Usando questo sito, dichiarate di aver letto il Disclaimer e le norme sulla Privacy relativa ai contatori Shinystat e whos.among.us.

Un archivio del blog, con tutti i post fino ad oggi pubblicati, elencati per mese, lo trovate in fondo alla colonna centrale.

NORME relative ai commenti alla pagina "COME COMMENTARE".

“Non c’è nulla di male se una persona cerca di confutare gli insegnamenti e le pratiche di un gruppo religioso che ritiene in errore”.
(Svegliatevi! 8 settembre 1997, pagina 6)

mercoledì 1 giugno 2016

La generosità dei primi discepoli di Gesù


La generosità dei primi discepoli di Gesù 
Nel libro biblico degli Atti degli Apostoli è narrata la storia di come è  nata, si è sviluppata ed è cresciuta  l'Ekklesia dei primissimi discepoli di Gesù. Nei primi capitoli si evincono le difficoltà a cui questi primi cristiani andarono incontro, le loro paure, le insicurezze dovute alla perdita del loro caro Maestro e poi alla sua successiva risurrezione ed ascensione ai cieli. 
Eppure nonostante la minaccia sempre più pressante dei sacerdoti del tempio e dei farisei che gli ordinarono di non parlare più di Gesù, la loro fede grazie anche allo Spirito Santo che Dio gli infondeva, permise potentemente a quei primi cristiani di dichiarare intrepidamente la buona notizia del Regno. 



Ma i versetti che mi hanno emozionato sono quelli di Atti 2:43-47
"43 In realtà, il timore si abbatteva su ogni anima, e molti portenti e segni avvenivano per mezzo degli apostoli. 44 Tutti quelli che divennero credenti erano insieme, avendo ogni cosa in comune, 45 e vendevano i loro possedimenti e proprietà e ne distribuivano il [ricavato] a tutti, secondo che ognuno ne aveva bisogno. 46 E di giorno in giorno erano con costanza assidui nel tempio, di comune accordo, e prendevano i loro pasti nelle case private e partecipavano al cibo con grande allegrezza e sincerità di cuore, 47 lodando Dio e trovando favore presso tutto il popolo. Nello stesso tempo Geova continuava a unire loro ogni giorno quelli che erano salvati."

E ancora i versetti dal Cap.  4:31-35
"31 E quando ebbero fatto supplicazione, il luogo in cui erano radunati fu scosso; e furono tutti pieni di spirito santo e annunciavano la parola di Dio intrepidamente.
32 Inoltre, la moltitudine di quelli che avevano creduto aveva un solo cuore e una sola anima, e nemmeno uno diceva che fosse sua alcuna delle cose che possedeva; ma avevano ogni cosa in comune. 33 E con grande potenza gli apostoli rendevano testimonianza della risurrezione del Signore Gesù; e immeritata benignità era su tutti loro in grande misura. 34 Infatti, non c’era fra loro uno solo nel bisogno; poiché tutti quelli che erano proprietari di campi o case li vendevano e portavano il valore delle cose vendute 35 e lo depositavano ai piedi degli apostoli. Quindi si faceva la distribuzione a ciascuno, secondo che ne aveva bisogno."

Quello che si nota subito dalla lettura di questi versetti, è si lo zelo e l'intrepidezza con la quale i primi discepoli annunciavano la buona notizia del regno,  ma allo stesso tempo è innegabile la premura e l'attenzione con la quale i fratelli più facoltosi o comunque più ricchi, si adoperavano in maniera pratica per aiutare e sostenere i loro fratelli nel bisogno e nell'indigenza. 

Si riesce a percepire l'amore che li spingeva a condividere. C'era chi vendeva i propri campi, chi le proprietà che aveva, mettendo a disposizione il ricavato di quelle vendite "ai piedi degli apostoli" in modo tale che potesse essere distribuito equamente il necessario per tutti i fratelli. E così chi aveva molto non avrebbe avuto meno e chi aveva poco non avrebbe avuto il di più. 

