Usando questo sito, dichiarate di aver letto il Disclaimer e le norme sulla Privacy relativa ai contatori Shinystat e whos.among.us.

Un archivio del blog, con tutti i post fino ad oggi pubblicati, elencati per mese, lo trovate in fondo alla colonna centrale.

NORME relative ai commenti alla pagina "COME COMMENTARE".

“Non c’è nulla di male se una persona cerca di confutare gli insegnamenti e le pratiche di un gruppo religioso che ritiene in errore”.
(Svegliatevi! 8 settembre 1997, pagina 6)

"Nessuno dovrebbe sentirsi obbligato a seguire una forma di adorazione che considera inaccettabile o a scegliere fra le proprie credenze e la propria famiglia."
(Svegliatevi! Luglio 2009 p.29)


mercoledì 25 luglio 2018

La mia supplica ai Testimoni di Geova




Le rivelazioni spin-off sull'abuso sessuale all'interno dei Testimoni di Geova sottolineano la necessità di una risposta a livello dell'intera comunità contro gli abusi sessuali su minori, scrive il commissario per bambini, giudice Andrew Becroft

I neozelandesi nel loro complesso solo di recente sono arrivati ​​a comprendere l'intera portata e il costo dell'abuso sessuale sui minori. Ci sono molte ragioni per questo. Uno è che troppi che hanno tenuto le redini del potere nelle nostre varie comunità hanno resistito insistentemente alle grida, alle richieste e alle lamentele di coloro che hanno sofferto.
Ci sono stati motivi anche per questo. Alcuni sono ancorati alla pura incapacità di accettare la realtà di qualcosa di così sconvolgente. Alcuni sono radicati nel mantenimento della gerarchiaAlcuni rimangono ignoranti del danno causato. E alcuni, purtroppo, sono radicati nell'interesse personale. Tutti questi motivi devono essere esposti e respinti.
I Testimoni di Geova insistono sul fatto che due testimoni adulti sono tenuti a sostenere una denuncia di abuso in un'indagine interna. Questo processo è ancorato ad un'interpretazione arcaica di una scrittura di 3000 anni che riflette una cultura che conosceva poco delle dinamiche insidiose dell'abuso di minori. Era radicato nella necessità di un "giusto processo" nel contesto del suo tempo. È un processo per le vittime minorenni che ha bisogno non tanto di essere riformato ma di essere rovesciato.
L'ironia e l'ingenuità della regola dei due testimoni è che non dimostra né la comprensione degli abusi sessuali sui minori né il comportamento manipolatorio e astuto dei molestatori, dato che non ci sono quasi mai testimoni oculari del fatto.
L'inizio di qualsiasi approccio alla riduzione degli abusi sui minori è un impegno a livello comunitario ad ascoltare con compassione le voci di coloro che lamentano, a segnalare tali reclami e ad agire in base a tali segnalazioni.
È stata proposta la segnalazione obbligatoria per tutti gli abusiQuando sono diventato commissario per i bambini mi è sembrato un "non-sforzo". Ma tutti gli esperti di cui ho parlato discutono contro questo. Le segnalazioni obbligatorie, mi consigliano, amplieranno la rete fino a quel punto che potrebbe estendere il sistema di segnalazione oltre il punto di rottura. Può persino impedire ai bambini, anche quando diventano adulti, di cercare aiuto perché temono che la loro situazione debba essere immediatamente segnalata alla Polizia, qualcosa che potrebbero non essere ancora pronti a fare.
Quest'ultimo fattore pesa molto. L'ultima cosa che vogliamo fare è impedire ai bambini di ottenere aiuto specialistico; soprattutto perché ricevere tale aiuto è spesso il primo passo verso la segnalazione.
Ma mentre la segnalazione obbligatoria potrebbe essere caricata troppo, dobbiamo essere chiari sul fatto che non andare su questa strada non può essere una scusa per qualcosa di diverso dalla tolleranza zero per l'abuso di minori.
Abbiamo bisogno di coltivare un clima in Nuova Zelanda in cui denunciare l'abuso è una risposta naturale alla consapevolezza dell'abuso. Abbiamo bisogno di un clima di fiducia in modo che le autorità, compresi esperti di polizia ben addestrati, si occupino in modo sensibile e responsabile con i denuncianti durante tutto il processo fino all'esito di qualsiasi reclamo.
Dobbiamo anche essere fermi nella nostra condanna di ogni famiglia o organizzazione che chiude le porte su un'indagine. La nostra forza trainante deve essere sempre il benessere e il miglior interesse dei bambini. Devono venire prima. Non possiamo mai scendere a compromessi.
Senza dubbio i Testimoni di Geova pensano di fare la cosa giusta. Ma, con rispetto, a mio avviso si sbagliano. In quanto istituzione, non sono i soli a insistere sulla possibilità di gestire queste problematiche internamente. Posso chiedere che riconsiderino la questione?
È inconcepibile che ogni gruppo della comunità neozelandese abbia un proprio sistema investigativo privato. Sapendo ciò che sappiamo ora degli effetti dell'abuso e della sua incidenza, per non parlare dei conflitti di interesse, è indifendibile che qualsiasi organizzazione inizi a giustificare un approccio "fai da te".
Ma i tempi stanno cambiando per il bene di tutti. Insieme ad altri, la Chiesa cattolica romana è arrivata a riconoscere che il "miglior disinfettante è la luce del sole". Non è un caso, e un segno di speranza per il futuro, che le principali chiese neozelandesi abbiano cercato di essere incluse nel campo di applicazione della Royal Commission in Abuse of Children in State Care. Riconoscono che eliminare gli abusi sui minori è un impegno che la comunità deve condividere.
A loro credito molte chiese ora sanno in modo chiaro che non possono essere sia amici che investigatori, un enorme conflitto di ruoli. È tempo ora che altre comunità, spesso più piccole, più chiuse, giungano alla stessa realizzazione.
Non è sufficiente avvisare coloro che segnalano l'abuso sessuale che sono liberi di andare alla polizia. È nostro dovere, in quanto comunità, andare con loro, invitare le autorità a fare indagini, e fare la nostra parte nell'eliminare dalla nostra comunità questa insidiosa piaga.
La maggior parte delle ONG, delle chiese e di altre organizzazioni comunitarie richiedono in modo adeguato che il loro personale e i volontari siano controllati dalla polizia. E in caso di reclamo, tutte le organizzazioni che si occupano di bambini dovrebbero avere processi chiari centrati sull'infanzia, ascoltare con compassione e sostegno il bambino e richiedere rapporti esterni.
La mia pubblica supplica ai Testimoni di Geova è di agire prontamente e responsabilmente per attuare un chiaro insieme di protocolli per denunciare accuse di abuso sessuale alle autorità, invitando indagini indipendenti ed esterne.
Invece di insistere sulla loro regola dei due testimoni, forse i Testimoni di Geova potrebbero trovare una via da seguire usando un diverso testo biblico, Matteo 18: 6. È un passaggio che enfatizza l'approccio (quindi) rivoluzionario di Gesù a dare priorità ai bambini, e che alcuni commentatori ritengono possano riferirsi effettivamente all'abuso di minori. Anche se questo passaggio riflette il contesto del suo tempo, ora sappiamo che molti abusi sessuali su minori beneficeranno di un aiuto di esperti. Ne terremo conto dell'uso della pena capitale - riconoscendo l'iperbole drammatica delle parole di Gesù. Ma il passaggio sottolinea il significato di questo problema:
"Se qualcuno causa a uno di questi piccoli ... di inciampare, sarebbe meglio per loro avere una grossa pietra da macinare appesa al collo e annegare nelle profondità del mare".
Questa è una traduzione dal link: thespinoff















