Usando questo sito, dichiarate di aver letto il Disclaimer e le norme sulla Privacy relativa ai contatori Shinystat e whos.among.us.

Un archivio del blog, con tutti i post fino ad oggi pubblicati, elencati per mese, lo trovate in fondo alla colonna centrale.

NORME relative ai commenti alla pagina "COME COMMENTARE".

“Non c’è nulla di male se una persona cerca di confutare gli insegnamenti e le pratiche di un gruppo religioso che ritiene in errore”.
(Svegliatevi! 8 settembre 1997, pagina 6)

lunedì 17 aprile 2017

Testimone di Geova, nessun danno per l’ostracismo dopo l'uscita



Il testimone di Geova che esce dall'organizzazione religiosa non può chiedere i danni alla Congregazione per l'ostracismo che gli viene dimostrato in seguito. La Cassazione precisa infatti che nello statuto dei testimoni è previsto che all'annuncio pubblico delle “dimissioni” da parte dell'adepto, a questo viene tolto anche il saluto. L'uomo, seguace di Geova, dall'età di 15 anni aveva “amici” solo in quell'ambiente e lamentava una sorta di violazione del suo diritto a mantenere una relazione, i giudici precisano però, che non esiste un diritto in tal senso, pur essendo l'atteggiamento dei testimoni di Geova “socialmente riprovevole”. Questa in estrema sintesi la decisione presa con la sentenza numero 9561 depositata ieri dalla Corte di cassazione.




La sentenza La Cassazione ha rilevato che in base al principio della “non ingerenza” i giudici non si possono occupare di quelle che sono “libere scelte” di soggetti che professano un determinato credo religioso e la magistratura può intervenire solo se queste scelte violano i diritti fondamentali di altre persone. Questo vale anche per i testimoni di Geova sebbene l'intesa con lo Stato italiano non sia ancora stata sottoscritta, afferma la Suprema Corte...





potete leggere il resto dell'articolo cliccando su questo link:

www.ilsole24ore.com




* * * * * 


Che dire? lo immaginavo... non è questo il modo giusto di combattere questa ideologia. Sul sito del link trovate anche la "sentenza" da scaricare



* * * * *




Stai leggendo questa pagina da un cellulare?



indirizzo email dell'amministratore del blog:





120 commenti:

  1. della serie, nessuno ti ha obbligato a entrare tra le file dei tdg! Se entri sei conscio delle regole che dovrai seguire, ergo se non ti piacciono, nessuno ti obbliga a rimanere.
    Il ragionamento non fa una piega anche dal punto di vista della legge che non entra in fattori e questioni di fede, nel senso che, non essendo tangibili, ognuno può credere e avere fede in quello che ritiene più opportuno, anche in un asino che vola, rimane appunto una questione di fede o credo, intangibile. Tutto quello che ci ruota attorno è una conseguenza delle prime scelte. Conoscendo il culto, estremista, e isolazionista, chi entra sa già a quello che va incontro. Nella sostanza lo trovo giusto, il pronunciamento.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, ma per chi è stato indottrinato da bambino e battezzato in minore, se non infante, età?

      Elimina
    2. Caro John il ragionamento non fa una piega per i maggiorenni ,ma chi si battezza da minorenne ,lo stesso ragionamento lo si può fare?

      Elimina
    3. il problema è chi entra , entra da ignorante , e solo con il tempo acquista vera conoscenza di questa religione ...se ci riflettiamo appena , questa religione ha sfruttato a pieno l ignoranza delle persone del territorio ( tra cui io ) per poter argomentare e controbattere le loro dottrine e altro ancora, senza la quale la loro crescita sarebbe stata pari a ZERO.

      Elimina
    4. Carissimi tutti io ritengo che l'ostracismo è la cura migliore dopo tanti anni rinchiusi in una campana di vetro. Non fraintendetemi comprendo il dolore e la rabbia che si prova a rendersi conto di essere stati solo usati ma pensateci un attimo: non è mai troppo tardi per riprendersi in mano la propria vita.
      Io fortunatamente me ne sono resa conto relativamente in fretta perchè a differenza di tantissimi anni fa ora cè internert dove fare ricerce anche se loro ti ammoniscono di non farlo, chissà perchè? Vero? E poi ho visto il loro cambiamento se smetti di frequentare le adunanze. Non accettano che tu non uniformi a loro.
      Ma io sinceramente non ne soffro preferisco rimanere da sola che rapportarmi con persone false e ipocrite. Una di loro mi ha chiesto un prestito e non voleva che si sapesse in giro. Ma ti pare. Sono arrivata alla conclusione che Geova non esiste è solo una invenzione del corpo direttivo per tenere soggiogate milioni di menti e raccogliere denaro da spendere a loro piacimento.

