ce la fai lascia perdere..Io cercai di uscire più spesso con lei piangeva con me e pregavamo insieme e le dissi di non mollare..perché geova vede ciò che fai..dopo un Po il marito inizio a studiare..e la sorella fu felice per questo.per gio zar io come sai non sono più testimone da dieci anni e so che poi andarono via da Roma e dopo la botta che ebbero tagliarono i ponti con tutti.Io non sono più riuscita a contattarli.la ragazza cambio il numero di telefono e da allora era finito tutto così.ci rimasi male ma sapevo che se loro si comportavano così era per la delusione ricevuta..

      Elimina
    2. Cara Ema79, noi si fa quello che si può. Le percore sono di Cristo e non certo nostre o del papa o della WTS.
      Mi chiedo nel leggervi: Ma voi state isolati, appartati in castigo con sensi di colpa, o vi date da fare consapevoli che siete discepoli del Messia liberi da religioni o "società tipografiche" ?
      Chi vi -ci impedisce di trovarci, pregare assieme, leggere assieme la Bibbia, confrontarci, imparare, fare discepoli e battezzare? Vorrei capire. Grazie

      Elimina
    3. A me piacerebbe solo che la lontananza non sempre ci permette di stare insieme se nn qui.mi sembra di capire che la maggioranza di tanto fratelli sono del Nord Italia..Ma se siamo lontani fisicamente con il cuore siamo vicini ed è questo quello che conta.Io non sto appartata ma continuo a comportarmi come una sorella esemplare madre e moglie fedele come Cristo ha comandato di fare.non sto appresso ad alcuna istituzione religiosa e prego Dio in silenzio o con la mia famiglia.e se posso,cerco di parlare sempre con voi perché qui ho trovato persone perlomeno sincere con le tante difficoltà della vita e nel cammino cristiano e mi piace sempre essere incoraggiante e non un lamento.a volte me lo sono chiesta sa?certe volte ho avuto impressione che non sempre mi rispondono perché forse sono un Po pesante..cercherò di fare meglio.

      Elimina
    4. X Gio zar. Ti ringrazio tantissimo e apprezzo la tua grande generosità, ma ho già dato .Come dico sempre : gli ultimi gradini tra me e Dio voglio farli da sola ....senza intermediari. Poco mi importa di quello che sarà di me .Il massimo che può succedere e di morire ,ma tanto prima o poi accadrebbe comunque . :)

      Elimina
    5. Zabetta sono con te,sono d'accordo.Se mai dovesse venire Armaghedon un DIo d'amore come è descritto,non ci farebbe soffrire nel distruggerci...:-)

      Elimina
  4. Ciao Naomi, ciao a tutti coloro che ho l'onore di conoscere e quelli che spero un giorno conosceró. Questo blog non ha la pretesa di fare riforme farlocche, ma ha il pregio di raccogliere la nostra rabbia ,delusione, dolore (molti di noi stanno ancora pagando per le scelte assurde che quelle 'brave persone' ci hanno 'amorevolmente' obbligati a prendere) e allo stesso tempo grazie alle nostre variegate esperienze, ci sta aiutando a trovare il nostro equilibrio. Abbiamo avuto tutti diverse ma sempre laceranti esperienze, e poterle condividere è grandioso .Grazie John perché sacrifichi molto del tuo tempo per questa causa. Io auspico per tutti noi di riuscire a eliminare la rabbia che ci divora con la pace di cui ora abbiamo davvero bisogno.Non importa in che modo .Ognuno do noi ha fatto percorsi diversi ,quello che conta è TROVARE PACE ! Il prezzo che stiamo pagando è alto .Sia da disassociati /dissociati o inattivi ,abbiamo perso affetti ,famigliari, amici e questo ci sta provocando tanto dolore ma è il prezzo della libertà .....e la libertà non ha prezzo .Vi abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione Zabetta la libertà e un donotroppo bello perché s precarla?

      Elimina
    2. cara Zabetta!
      In effetti la prima cosa da fare è eliminare la rabbia, il resto...ognuno troverà il suo equilibrio e il suo modo di fare del bene...
      Gio Zar, hai ragione, non serve proprio a niente rimuginare e sentirsi esclusi, nessuno è escluso dall'amore di Dio, non siamo soggetti ad alcuna organizzazione...
      ma è un percorso che richiede tempo e fatica, e sebbene niente ci impedisca di fare quello che tu dici, forse per il momento c'è troppa paura di dar vita ad un altro "insieme"...questo probabilmente spaventa un po'...
      magari mi sbaglio, è solo quello che mi sembra di capire...

      Elimina
    3. Dopo le batoste prese ognuno sta cercando come può di recuperare la pace e l armonia..ho detto che sarebbe bello ma forse stare insieme ce ne vuole di tempo..siamo stati troppo scioccati.pensandoci bene avere ragione sorelle che non è possibile riunirsi anche se gio zar lo dice con i migliori propositi.intanto è salutare scriverci qui ed è un grande passo avanti no?