Un'uguaglianza, dettata da quella regola straordinaria che il loro Maestro gli aveva più volte insegnata e dimostrata con le azioni. Quella regola definita aurea, di fare agli altri quello che si vuole essere fatti,  e di amare i propri fratelli più di sé stessi.  In quel contesto mettevano veramente in pratica quello che il Signore disse in Giovanni 13:35, e cioè che sarebbe stato propio l'amore che avrebbero avuto fra loro a dimostrare che erano i suoi veri seguaci. 

Ora il paradosso sembra Sempre più evidente, perché nonostante queste chiare prove scritturali, nonostante il Signore stesso avesse stabilito di avere una cassa dove depositare denaro per i poveri, ad oggi, in nessuna congregazione sembra esservi una cassetta apposita per "i poveri della congregazione". 
Vi sono indubbiamente fratelli straordinari che privatamente si adoperano per aiutare chi è nel bisogno, ma non c'è nessuna disposizione ufficiale che contempli la possibilità di avere un fondo per chi è in difficoltà economiche o vive in situazioni critiche. 

Oggi, invece ogni risorsa, ogni energia, ogni moneta,  sembra essere destinata per la causa dell'organizzazione, per la predicazione (o dovrei dire per l'opera di rappresentanza?), per la costruzione sempre più richiesta di edifici, congregazioni, filiali, poi puntualmente rivendute; per il mantenimento di beteliti che devono stampare migliaia di riviste, libri, che ora vengono sempre più accantonati perché si punta sul digitale ed il web. Beteliti tra l'altro che non si sa che fine faranno una volta che non saranno più di utilità nelle rispettive case Betel.                                                                     
Si devono mantenere coppie di sorveglianti che dovrebbero (il condizionale è d'obbligo)  incoraggiare e fare del bene spiritualmente alle congregazioni ma spesso invece fanno solo danni immani ed errori madornali, quando poi lo stesso Apostolo Paolo fece capire che il suo punto di vista era quello di non voler in alcun modo pesare sulle spalle dei suoi fratelli spirituali, ma lavorando e anche duramente si provvedeva il necessario per vivere. 
Ovvio che chi si spende per i fratelli e magari impiegando buona parte del suo tempo va sostenuto, ma non mantenuto. 
Ecco queste sono solo alcune incongruenze che sono sotto gli occhi di tutti e che non capisco come fanno a non essere notate nei piani alti degli edifici WTS. 


Solo per ragionarci insieme...  

Fineas




* * * * * *


Pubblico questa riflessione (che troverà il consenso di alcuni e meno di altri) perchè chi si sente ancora legato a quanto ha studiato e predicato per anni, possa riflettere "a Bibbia aperta".

Non basta affermare di essere "cristiani", e "smanettare" con la Bibbia, per dichiararsi unici portavoci di Dio. Senza citare le scritture e distrbuire RIDICOLE riviste, basterebbe l'esempio.

Invece...




* * * * * * * *


Stai leggendo questa pagina da un cellulare?


oppure:






43 commenti:

  1. Ringrazio Fineas per queste riflessioni che ci fanno capire come in molte congregazioni e nell'organizzazione in generale siamo anni luce distanti dall'insegnamento biblico

    RispondiElimina
  2. John,
    Io ringrazio te, e tutti coloro che con le loro di riflessioni, hanno aiutato me ad aprire gli occhi.
    Grazie perché ci accomuna il desiderio di aiutare altri a non continuare a soffrire in una finta libertà che libertà non è...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Complimenti Fineas pe la tua riflessione, io sono arrivato qui leggendo da un blog cosidetto"apostata"tanto che fà riflettere sulla supposta cristianità della wts,e allora a distanza di mesi io invito di nuovo a vedersi la video intervista della dissociazione di circa 70 tdg trà anziani sdm pr ps e sv, ora sicuramente come l'altra volta ci saranno alcuni che contesteranno quella video intervista ma se ci riflettete bene senza pregiudizi casca a fagiolo con la riflessione di Fineas.Saluti a tuttiPS a Siracusa ne 1988.