      Elimina
    5. Luna, condivido a pieno le tue certezze :)

      Elimina
    6. Non è giusto io per esempio sono nata testimoni così come uno che nasce cattolico ma neanche i cattolici sono così pazzi a me mi picchiavano si mi addormentava in questa adunanza. .questa religione ti rovina la vita lo che succede è che loro sono furbi sanno benissimo come difendersi meglio lasciare perdere adesso dopo di tutto ho chiuso definitivamente con questa gente dopo di vedere il sito web the watchtower Brooklyn estate dumbo un bellissimo sito immobiliari e il 12 di aprile con la riunione che hanno avuto con deputati Pd e Ms5 per chiedere aiuto a lo stato italiano con l'unione europea per quello che succede in Russia in realtà sono delle merde. .ipocriti chiedere aiuto alla bestia selvaggia non è che sono pronti spiritualmente per fare fronte alla grande tribolazione e persecuzione???

      Elimina
    7. A si? trovi giusto il pronunciamento? Che dire di quelli che si sono battezzati prima del 1952 e dopo, quando sono stati cambiati gli intendimenti, come è di abitudine della WT, essere costretto coattivamente ad accettare l'ostracismo? Che dire di quelli che accettavano le trasfusioni di sangue e improvvisamente dal 1961 la WT le ha proibite?

      Elimina
  2. Personalmente penso che sia logica la sentenza. Chi come me non e' piu tdg cosa pensava di aspettarsi? Del resto personalmente penso che se poi vengano obbligati a togliere l ostracismo solo in base a una sentenza e non perche' ne capiscano l assurdita di tale comportamento sia una vittoria di Pirro e basta. Percio meglio ignorarli. Saluti a tutti Davide di Parma

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io potrei firmare un documento in cui ti autorizzo a spararmi ed uccidermi, ma verresti incriminato lo stesso per omicidio. Il punto è che anche se una cosa viene accettata non la rende automaticamente lecita.

      Elimina
  3. Bene fanno quelli che studiano sempre e non si battezzano mai.bene fanno gli inattivi,nessuno li caccia, godono delle amicizie interne si creano amicizie esterne.Anonimo 54

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anonimo hai detto una cosa molto importante!E' vero le persone sciocche e fanatiche o quelle che credono fermamente in questa religione battezzerebbero i figli anche a 10-12 anni.I volponi invece col cavolo che mettono pressioni in questo senso ai loro figli.Inoltre lo sanno che è meglio tenerli/tenersi alla larga (diciamo se la prendono con comodo) sono quelle persone che a loro dire non vogliono fare progresso!Poi a Condor volevo dire che paragonato al mondo la storia del saluto è pesante pensa se da un giorno all'altro non ti salutasse nessuno come reagiresti a ciò non farebbe una piega? O avresti dei risentimenti psicologici? E queste regole chi le ha studiate le ha pensate proprio bene e per questo che tanti vorrebbero fuoriuscire ma non lo fanno.Ecco perchè vengono paragonati ai massoni anche li quando succede qualcosa di strano non ti conosce più nessuno.Riflettete gente.

      Elimina
    2. Non é esattamente così, scusami.
      L'inattivo é qualcuno poco spirituale dal loro punto di vista, per svariati motivi.
      Spesso quando si contattano gli inattivo é per spronarli a ritornate in sala o per studiare la rivista insieme. In genere funziona così è se uno ha aperto gli occhi e non vuole più prendere parte a tutto questo allora diventa difficile rimanere affiatati a componenti ancora attivi.
      Coltivare amicizie fuori?
      Si, ma sempre nell'occhio del ciclone, chi ti vede o sa di te fa la spia pensando di essere nel giusto quindi essere inattivi rimane una posizione ambigua, con libertà limitata.