Stai leggendo questa pagina da un cellulare?





indirizzo email dell'amministratore del blog:



4 commenti:

  1. solo paesi culturalmente laici, possono fare passi decisivi in merito. Non hanno lacci e lacciuoli, di legami religiosi che li possono frenare.

    RispondiElimina
  2. Pingo(Antonio)25 luglio 2018 11:37

    i furbacchioni del CD, o chi per esso già sapevano da tempo che il marcio sarebbe saltato fuori, ed è per questo che in anticipo hanno fatto video e articoli sulle psicotiviste dove a dir loro mettono in guardia dalle notizie false sempre a sentir loro pubblicate dagli "apostati"ma poi quando le stesse notizie vengono rese note dagli stessi media che i vertici lodano quando diffondono le stesse notizie riguardanti i reati di pedoflia di altre organizzazioni i vertici della WTS gridano alla persecuzione, la fiera dell'ipocrisia.

    RispondiElimina
  3. Oggi leggevo lo statuto dei massoni in Italia ... oltre a trovare moltissime analogie di dettami e regole e sottomissione incredibilmente simili alle congregazioni vi riporto uno stralcio di come sia uguale una certa pratica in questioni tra fratelli: E se qualcuno vi fa ingiuria, dovete rivolgervi alla vostra o alla sua Loggia e, dopo, appellarvi alla Gran Loggia nelle assemblee trimestrali e quindi alla Gran Loggia annuale, come è stato l’antico lodevole costume dei no- stri antenati in ogni Nazione; non dovete intraprendere un processo legale a meno che il caso non possa venire risolto in altro modo e pazientemente affidatevi all’onesto e amichevole consiglio del Maestro e dei Compagni, allorché essi vogliono evitare che voi compariate in giudizio contro estra- nei e vi esortano ad accelerare il corso della giustizia, che cosi farete me- glio l’interesse della Muratoria con migliore alacrità e successo; ma, ri- spetto a Compagni o Fratelli in giudizio, il Maestro e i Fratelli dovranno gentilmente offrire la loro mediazione, che a loro deve essere con ricono- scenza affidata dai Fratelli contendenti; e se tale sottomissione è imprati- cabile, questi potranno condurre il loro processo o causa, senza animosità e senza collera (non nel modo comune), facendo od omettendo quanto possa compromettere l’amore fraterno, e buoni uffici devono essere rinno- vati e continuati; che tutti possano vedere la benefica influenza della Mu- ratoria, come tutti i veri Muratori hanno fatto dal principio del mondo e fa- ranno fino alla fine del tempo.
    Amen, così sia.

    RispondiElimina

E' OBBLIGATORIO FIRMARE I COMMENTI CON UN NICK

Cliccare sul menù "commenta come..." e scegliere l'opzione nome/URL.
INSERIRE UN NICK a piacere nel campo NOME, cioè uno pseudonimo col quale vi firmerete, poi cliccare su Continua. Non usate termini scurrili, insulti, calunnie, incitamenti all'odio razziale ed alla violenza, e NON menzionate la persone per nome o cognome reali. Sono vietati lo spamming, il copia-incolla ripetuto, i link a siti non approvati dalla redazione, i messaggi provocatori.
Altrimenti i post non saranno pubblicati o verranno cancellati.
La moderazione dei commenti è insindacabile ed a cura della redazione del blog. Se i vostri commenti non vengono pubblicati potete chiedere spiegazioni scrivendo alla redazione (vedi la pagina"come commentare" nel menu orizzontale in alto)

Grazie

L'indirizzo email del blog lo trovate in fondo alla pagina (non nella visualizzazione per cellulari)

ARCHIVIO

.