      Elimina
  3. (Anziano riflessivo ) belle ed incoraggianti parole. ma il punto è: personalmente quando in passato mi adoperavo per sostenere qualche famiglia che versava in condizioni economiche critiche, cercavo nel segreto della cosa di coinvolgere qualche altro nominato; dopo un po fui avvicinato e dissuaso a continuare in questa cosa, poiché mi fu detto che la società non vuole che si facciano collette. oggi continuo comunque nel mio piccolo a prodigarmi per chi è nel bisogno. Però mi chiedo: quanto riportato in Atti Cap. 2 e 4, riportavano una data di scadenza???? Oggi hanno un'altra connotazione? ??

    RispondiElimina
  4. Come non essere d'accordo con fineas...

    RispondiElimina
  5. Uno dei tanti2 giugno 2016 09:51

    Non dimentichiamo un concetto fondamentale del credo geovista:
    La lealtà a Geova lo si dimostra essendo leali all'organizzazione.
    Si può aiutare materialmente chi è nel bisogno, aiutando materialmente l'organizzazione.
    La cosa tragica è che milioni di persone ci stanno credendo e si comportano di conseguenza.

    RispondiElimina
  6. Grazie mille caro Fineas, la tua riflessione e l'esposizione chiara e di facile comprensione non lascia veramente scampo.
    Dato che oggi i "cristiani" tdg dicono che seguono le orme del Cristo, come mai quest'orma non la si segue? Forse è più comodo non seguirla proprio perché ogni risorsa deve essere inviata al CD che la userà come meglio crede e sulla base di quale scrittura o quale principio il CD fa questo?
    Sulla base di cosa bisogna MANTENERE i sorveglianti e rispettive mogli? Perché loro devono andare in giro con una bella autovettura sempre nuova e fiammante comoda e spaziosa, quando tanti loro fratelli non hanno nemmeno i soldi per fare rifornimento?
    Per non parlare dei tanti doni fatti dai fratelli in modo più o meno volontario ai viaggianti (so di vere e proprie estorsioni di regali e danaro)...non basterebbe solo quello??
    Tra l'altro permettetemi di aggiungere che, nelle congregazioni se sei benestante tutti ti cercano, al contrario se disponi di pochi mezzi...solo un cane.
    Riflettete amici...riflettete

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E vero Saulo confermo ciò che dici..per i sorveglianti ci si spoglia pure delle mutande se serve per fare i leccapiedi...a un poveraccio e logico che non ti si fila..che ti può dare in cambio un orfano,una vedova o un malato?dov e il vantaggio?

      Elimina
    2. hai ragione Ema cara...è diventato un sistema per eletti...i primi cristiani aiutavano i poveri veri...

      Elimina
  7. Semplice e chiaro,
    i primi cristiani erano cristiani veri, la Wts é un´azienda con tanto di marketing,rappresentanza, pubblicitá, e loghi che sono ormai da una vita diventati mooolto piu´importanti della fede stessa e anche di Dio. Continuano a nominare il nome di Dio invano e ad abusare di quello di Cristo quando é palese che per loro contano di piu´ le cravatte ed i tablet coi video.

    RispondiElimina
  8. Ricordate Matteo 25: 31-46 ?
    È un passo che WT/JW.org si guarda dal ricordare...
    Anzi, peggio, a suo tempo lo travisò ad arte per applicarlo solo agli "unti" (e cioè "lo Schiavo" nella mente della maggioranza).
    Le chiese della "cristianità" si sono dimostrate da lontano migliori sotto questo aspetto...