      Elimina
    3. No,come parte in causa,non sono daccordo.sono inattivo ma la mia spiritualità la gestisco io,il loro punto di vista non mi appartiene. Le amicizie,quelle importanti,non vengono meno,si selezionano da sole.Non permetto a nessuno di criticare le ie amicizie esterne.Vivo così da 12 anni.anonimo54.

      Elimina
  4. Una sentenza che viene da una nazione che è capace di condannare a 4 anni di carcere un uomo che ha ucciso la sua donna non mi stimola a fare grandi riflessioni.

    RispondiElimina
  5. Secondo me la sentenza è giusta un giudice non può obbligarmi rivolgere il saluto a un altra persona in ogni caso secondo me non è normale se da testimone non saluti i disassociati poi una volta fuori ti lamenti se gli altri fanno lo stesso con te

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono convinto anche io che la sentenza sia "giusta" giuridicamente, infatti i giudici hanno precisato che il comportamento è "moralmente riprovevole". Infatti non ha senso combattere queste battaglie in tribunale. Si possono combattere solo facendo informazione.

      Elimina
  6. Niente di nuovo sotto il sole..E'naturale che il legislatore non si impantani in diatribe religiose e mi meraviglia che ci sia stato qualcuno che abbia tentato tale sortita giudiziaria.. (ah..gli avvocati..) Purtroppo è una beffa per coloro che come me,si sono battezzati adolescenti,spinti dal fanatismo dei nostri genitori,ignari delle conseguenze della nostra "scelta". Purtroppo c'è un prezzo da pagare per rimediare..ma sono convinto che i benefici del riappropriarci delle nostre vite valga qualsiasi sentenza perché è una scelta di libertà e la libertà non ha...prezzo!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione brune'!nessuno può toglierci la liberta anche se abbiamo pagato caro il prezzo in termini di amici e parenti..Immaginavo che lo stato italiano facesse ben poco su questo ma diversamente con la vita di un essere umano che vuole morire in pace .Perché non si può fare qualcosa per contrastare questa pratica orribile che rovina in tutti i modi l'esistenza di una persona ma poi sul biotestamento oggi hanno dato l'approvazione?con questo non sono contraria alla libertà di decidere della mia vita finalmente,e allora perché non essere d'accordo sul promulgare pure una legge che tuteli una persona ostracizzata?

      Elimina
  7. La sentenza non sarà giusta ma è logica.
    Tu scegli, tu ti prendi le conseguenze della scelta che hai fatto.....ok fino a qui ci sto !
    Però manca innanzitutto la correttezza di metterlo in risalto prima del battesimo l' ostracismo.
    Io ne avevo sentito parlare a grandi linee ...invece dovrebbero farti leggere lo statuto prima .
    E poi la stessa cosa vale anche x i familiari stretti?
    Non credo , me lo fa sospettare il fatto che il portavoce dei tdg in Italia a domanda diretta della giornalista ha risposto che i rapporti familiari non vengono inalterati.
    In genere quando i rappresentanti dei tdg ci girano intorno e eludono le domande " gatta ci cova".
    Elisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho aderito volontariamente a questa confessione per quasi 30 anni, e mi prendo le mie responsabilità verso me stesso e verso quelle (pochissime) persone che ho indirizzato all'organizzazione.

      E' giusto anche che chi vuole essere fedele a quel manipolo di "santoni" americani venga messo alla berlina da chi vuole dissociarsi a dispetto dei legami familiari.

      se dentro state male, andatevene!! spesso, spiegando bene prima i motivi, è l'unico modo per aiutare chi è ancora dentro ad aprire gli occhi

      (non è regola generale, ci sono le dovute eccezioni. Ma, per il vostro bene, smettete di associarvi a questo culto!)

      Elimina
    2. A nessuno viene fatto leggere lo statuto prima di battezzarsi!

      Elimina
    3. i culti sopperiscono al BISOGNO DI CONFORTO. Nei paesi occidentali il cristianesimo con le sue desinenze religiose la fa da padrone. Chi si avvicina a quel messaggio, pensa di aver capito il senso della vita. Non c'è illusione migliore. Si arriverà a giustificare di tutto. Anche l'annientamento della propria dignità, in favore del gruppo eletto e "favorito" da dio. Non se ne esce. O meglio, se ne esce sconfessando i culti in toto. Tutti.

