Usando questo sito, dichiarate di aver letto il Disclaimer e le norme sulla Privacy relativa ai contatori Shinystat e whos.among.us.

Per capire come "nasce" questo blog, leggere le pagine info sul blog nella colonna a sinistra.

Un archivio del blog, con tutti i post fino ad oggi pubblicati, elencati per mese, lo trovate in fondo alla colonna centrale.

NORME relative ai commenti alla pagina "COME COMMENTARE".

“Non c’è nulla di male se una persona cerca di confutare gli insegnamenti e le pratiche di un gruppo religioso che ritiene in errore”.
(Svegliatevi! 8 settembre 1997, pagina 6)

mercoledì 26 luglio 2017

Similitudini



Ho trovato in rete questo interessante articolo pubblicato da geova.org dove una donna (Testimone di Geova o ex) che oggi vive in Italia, spiega alcuni punti chiave del regime dittatoriale della nazione in cui è cresciuta: l’Albania!

Ecco alcune frasi che cito dalla pagina web:




Non potevamo leggere, studiare o guardare altre cose se non quello che la scuola ci forniva. Dovevamo credere a tutto ciò che era scritto nei libri che ci venivano forniti ! Scrivevano che l’Albania era il paese più ricco del mondo e che tutti gli altri paesi erano poveri e in ognuno di loro si viveva male. Ci dicevano che in Italia come negli altri paesi c’era molta povertà. Non potevamo guardare canali televisivi stranieri per non vedere la realtà. Eravamo totalmente isolati!!

(quando i TdG ti dicono che solo nelle loro pubblicazioni non trovi menzogne)



Chi usciva di nascosto dall’Albania non poteva più rientrare altrimenti sarebbe stato pubblicamente fucilato davanti a tutto il paese. Ho visto personalmente delle esecuzioni su mandato statale tramite impiccagione di persone che erano state condannate proprio per questo motivo! Da studenti venivamo portati dai professori sul luogo dell’esecuzione perchè dovevamo assistere alla fine che facevano quelli che osavano ribellarsi al sistema.

(un dissociato entra in una sala del regno i TdG non lo salutano neppure)



A scuola se si sbagliava condotta veniva affissa, alla bacheca dell’Istituto, una pagella nera con il nome e cognome dell’alunno, cosi che tutti potevano leggere chi veniva disciplinato per la condotta. Si faceva anche un annuncio davanti a tutto l’Istituto e se qualcuno veniva espulso non dovevamo nemmeno salutarlo mentre i genitori dovevano vergognarsi di lui.

(la disassociazione è pubblica, la trasgressione no, ma ci penseranno poi le mogli degli anziani o altri pettegoli a calunniare, come spesso accade, l'espulso)







potete leggere l'intero articolo a questo link:

http://www.geova.org/albania-vs-corpo-direttivo/








* * * * *





Stai leggendo questa pagina da un cellulare?



indirizzo email dell'amministratore del blog:

2 commenti:

  1. Similitudini interessanti...

    RispondiElimina
  2. Tutt'ora ACCADE ANCHE IN COREA DEL NORD!
    Ti dispensano loro quello che puoi vedere udire praticare pensare ... x il tuo bene

    RispondiElimina

E' OBBLIGATORIO FIRMARSI CON UN NICK (QUALSIASI) Non usate termini scurrili, insulti, calunnie, incitamenti all'odio razziale ed alla violenza, e NON menzionate la persone per nome o cognome reali. Sono vietati lo spamming, il copia-incolla ripetuto, i link a siti non approvati dalla redazione, i messaggi provocatori.
Altrimenti i post non saranno pubblicati o verranno cancellati.
La moderazione dei commenti è insindacabile ed a cura della redazione del blog. Se i vostri commenti non vengono pubblicati potete chiedere spiegazioni scrivendo alla redazione (vedi "come commentare" in alto nella colonna a sinistra)

Grazie

L'indirizzo email del blog lo trovate in fondo alla pagina (non nella visualizzazione per cellulari)