    RispondiElimina
  9. La Chiesa Cattolica possiede il secondo tesoro in oro più grande del mondo. La rivista italiana Oggi,nel 1952,stimò questo tesoro in 7.000 milioni di lire (=3.500.000.000 di Euro odierni), io mi chiedo... Ma di tutta questa ricchezza posseduta... quanto va ai poveri ??
    Come disse il nostro grande insegnante: "Togli prima la trave dal tuo occhio e allora ci vedrai bene per togliere la pagliuzza dall'occhio del tuo fratello" ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Luigi, sono d'accordo con te. La chiesa cattolica da lo 0,01% ai poveri.
      La nostra "santa organizzazione" invece non dà neppure quella percentuale.... ma si sa, noi siamo il popolo di Dio...

      Elimina
    2. Se la WT fosse sorta 2000 anni ..il suo tesoro a cosa ammonterebbe ?.

      Elimina
    3. Aggiungo ...che la WT non è un organizzazione miserabile che può giudicare la chiesa cattolica perchè è ricca ....è come dire che berlusconi è povero , perchè ci sono capitalisti più ricchi di lui.

      Elimina
    4. Caro Luigi ti risulta che associazioni cattoliche come ad esempio la Caritas non devolvano azioni concrete ai bisognosi?
      Io sono tdg da circa trent'anni e non ho mai partecipato ad azioni di volontariato per dar cibo ai senza tetto, i cattolici della Caritas lo fanno quotidianamente.
      Nella mia città all'istituto Cottolengo tutti i santi giorni a pranzo e a cena vengono aperte le porte e viene apparecchiato per un numero elevato di emarginati.
      A me queste azioni fanno riflettere " un pochino" su chi veramente condivida , se pur lo 0,01 per cento, con ogni bisognoso SENZA alcuna parzialità , di qualsiasi religione e razza.
      Dovremmo essere più onesti e obiettivi quando si parla di carità .

      Elimina
    5. Mi a figlia tdg e marito erano nel bisogno e si sono sentiti dire dagli anziani della loro congregazione che loro non facevano collette e se avevano bisogno potevano andare alla caritas e così è stato...prevengo che io finché ho potuto li ho aiutati ma vivono lontani e avendo altri figli in difficoltà in quel momento non potevo...Anonima infelice

      Elimina
    6. Grazie, Fineas, per gli ottimi contenuti. In effetti, nella maggioranza delle congregazioni in cui si potrebbe dare aiuto pratico con le contribuzioni in eccedenza o tramite "le cose di valore" dei più benestanti, chi ha problemi economici in genere si arrangia.
      Però, stranamente, è consentito raccogliere denaro per fare una "busta" per i viaggianti!
      Già questo farebbe sorgere seri dubbi sulla pretesa della Watchtower di essere il canale scelto da Dio.
      Io, da quest'anno, oltre a non contribuire più, non darò neppure il 5 per mille alla WT.

      Elimina
    7. Poi c'e' da considerare il fatto della totale non trasparenza a livello globale e che i fratelli sono spesso interpellati solo per contribuire e mai per prendere altre decisioni. E' impossibile decidere di usare una somma per aiutare in altri modi per esempio.

      Elimina
    8. Sai Luigi Rossi che gran parte del patrimonio della CC è composto da beni immobili ? Sai che la CC edifica e finanzia scuole, università, ospedali, e enti caritatevoli che provvedono aiuto pratico ai bisognosi, e non è l'unica organizzazione religiosa a farlo ? Addirittura enti laici si prodigano per dare sostegno a chi più ne necessita.
      E i Testimoni al confronto ?
      ...
      Ricordi Giacomo 2 ?
      "14 Di che beneficio è, fratelli miei, se uno dice che ha fede+ ma non ha opere?+ Tale fede non lo può salvare, vero?+ 15 Se un fratello o una sorella è in uno stato di nudità e mancante del cibo sufficiente per il giorno,+ 16 e uno di voi dice loro: “Andate in pace, riscaldatevi e saziatevi”, ma non date loro le cose necessarie al corpo, di che beneficio è?+ 17 Così anche la fede, se non ha opere,+ è in se stessa morta."
      Questo passo li smaschera apertamente come Organizzazione ipocrita e senza fede, ed è sempre più evidente...