      Elimina
    4. Infatti ho pubblicato la notizia solo perché in molti mi chiedono se c'è spazio per azioni legali, ed ho sempre risposto di no.

      La miglior azione è la diffusione di informazioni sul web e la COMPLETA INDIFFERENZA nei loro confronti

      Ogni attacco diretto viene da loro interpretato come persecuzione e li rafforza

      Elimina
    5. Occorre non una causa ma un'interrogazione parlamentare con l'obiettivo di proporre una legge a tutela dei diritti di chi vuole abbandonare un credo qualunque esso sia senza subire ritorsioni di genere.

      Elimina
    6. Il governo, purtroppo, ha altri problemi da seguire che pensare alle dottrine religiose.
      Inoltre, se hanno difficoltà a perseguire altre organizzazioni come Scientology, figuriamoci se si mettono a cercare i cavilli contro i testimoni di Geova.

      Bisogna tutelare la libertà di credo religioso, non dannoso, ma non si possono tutelare le libertà di chiunque voglia creare una qualsiasi organizzazione religiosa con delle regole che violino la libertà sancita dalla dichiarazione dei diritti fondamentali dell'uomo. Tra queste libertà c'è anche quella di poter cambiare religione senza ritorsioni o ricatti morali da parte di altre persone

      Elimina
    7. Il problema è sempre quello: non puoi costringere per legge delle persone a frequentarti, anche se adottano questo comportamento a motivo dell'indottrinamento religioso. La soluzione che vedo più efficace è quella di non riconoscere lo status di religione, con conseguente perdita di tutta una serie di benefici fiscali e non, a quelle organizzazioni che promuovono tali comportamenti socialmente riprovevoli. Tocca loro il denaro e vedi...

      Elimina
    8. Rilancio. Se esistesse una legge a tutela di ciò di cui disquisiamo, la medesima sancirebbe i limiti e le eventuali pene pecuniarie e amministrative. Questo non impedirebbe al fanatico di turno di togliere il saluto o ostracizzato amici e parenti ma perlomeno ciò non avverrebbe di default è nei casi in cui la vittima si rivolgesse al giudice le possibilità che vengano riconosciuti diritti lesi aumenterebbero di molto.

      Elimina
    9. PARLANDO DI FEDE O CULTI SI PARLA DI COSE "ALEATORIE". La legge e i governi non entrano in dispute irrisorie.
      Per definizione "fede" non è dimostrabile, quindi che vuole legiferare, oppure quali diatribe vuole derimere il legislatore?

      Elimina
    10. Caro navigatore, si parla di diritti umani la fede non c'entra nulla. Che poi non sia facile legiferare su temi etici e religiosi sono d'accordo con lei, ma è necessario.

      Elimina
    11. casi simili x esempio possono sussistere tra parenti. Si litiga a tal punto che tra di essi e come non esistessero legami. Non si parlano non si salutano menché meno. Anni e anni. Conosco di queste storie a iosa e forse anche voi. Nel culto è la stessa cosa, si litiga x qualche cosa. Si sbatte la porta e si esce fuori. E poi si pretende cosa? In un circolo privato se si litiga si esce e si va via. E pensi che quando rincontri i ex soci e non ti salutano xchè sei o sono offesi che fai?
      Nelle comunità neocatecumenali, hanno lo stesso procedimento dei tdg, una volta che te ne vai, diventi trasparente. Se li incroci guardano dall'altra parte, o cambiano strada ...
      non mi pare di cogliere, che esso sia un circolo di canasta o di bocce o di un culto. Quando si litiga forte i risultati sono questi quando incontri un ex. E inutile starci a girare.
      L'altro discorso dei minorenni. Ma i cattolici che fanno? Obbligano i ragazzini a cresimarsi e comunicarsi x tradizione ... i genitori dei tdg, non spingono lo stesso a battezzarsi x i figli?

      Elimina
    12. Che strano: quando, parlando di disassociazione automatica causa trasfusioni, dicevo che non era il caso di rivolgersi alle autorità lamentandosi per essere stati espulsi e di conseguenza ostracizzati, c'è stata una sollevazione popolare che pareva di essere caduti in pasto ad un branco di iene... Dove sono adesso tutti quelli che invocavano l'intervento del Presidente della Repubblica? ;)
      Ignazio di Loyola

      Elimina
    13. scusa navigatore, ma uno che lascia un circolo lo deve fare per forza litigando?

