Usando questo sito, dichiarate di aver letto il Disclaimer e le norme sulla Privacy relativa ai contatori Shinystat e whos.among.us.

Un archivio del blog, con tutti i post fino ad oggi pubblicati, elencati per mese, lo trovate in fondo alla colonna centrale.

NORME relative ai commenti alla pagina "COME COMMENTARE".

“Non c’è nulla di male se una persona cerca di confutare gli insegnamenti e le pratiche di un gruppo religioso che ritiene in errore”.
(Svegliatevi! 8 settembre 1997, pagina 6)

"Nessuno dovrebbe sentirsi obbligato a seguire una forma di adorazione che considera inaccettabile o a scegliere fra le proprie credenze e la propria famiglia."
(Svegliatevi! Luglio 2009 p.29)


giovedì 14 giugno 2018

Padre Testimone di Geova: vietato portare la figlia alle adunanze


Un altra sentenza che farà discutere. Un tribunale rigetta il ricorso di un padre che si sentiva autorizzato a portare in sala del regno la giovane figlia.
Ovvio, lui pensava (sperava) di salvarle le prospettive di vita eterna, ma...



Ecco l'articolo:

Criterio fondamentale cui il giudice deve attenersi per fissare le modalità di affidamento dei figli è quello del superiore interesse del minore: per perseguire tale obiettivo può rendersi necessario adottare provvedimenti contenitivi o restrittivi dei diritti e delle libertà individuali dei genitori.

Il caso. 


La Corte d’appello di Firenze ha respinto il reclamo proposto da un padre avverso il provvedimento con cui il Tribunale di Livorno, in sede di determinazione delle condizioni di affido condiviso della figlia minore, gli aveva proibito di portare con sé la bambina agli incontri dei Testimoni di Geova, fede religiosa da lui professata. Il padre ha, quindi, impugnato tale decreto con ricorso straordinario per cassazione.

Limiti alla libertà individuale del genitore per tutelare l’interesse del figli.


Come già affermato dalla giurisprudenza di legittimità, il criterio fondamentale cui il giudice deve attenersi nel fissare le modalità di affidamento dei figli in caso di conflitto genitoriale è quello del superiore interesse del minore in considerazione del suo diritto a una crescita sana ed equilibrata.
Per perseguire tale obiettivo, può rendersi necessario adottare provvedimenti contenitivi o restrittivi di diritti e libertà individuali dei genitori qualora la loro «esteriorizzazione determini conseguenze pregiudizievoli per il figlio», compromettendone la salute psico-fisica e lo sviluppo.
Nel caso di specie, il decreto impugnato è stato assunto in adesione a tali principi considerato che il divieto posto dal Giudice di merito di condurre la bambina alle manifestazioni della fede dei Testimoni di Geova è fondato sulla CTU con la quale si è accertato che il coinvolgimento in tali pratiche religiose creavano disagio nella minore e ne pregiudicavano l’equilibrata crescita emotiva.
La Suprema Corte dichiara, quindi, inammissibile il ricorso.


Fonte: www.ilfamiliarista.it













Stai leggendo questa pagina da un cellulare?





indirizzo email dell'amministratore del blog:




3 commenti:

  1. se un genitore cambia religione NON può farla cambiare al figlio se il coniuge non vuole....

    RispondiElimina
  2. Evviva, piccolo passo avanti .Certo i talebani wt non la riporteranno sul loro sito .

    RispondiElimina
  3. Se una persona ragiona cosa c'è di male in tutto questo? Niente direi.
    Il problema, nel caso specifico, è che il povero testimone comune deve sposare tutto quello che viene detto dal podio sia nelle varie sale che alle assemblee. E' fuori discussione che in questi luoghi ogni singolo adepto viene attaccato dalle pressioni verticistiche dell'organizzazione. Il loro intento infatti è pressare i genitori a tenere i propri figli fin dalla giovane età con loro in sala, con loro in servizio, con loro alle assemblee ecc. ecc. anche se i figli si trovano in un età tale da non poter capire se quel programma che qualcuno ha deciso per loro sia giusto o sbagliato.
    Come diceva qualcuno è un piccolo passettino in avanti e le famiglie divise nella fede devono proprio capire questo e cioè che non bisogna forzare i propri figli a svolgere l'attività del genitore. Ribadisco che chi non li conosce li vede persone sincere, che mettono Dio al primo posto (io direi l'organizzazione), oneste, ecc.,ecc., il vero problema sono i personaggi con incarichi: anziani, i vari sorveglianti, per raggiungere ovviamente i personaggi dello schiavo fedele e saggio. Io sono molto scettico e non mi sono mai fidato di queste persone. Inoltre sono meschini perchè nel caso di cui sopra quando i due coniugi iniziavano ad avere problemi ste sicuri che hanno iniziato a pompare la situazione: " Noi sorella ti avevamo messo in guardia, hai visto che è difficile portare avanti un matrimonio con una persona incredula adesso leggiamo questo passo bla bla bla". E' quello che realmente sanno fare condizionando quotidianamente la vita delle persone. Quando sento che una persona si dissocia il mio cuore si riempie di gioia....perchè alla fine è facile informarsi, fatelo anche voi.

    RispondiElimina

E' OBBLIGATORIO FIRMARE I COMMENTI CON UN NICK

Cliccare sul menù "commenta come..." e scegliere l'opzione nome/URL.
INSERIRE UN NICK a piacere nel campo NOME, cioè uno pseudonimo col quale vi firmerete, poi cliccare su Continua. Non usate termini scurrili, insulti, calunnie, incitamenti all'odio razziale ed alla violenza, e NON menzionate la persone per nome o cognome reali. Sono vietati lo spamming, il copia-incolla ripetuto, i link a siti non approvati dalla redazione, i messaggi provocatori.
Altrimenti i post non saranno pubblicati o verranno cancellati.
La moderazione dei commenti è insindacabile ed a cura della redazione del blog. Se i vostri commenti non vengono pubblicati potete chiedere spiegazioni scrivendo alla redazione (vedi la pagina"come commentare" nel menu orizzontale in alto)

Grazie

L'indirizzo email del blog lo trovate in fondo alla pagina (non nella visualizzazione per cellulari)

ARCHIVIO

.