      Elimina
    9. e qui non vogliamo certo fare l'apologia del cattolicesimo !! Che con guerre ed inquisizioni ha fatto milioni di morti nel passato !!

      Ma oggi, tutti i soldi che intasca la watchtower vengono usati ESCLUSIVAMENTE per stampare e costruire, a parte i "piccolissimi" doni fatti a pionieri speciali e missionari.

      Se ci sono disastri o guerre, chi tira fuori i soldi per i soccorsi sono SEMPRE e SOLO i poveri fratelli e sorelle.
      La società accumula e basta !

      Elimina
    10. Nessuna apologia, ci mancherebbe.
      Ma ti devo ammettere che sono sempre più allergico nel sentire coloro che sono sempre pronti a buttare la pietra, accusando altri di quello che la loro stessa Organizzazione si macchia e facendo sempre molto fatica ad ammetterlo !

      Elimina
    11. Socrate69, la scrittura di Giacomo 2:14-17 ci sta tutta!
      Ma conoscendo il modo di ragionare, la risposta che riceveresti è che localmente dove ci sono fratelli nel bisogno, sono le congregazioni ed i singoli fratelli a doverci pensare.
      Come a dire che l'organizzazione (a meno che non si tratti di un cataclisma) ha altro a cui pensare!
      In questo caso alla "tua" scrittura accosterei Atti 6:3,4 dove, è vero che gli apostoli non potevano occuparsi di tutto, ma definiscono il distribuire a chi è nel bisogno "una faccenda necessaria" al punto che prendono provvedimenti perché venga organizzato questo tipo di servizio...

      V

      Elimina
    12. Galati 2:10 10 Soltanto ci raccomandarono che ci ricordassimo dei poveri, proprio quello che anch'io mi ero proposto di fare.

      Quello che il modello Cristiano era prioritario per l'organizzazione e' secondario. Piu' importante e' tenere tutto a puntino. Magari una scalinata in granito e' piu' importante di una vita.

      Elimina
    13. Fineas grazie per aver valorizzato questo aspetto.nel periodo in cui ero nell organizzazione ho sempre avuto dubbi riguardo al contribuire.mi chiedevo sempre ma questi soldi che oggi metto qui in questa cassetta,ci vanno davvero in mano a chi e nel bisogno?vi erano un paio du famiglie che non se la passavano e siccome era ovvio che al momento era piu importante cercare un lavoro che fequenrare le adunanze gli anziani amorevolmente gli dissero di pregare Geova(loro godevano di un posto fisso belle auto e casa propria).potevano farlo e perché non lo fecero..poi veniva il sorvegliante e gli stendevano la guida..ospitalita, pranzi e cene o una pizza il sabato sera .tutto per apparire e quelli che facevano la fame con i bambini a carico..

      Elimina
    14. Caro Luigi Rossi con questa tua considerazione hai reso palese tutta l omertà che regna nella wt.... conosci quanto oro possiede la cc ma dei beni wt ne sai molto poco

      Elimina
  10. Questo argomento mi sta tanto a cuore. Alla televisione si vedono spesso immagini di persone che muoiono sotto un gommone per cercare una speranza in un paese europeo. Persone che dormono in macchina perche' hanno perso il lavoro. Poi vado su broadcasting e vedo grandiosi progetti per la nuova sede centrale, alberghi costosissimi per mantenuti, video con disegni cad 3d dei progetti in corso. Per non notare la grandissima ipocrisia si deve essere vittima di dissonanza cognitiva. Questi gruppi religiosi sono tutti uguali, prima pensano a loro e sono insensibili al dolore umano. I capi dicono che male e' bene, come ostracizzare i loro affetti, e loro lo fanno. Creano video per spaventare dove le persone si nascondono in bunker e loro costruiscono una bella sede davanti al lago. Che presa per il c..o!