      Elimina
    14. Io direi che è giusta se ogni adepto si battezza al compimento del 18 anno di età. Se uno si battezza da ragazzino come fa a capire e conoscere i retroscena....già hanno gli occhi bendati i grandi figuriamoci i più piccoli che i commenti gli vengono suggeriti dai genitori (e pensano fin da piccoli che arriverà il nuovo mondo che qualcuno ha profetizzato più di cento anni fa e ancora nulla).

      Elimina
    15. Victor, è evidente che si può anche sparire, cessando di frequentarlo. O si hanno i dissapori con modalità diverse o altri problemi oppure al circolo non piace + andarci, e quindi non ci si va più. Magari si risulta ancora associati.

      Elimina
    16. Si, voglio dire... Se sono iscritto ad un circolo del biliardino e domani dico "ragazzi sapete, non ho più il tempo per venire a giocare a biliardino, non mi appassiona più il gioco come un tempo, magari ci si vede ogni tanto ok?". Posso cancellare la mia iscrizione e amici come prima, non è che gli associati al circolo smetteranno di salutarmi perchè non gioco più a biliardino con loro.

      Elimina
    17. Come più volte abbiamo detto... la chiave di tutto è la strumentalizzazione di 2 Giovanni 10 ..l unica scrittura che parla del non saluto , senza quella scrittura la WT non avrebbe nessun appiglio .

      Elimina
    18. In parte hai ragione, ma il gestore non vuole che il suo circolo sparisca, e ti incoraggerà a rimanere. Poi convincerà altri giocatori, che è meglio essere in tanti nel circolo ... giocherà di sponda, qui ci sta anche la battuta! Anche li, si è creduto in un progetto, ludico che sia, ma si è andati via.
      In molti circoli privati, una volta diventati soci, c'è la regola della riservatezza x quello che accade dentro. Non sto parlando del circolo x scambisti, ma anche circoli + ludici, anche se quello è un bel divertimento :)
      Se lo gestissi tu un circolo privato, cosa faresti x aumentare i frequentatori e minimizzare le emorragie di chi si stufa?
      Il potere del gestore/culto è relativo al numero dei frequentatori, senza numeri positivi. Non ha ragione di essere.

      Elimina
    19. Victor, riflettevo con alcuni cassieri di banca. Ho cambiato diverse banche, e finchè sei correntista, saluti a destra e a manca ..., cambiando banca i cassieri (x non parlare del direttore), quando li incroci neppure mi salutano, capita solo a me?

      Elimina
    20. Mmah, sinceramente non mi è capitato, anche perchè se ti trattano male sicuramente non tornerai più li... per un'attività commerciale non mi sembra un modo di fare "salutare". Gli unici che si comportano in modi simili sono quelli del marketing piramidale, infatti sono quasi delle sette religiose.

      Elimina
    21. Se salutate solo i vostri fratelli che cosa fate di straordinario , non fanno la stessa cosa anche gli uomini delle nazioni ?... ancor di più ti salutano quelli che gli fai i loro interessi , venditori ambulanti ,folletto , bimby , banchieri , negozianti ,concessionari , rappresentanti ecc... per me possono andare tutti al diavolo insieme ai loro finti sorrisetti sulla faccia , tutti addestrati nelle loro scuole che gli insegnano come riuscire a valorizzare un prodotto più di quello che vale , tanto di pollastri da spennare in questo sistema è pieno zeppo ....comunque sia il loro non saluto non centrerebbe un fico secco con il sistema dei TDG.

      Elimina
    22. Navigatore non c'entra nulla quello che scrivi paragonare la disassociazione ad un litigio tra parenti o soci di lavoro e come paragonare la cipolla con l'aglio.
      Perchè se litighi con un parente non è che per questo non ti salutano tutti gli altri invece per loro è così.O la storia fra soci in genere le imprese e quindi i soci si separano quando le cose non vanno bene e comunque è logico che in alcuni casi non ci si saluta più per la serie mi offri un affare divento tuo socio le cose vasnno male è normale che ci dividiamo e probabilmente non ti saluterò più.