      Elimina
    4. Si, c'è questo bisogno dell'essere umano di essere "guidati" da qualcuno. Per cui "morto un papa se ne fa un altro", purtroppo.
      Gio, personalmente non sto rinchiuso in un angolo, ma neanche voglio avere l'etichetta "discepolo del Messia" sinceramente. Mi sa tanto di religione new age. E tutto quello che dici mi sa di religione organizzata in erba. Anche la WT è iniziata così, Russel si riuniva con alcuni compagni per leggere, pregare, capire...
      Poi ognuno faccia come meglio crede ci mancherebbe, l'importante avere la coscienza pulita. Ma, per quanto mi riguarda, le religioni hanno chiuso. Qualsiasi forma esse abbiano o vogliano avere.
      Senza offesa, commento per quello che ho capito dai tuoi commenti, magari ho capito male.

      Elimina
    5. Si, Victor, comprendo quello che dici.
      Vedi, come si diceva anche in altre pagine, se si parla di pregare assieme o di leggere la Bibbia assieme si associa la cosa allo schema mentale indotto che abbiamo.
      Vero che Russell cominciò così, infatti l'inizio era buono. Purtroppo andò oltre a cio che è scritto e si perse.
      Ma del resto i primi discepoli facevano proprio questo come insegnato dal Maestro... Due o tre nel mio nome.

      La WTS è tremenda. O tiene schiavi sotto di se, oppure induce i fuggitivi a vivere ugualmente in schiavitù.

      Per esempio, fra poco sarà la data da ricordare come il Mestro ci ha insegnato.
      Qualcuno vi impedisce di riunirvi per celebrare come comandò.
      È una cosa da fare se siamo discepoli, o lasciamo che la facciano gli altri che sono solo succubi di religioni organizzate?

      Caro Victor, non gettare il bambino con l'acqua sporca.
      Valuta le cose e scegli come le Scritture dicono di fare.
      Ricordo che mi hai chiesto tempo fa se sono come quel Teofilo che ha fondato zion family o roba del genere.
      Assolutamente, non ho fondato e non fonderò mai nulla. Ma se sono un discepolo del Messia, non rinnego affatto ciò che sono.

      In quel sito ho letto parecchie cose. Hanno delle buone idee e fanno la loro parte. Personalmente non mi associo con grandi gruppi, proprio no.
      Hanno anche degli insegnamenti non molto corretti, ma matureranno, come tutti del resto.
      Ho scritto loro.
      Certo che stare soli ed isolati senza confrontarci può andar bene per un po', dopo verra logico scegliere.
      Quindi quest'anno cosa fate per l'Ultima Cena?
      Perchè non aprite un post e vediamo coma va celebrata, in che giorno e come e chi partecipa al pane e al vino? Non pensate che nel dialogo possa nascere maggiore comprensione?

      Elimina
    6. Gio Zar,io sono ancora attivo,nel senso che faccio sì servizio ma solo sulla carta.Mi spaventa il fatto non solo di essere ostracizzato dai miei intimi amici e famigliari,ma anche delle loro delusioni se non frequentassi più le adunanze e diventassi ufficialmente inattivo.Detto questo,dico che in caso mi decidessi a "lasciare" vorrei essere libero,senza condizionamenti di chiecchessia,senza regole,ho una coscienza morale e addestrata dalla Bibbia (non dalla WTS),per cui chi è già "fuori" perchè rientrare di nuovo in qualche organizzazione?non so se ho espresso bene il concetto..

      Elimina
    7. Gio Zar ancora dico non rubo,non fumo,non faccio uso di droga,non imbroglio nel commercio,rispetto le persone anziane,pago le tasse,mi faccio in 4 per portare lo stipendio a casa,non inveisco contro i politici,non bestemmio...penso che fare questo basti per essere cristiano,o no?

      Elimina
    8. Ascolta Gio, non è mia intenzione buttare il bambino con l'acqua sporca. Diciamo che... devo vedere se dentro l'acqua sto bambino c'è! Capisci cosa intendo? Al momento propendo più per il no. Ma non sono dogmatico nelle mie conclusioni.

      Elimina
    9. Caro Victor, hai le Scritture, un cuore, una mente un Dio che ti può guidare, vedrai che saprai cosa fare.
      Stavo semplicemente incitando chi è stato trattato male ed è scoraggiato a ricordarsi che le Scritture ci dicono cosa fare.
      Se non ce la sentiamo di fare nulla, poco male.
      Il Dio della Bibbia non è il vendicatore intransigente che alcuni insegnano.
      È misericordioso e sa bene che qualcuno avrebbe causato danni ed opressione e sfiducia.
      Sono convinto per il bene per tutti, umanità compresa.
      Forse sono io che ho ancora l'imprinting del Vigile del Fuoco. A volte basta che il calore aumenti e non serve più avvisare.