    RispondiElimina
  11. Quindi la via è il comunismo ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bè, sicuramente la via NON è prendere per i fondelli il cristianesimo, come stai facendo tu !!

      Elimina
    2. La via è quella che ognuno si sceglie per se...

      Elimina
    3. anonimo, la via è l'amore...se non sei capace di riconoscerlo, forse è il caso di fardi qualche domanda...

      Elimina
  12. Caro Fineas,
    Non è che ai piani alti non se ne accorgono, lo sanno benissimo, ma a loro i fratelli non interessa minimamente, il loro unico obbiettivo è quello di riempire la terra di costruzioni...tipico della massoneria, e ci sono evidenti prove che non sono UNTI di Geova ma solo Massoni.

    RispondiElimina
  13. La via é mandarli sonoramente a c..are e non dargli piu´ neanche mezzo centesimo che giá ne hanno tanti di sghej questi qui!
    Tutte le loro costruzioni, nonche´il loro vitto, alloggio, assicurazioni e macchine dei sorveglianti, buste e regali vari sono finanziate dai fedeli!! E questi sorveglianti o beteliti arrivano freschi freschi a sproloquiare dal podio "State attenti ad amministrare i soldi, non diamo troppa importanza al lavoro". Tu non la dai di certo visto che ti fai mantenere e sei capace solo di dire "dovete fare di piu´", si di piu´per te che non fai un tubo!
    Ma per cortesia, ci rendiamo conto della loro spocchia o no?

    RispondiElimina
  14. In effetti, cari amici,
    La cosa che fa più male è quella di notare le tante belle parole che si dicono dal podio, ma i fatti che la maggioranza non fa.
    A me, che stavo affrontando un periodo non particolarmente facile, l'aiuto è arrivato da un fratello che era nelle mie stesse condizioni economiche.
    E quando in circostanze precedenti provai a far notare le medesime cose scritte in questo post ai miei anziani, come da prassi mi risposero che la società non permette collette all'interno delle congregazioni.
    Ma a questo punto, anche tutti i benefici di cui gode la congregazione cristiana dei testimoni di Geova, in termini di esenzioni di tasse e quant'altro, decadono, in virtù del fatto che non è un ente né di beneficenza e né di aiuto alla comunità.
    Non so le leggi italiane al riguardo cosa dicono, ma non credo che vi siano associazioni o comunque comunità di tdg che sono attive per fornire assistenza materiale a chi è nel bisogno;
    Alla fin fine, il tutto è solo un gran paravento per continuare a godere dei benefici che lo stato concede alle confessioni no profit che si registrano come enti di beneficenza e esentarli dal pagamento delle tasse dovute per via delle loro proprietà terriere.
    Ma non credo che la pacchia durerà ancora per molto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda fineas che e sempre cosi...di solito ti viene in aiuto quello che ha bisogno cme te perché capisce realmente la tua situazione,sa cosa vuol dire arrivare a fine mese con sacrifici e si immedesima nella tua parte e ti aiuta,non ti da la pacca sulla spalla e ti dice prega Geova e intanto ti muori di fame...l amore genuino non ha interessi e soprattutto nelle difficolta non esita a tenderti una mano

      Elimina
  15. Cosa dirti Fineas mi hai commosso hai reso semplice un argomento spinoso, nella sua semplicità è deflagrante, come la wt & company sono ormai chiaramente anni luce lontani dal puro cristianesimo. Questa non è certo " la via che Geova ci indica" .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. (Ax80) Mi permetto una piccola correzione, Zeroassoluto... Non "sono ormai chiaramente anni luce lontani dal puro cristianesimo", ma "come sono sempre stati"... C'è più informazione, era soltanto logico che prima o poi l'evoluzione dei tempi avrebbe portato a questo livello di conoscenza. Non pensiamo allo "schiavo malvagio", quella non è una prefigurazione di nulla, semmai è soltanto una parabola. Sono sempre stati così. Ora abbiamo solo scoperto gli altarini.