      Elimina
  8. Dove è scritto nello statuto che chi si dissocia non viene più salutato?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bella domanda. Non mi risulta ci sia scritto, a meno che non sia stato modificato di recente. In ogni caso è pubblicato su questo blog e potete controllare. Nella sentenza si parlava anche di chiarezza nei manuali di studio.
      Mi resta un piccolo dubbio di manipolazione dei fatti perché la sentenza non parla di minori (anche se il ricorrente non lo era) e perché nonostante la logica non sembra tener conto di alcuni fattori
      In finale è come se dicesse che ci sarebbe qualcosa da obiettare ma non è possibile visto il carattere "religioso " della faccenda

      Elimina
    2. Non mi sembra che ci sia scritto qualcosa di simile Marco, però è interessante quello che viene scritto sotto il punto " Ordinamento della confessione" art. 6 a)Il battesimo per immersione, a cui si sottopongono volontariamente, per divenire testimoni di geova, persone in età tale da consentire loro di prendere una decisione autonoma.
      A parer mio, quello che qui è scritto viene palesemente violato, e più passano gli anni e più l'età si abbassa.

      Elimina
    3. Fondamentalmente, in una causa come questa, in base a quale legge un giudice avrebbe potuto obbligare delle persone a salutarne altre, o sanzionarle perché non lo fanno?
      Il problema è il condizionamento e l'indottrinamento selvaggio, ma anche per questo, come dimostrarlo?
      Credo che davvero con le denunce non ci sia niente da fare...e nemmeno con le azioni di forza tipo manifestazioni e simili...
      Forse si potrà essere più incisivi se usciranno notizie sulla pedofilia...

      Elimina
  9. Ciao Elvira, dimostrando che il problema è il condizionamento e l'indottrinamento selvaggio significherebbe accusarli di manipolazione o plagio. Ma il punto è che in Italia l’articolo 603 del Codice Penale (Plagio) fu dichiarato costituzionalmente illegittimo nel 1981.Il vuoto normativo conseguente la cancellazione di questo articolo ha creato la convinzione generale che il plagio non esiste più, e pertanto ha favorito i manipolatori della mente umana, convinti di non correre alcun rischio legale.
    Quindi il problema non è tanto come poterlo dimostrare, ma soprattutto il fatto che esso non è considerato un reato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si è vero ma pensavo ad associare la minaccia dell'ostracismo alle conseguenze come lasciare liberi dei pedofili...lo so che la strada è in salita...

      Elimina
    2. lelvira,e ci hai visto bene!!! perché fin oggi nessuno ha inserito la chiave nella toppa per la giusta denuncia, effettivamente per portare all'attenzione il Problema con i relativi danni dell'Ostracismo watchtoweriano, bisognerebbe coinvolgere non come prima tappa le autoritò preposte dello stato civile, ma rivolgersi ad equipe del sociale,per poi con dati alla mano esporre denuncia dei danni che provaca,e dimostrare che il meccanismo dell'ostracismo è attuato di proposito,difatti loro lo sanno bene, e in caso di minacce di ripercussioni autolesive in corso di un comitato giudiziario danno istruzioni di sospenderlo, proprio perché si ripercuote legislativamente su di loro.Premesso questo vorrei aggiungere osservazioni di specialisti in merito i quali affermano:L’esclusione sociale provoca immancabilmente dolore, a prescindere da chi esclude. Se l’esperienza di esclusione è protratta nel tempo può provocare conseguenze molto serie,dunque bisognerebbe portare all'attenzione che non è caso sporadico o isolato,ma una specifica azione protratta nel tempo sotto uno specifico comando come pratica religiosa sotto minaccia di subire altrettanto se non la si osserva.l’ostracismo e l’esclusione sociale sono fenomeni di cui la psicologia non può non occuparsi. La ricerca in questo campo ha prodotto, infatti, interessanti risultati, confermando la potenziale serietà delle conseguenze dell’ostracismo.