      Elimina
  5. il problema vero della religione, è la mancanza di obiettività ...tutte detengono la verità e il resto è in mano a satana. una manfrina che va avanti da 6000 anni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Torto o ragione non sai mai di chi e...allora i tdgeova hanno ragione.pure l isis ha ragione boko haram ha ragione gli evbrei hanno ragione.il comunista ha ragione tutti ce l hanno ma chi si prende la briga di dire che hanno torto?ognuno tira l acqua al suo mulino promuovendo ideologie esagerate e sapendo bene di avere ripercussioni negative sulle masse come uccidere tanta gente perché lo. vuole Dio.Ma siamo sinceri questa non è volontà di Dio ma una mattanza ideologica senza scrupoli.

      Elimina
    2. Come recitava quella battuta che ho letto giorni fa: "secondo i cristiani tutte le altre religioni sono false, secondo i musulmani tutte le altre religioni sono false, secondo gli ebrei tutte le altre religioni sono false. secondo me hanno tutti perfettamente ragione!"

      Elimina
    3. In effetti Victor è propio cosi, ognuno ha pretese di essere nel giusto, di stare dalla parte del bene.
      Eppure ci deve pur essere una pietra di paragone per capire, soppesare, valutare.
      Per citare le parole del Cristo, egli disse: "che la sapienza sia giusta è provata dalle sue opere" e ancora: "l'albero buono produce frutti eccellenti"...
      Secondo me, facendo un analisi approsimativa, non vedo alberi REALMENTE buoni in giro, che possano dare questi frutti eccellenti.. Almeno non al momento.
      In ogni confessione purtroppo ci sono dei frutti marci.
      Ma allora personalmente, cosa possiamo fare?
      Aspettare che possa nascere una nuova confessione che dia questi buoni frutti?
      Io credo che non ci sarà un altra religione che possa fare questo.
      Credo che l'obiettivo a cui arrivare sia molto più ampio e esteso.
      Anche in apocalisse nel capitolo 18 vi è l'esortazione di Dio ad uscire da una ipotetica babilonia la grande, a non aver a che fare con le sue pratiche spiritiche ed immorali...
      E se fosse propio questo l'epilogo della volontà di Dio?
      Che ogni persona possa avere un diretto contatto con Lui ed il Suo Spirito senza intermediari umani ma solo con la mediazione del Figlio?
      Forse è fantascienza?
      Può darsi, o è solo un altra prospettiva in più dalla quale guardare...

      Elimina
  6. Ti sei mai chiesto perché scienza e religione non sono andate mai e accordo?tanti hanno sempre pensato che il famoso anello di congiunzione non si è mai trovato come tante ipotesi discusse nei secoli che hanno fatto perdere la vita a persone sincere per credere ciò che era giusto.la religione di cio ne ha approfittato offuscando la mente di tanti e allontanandoli dai reali propositi di Dio diventando atei agnostici o peggio fanatici.le istituzioni religiose non hanno mai fatto niente per riportare l uomo alla naturale condizione di avvicinarsi e assomigliare a Dio ma in nome Suo uccidendo la stessa specie o perché la loro mentalità depravata incoraggia le masse a seguire dannose pratiche di autolesionismo.respingono da sempre la scienza però ne fanno un uso egoistico solo per i loro scopi sfruttandola e Annacquando le scritture però l hanno sempre respinta perché potrebbe portare alla luce sconcertanti verità che nessuno deve sapere,ma Dio non Las era tutto impunito e in silenzio fratelli,la verità sta venendo a galla come stiamo vedendo e ciò ci ha risvegliato le coscienze.possa ognuno di noi assistere con gioia a questo cambiamento straordinario perché è il reale proposito di Dio ed essere felice.

    RispondiElimina
  7. Scienza e Dio non sono affatto in contrapposizione ma la contrapposizione c'è tra Dio e la tecnologia che è la
    scienza applicata.

    RispondiElimina

E' OBBLIGATORIO FIRMARSI CON UN NICK (QUALSIASI) Non usate termini scurrili, insulti, calunnie, incitamenti all'odio razziale ed alla violenza, e NON menzionate la persone per nome o cognome reali. Sono vietati lo spamming, il copia-incolla ripetuto, i link a siti non approvati dalla redazione, i messaggi provocatori.
Altrimenti i post non saranno pubblicati o verranno cancellati.
La moderazione dei commenti è insindacabile ed a cura della redazione del blog. Se i vostri commenti non vengono pubblicati potete chiedere spiegazioni scrivendo alla redazione (vedi "come commentare" in alto nella colonna a sinistra)

Grazie

L'indirizzo email del blog lo trovate in fondo alla pagina (non nella visualizzazione per cellulari)