      Elimina
    2. Grazie a te caro Zero Assoluto, sempre troppo generoso,e a tutti per il contributo dato.
      In effetti, quelli esposti in questo post, non sono altro che pensieri fatti grazie alle riflessioni lette in questi mesi nei vostri commenti...
      Io non ho fatto altro che riunirle tutte in un unico ragionamento...
      Un abbraccio a tutti voi!

      Elimina
    3. Esatto caro Ax80,

      sono sempre stati cosi´ solo che prima era piu´ facile nasconderlo.
      Una volta parlando con un sorvegliante, ho sollevato un quesito un po´scottante dicendo :" Ci sono bravissimi individui anche tra le altre confessioni, ad esempio alcuni cattolici o protestanti aiutano i bambini poveri in Africa o comunque devolvono molto per aiutare chi non ha nulla". La sua agghiacciante riposta é stata: "Si, ma fanno solo quello pero´."
      "Solo quello"??????? I Tdg non fanno neanche quello!!! Con la scusa di fornire "cibo spirituale" si astengono dal fornire quello materiale! Eh si perché loro aiutano solo chi é interessato alle loro ideologie, altrimenti ciccia, non aiutano nessuno, solo se stessi.
      Io conoscevo una sorella che é stata disassociata in contumacia perché dopo un periodo di disoccupazione e crisi economica ha trovato lavoro alla caritas!!!
      Dovrebbero vergognarsi

      Elimina
    4. Distaccato.....la WT abilmente si rifà sul regno di DIO ....dunque alla fine ti dicono che le opere umanitarie non servono a risolvere i problemi...tu devi solo predicare ...poi se il proselito lo merita lo puoi anche aiutare materialmente se si impegna a diventare un tdg , in caso contrario ciao arrivederci se non addirittura un addio ...la cosa contraditoria è che se un fratello di notte sta male ...non chiama la betel di roma con l elicottero ...CHIAMA L ASSISTENZA PUBBLICA !! FATTA DI PERSONE DEL MONDO VOLONTARIE, CHE ALLE 2 DEL MATTINO VENGONO A CASA TUA GRATIS !!!!.....SIGNORI ..quello della WT è UN CRISTIANESIMO AMERICANATO altro che amore agape !!!

      Elimina
    5. Ma va riflessivo....i tdg fanno uso del mondo, ma non appieno.
      In parole povere, quando ci fa comodo e ci serve quelli del mondo sono bravi, per tutto il resto hanno la rogna!!
      IPOCRISIA ALLO STATO PURO!

      Elimina
  16. Che dire? È un articolo a dir poco meraviglioso, ma prova a fare un ragionamento cosi a quelche tdg, nonostante le scritture dicano che l'apostolo Paolo fabbricava tende pur di mantenersi e non essere peso, hai torto marcio e se continui ad insistere sulle tue posizioni sei un apostata

    RispondiElimina
  17. Esattamente un anno fa Fineas scriveva questo bellissimo post...

    RispondiElimina

E' OBBLIGATORIO INSERIRE NEL CAMPO Nome/URL (selezionato dal menù "commenta come...") UN NICK con cui firmarsi. Non usate termini scurrili, insulti, calunnie, incitamenti all'odio razziale ed alla violenza, e NON menzionate la persone per nome o cognome reali. Sono vietati lo spamming, il copia-incolla ripetuto, i link a siti non approvati dalla redazione, i messaggi provocatori.
Altrimenti i post non saranno pubblicati o verranno cancellati.
La moderazione dei commenti è insindacabile ed a cura della redazione del blog. Se i vostri commenti non vengono pubblicati potete chiedere spiegazioni scrivendo alla redazione (vedi "come commentare" in alto nella colonna a sinistra)

Grazie

L'indirizzo email del blog lo trovate in fondo alla pagina (non nella visualizzazione per cellulari)

ARCHIVIO

.