      Elimina
    3. Innanzitutto, è stato chiaramente dimostrato che l’ostracismo ferisce in modo diretto e immediato. Con questo si intende che anche solo situazioni che somigliano lontanamente all’ostracismo a cui si può essere sottoposti nella vita vera sono sufficienti a provocare emozioni negative. Non solo: gli effetti negativi dell’ostracismo si riscontrano anche quando si è esclusi da persone che normalmente si detesta. Ad esempio, si è visto che gli afro-americani che venivano esclusi durante un gioco al computer esprimevano emozioni negative, anche quando credevano che ad averli esclusi fossero membri del Ku Klux Klan. Allo stesso modo, le persone si rattristavano anche quando guadagnavano soldi ogni volta che venivano escluse. Insomma, l’ostracismo causa dolore, come una caduta sull’asfalto, non importa che si cada a casa propria o di altri, che sia per gioco o per lavoro, che sia la prima volta o l’ennesima. L’associazione tra ostracismo e dolore non è metaforica ma letterale. Quando si viene esclusi, infatti, si attivano le stesse aree cerebrali associate al dolore fisico, e le medicine che si usano per gestire il dolore (paracetamolo) sono utili anche quando questo dolore deriva dall’esclusione sociale.Perché fa così male? Cosa compromette l’esclusione sociale? È stato ripetutamente dimostrato che l’esclusione sociale incide negativamente su quattro grandi aree: riduce l’autostima, il senso di appartenenza, la percezione di controllo del mondo e la percezione che la vita abbia un senso. Alcuni ricercatori considerano queste quattro aree dei veri e propri bisogni, perché, quando minacciate, producono danni immediati per il benessere psicofisiologico dell’individuo. Però, come è ovvio, se si considera che almeno una volta tutti sono stati esclusi nella vita, non tutto è necessariamente e definitivamente compromesso dopo un episodio di ostracismo. Infatti, dopo una prima fase in cui inevitabilmente si avverte il “dolore” dell’esclusione, in una fase successiva gli individui sono in grado di organizzare una risposta. A volte semplicemente decidendo che non si ha interesse in chi esclude, altre volte cercando vendetta attraverso l’aggressività, altre volte ancora cercando di riguadagnare l’accettazione degli altri mettendo in atto comportamenti particolarmente desiderabili ai loro occhi. Per quanto alcune di queste strategie siano discutibili, queste aiutano le persone a ridurre le conseguenze negative dell’esclusione.

      Elimina

    4. Va detto, però, che episodi persistenti e duraturi di esclusione come quelli che subiscono persone stigmatizzate e, forse, i protagonisti delle stragi che di tanto in tanto si leggono sui giornali, possono portare a conseguenze gravi, come un generale appiattimento emotivo che si accompagna a un profondo senso di impotenza e a una riduzione dell’autocontrollo. Quello a cui si assiste è una sorta di resa alle circostanze avverse. Quindi, sebbene un singolo episodio di ostracismo sia doloroso ma gestibile, l’ostracismo protratto nel tempo è un nemico pericoloso che non bisogna sottovalutare. Come gli abusi e i maltrattamenti fisici, l’ostracismo ripetuto può lasciare un segno, che però è meno evidente, che non può essere denunciato e che gli altri potrebbero non notare.Alla luce di questo i gruppi che si interessano alla lotta dell'ostracismo operato dalla prassi pseudoreligiosa watchtoweriana dovrebbero proprio sottoporre all'attenzione di specifici specialisti del settore umano le conseguenze che essi provocano con tale prassi e in seguito sottoporre all'esamina di chi si occupa dei diritti umani e civili,per poi sottoporre ad ulteriore giudizio delle autorità statali preposte alla tutela del singolo cittadino,solo attraverso questo lungo cammino si potrà avere uno spiraglio di luce verso la giusta libertà,di chi sceglie di affrancarsi da questa società americana.

      Elimina
    5. Mancava la prima parte del commento,X lelvira,e ci hai visto bene!!! perché fin oggi nessuno ha inserito la chiave nella toppa per la giusta denuncia, effettivamente per portare all'attenzione il Problema con i relativi danni dell'Ostracismo watchtoweriano, bisognerebbe coinvolgere non come prima tappa le autoritò preposte dello stato civile, ma rivolgersi ad equipe del sociale,per poi con dati alla mano esporre denuncia dei danni che provaca,e dimostrare che il meccanismo dell'ostracismo è attuato di proposito,difatti loro lo sanno bene, e in caso di minacce di ripercussioni autolesive in corso di un comitato giudiziario danno istruzioni di sospenderlo, proprio perché si ripercuote legislativamente su di loro.Premesso questo vorrei aggiungere osservazioni di specialisti in merito i quali affermano:L’esclusione sociale provoca immancabilmente dolore, a prescindere da chi esclude. Se l’esperienza di esclusione è protratta nel tempo può provocare conseguenze molto serie,dunque bisognerebbe portare all'attenzione che non è caso sporadico o isolato,ma una specifica azione protratta nel tempo sotto uno specifico comando come pratica religiosa sotto minaccia di subire altrettanto se non la si osserva.l’ostracismo e l’esclusione sociale sono fenomeni di cui la psicologia non può non occuparsi. La ricerca in questo campo ha prodotto, infatti, interessanti risultati, confermando la potenziale serietà delle conseguenze dell’ostracismo.

      Elimina
    6. si...in pratica bisognerebbe dimostrare che con la minaccia dell'ostracismo si possono indurre le persone a comportamenti antisociali come non denunciare un reato e di conseguenza lasciare a piede libero un elemento pericoloso...

      Elimina
  10. La magistratura può intervenire soltanto qualora vi siano delle offese o delle lesioni a qualcosa che la legge penale rileva come oggetto di sua tutela.
    Ora, l'atto del "togliere il saluto a qualcuno" non lede nessun oggetto di tutela penale.
    Può al massimo essere riconosciuto come comportamento eccepibile sul solo piano delle consuetudini del vivere civile "da buon vicinato", ma senza rilevanza giuridica.
    Vien da chiedersi chi sono quei cervelloni di avvocati che spingono un proprio assistito a perseguire un'azione legale con una base di riscontro giurisprudenziale prossima allo zero.
    Che poi, uno può replicare:
    - ti hanno tolto il saluto? fai lo stesso! non penserai mica che gente del genere ti fosse veramente amica; se sì, sei messo male, perchè vuol dire che vivi barricato in casa e che non riesci a legare con coloro che vivono (e sono la maggioranza) al di fuori del mondo delle storie del presepe.

    Se si vuole tentare di recuperare qualcosa, in termini di risarcimenti, è meglio puntare sulle violazioni della privacy, sul condizionamento di minorenni lesivo di un "equilibrato sviluppo psico-fisico" (questione questa che, proprio in materia TdG, sta sedimentando una certa giurisprudenza, specie nelle cause di separazione legale), al di là, ovviamente, delle questioni di violenza pedofila (che anche qualora fossero cadute in prescrizione dal punto di vista penale, possono essere esperite mediante azione risarcitoria civile).

    Ramiro


    RispondiElimina
    Risposte
    1. se tu togli il saluto a loro , partecipi pienamente alle loro ragioni ..semmai bisogna salutarli , e perfino parlarci come nulla fosse, un esempio : fate finta di essere in una pizzeria , mentre loro mangiano voi andate a parlarci come parlare a dei vecchi amici , loro non rispondo ..e chi se ne frega.

      Elimina
    2. Egregio Ramiro, in mancanza di una legge che regolamenti la materia, la magistratura può, come giustamente Lei sostiene, limitarsi solamente ad intervenire su uno spettro di ipotesi di reato sulla persona. Ecco perché insisto che la strada maestra sia quella di una legge specifica. In passato ad esempio non si potevano intentare cause che avessero ad oggetto lo stalking e il mobbing perché difficilmente dimostrabili. Oggi come ben sappiamo le cose sono cambiate e la magistratura può intervenire a tutela delle vittime di mobbing o stalking a prescindere da eventuali ulteriori reati.

      Elimina
    3. Scusate, e se invece si provasse a spostare l'attenzione dal "mancato saluto ricevuto" al "divieto di salutare un familiare, vivente sotto un altro tetto, che non è più tdg" (a prescindere dal motivo)?

      Elimina
    4. # Federico

      se il Parlamento dovesse varare una legge che obbliga il saluto saremmo a Topolinia...

      Seriamente: chi vuole che proponga una legge simile? tra l'altro sa quanti sono contenti di non salutare qualcuno? e in questi casi l'appartenenza al "popolo degli eletti" non c'entra nulla.
      Domanda: ma perchè fate così tanta fatica a liberarvi delle relazioni congregazionali? Non avete costruito proprio nulla al di fuori di quel perimetro? o c'entra ancora la paura di essere "distrutti" dal "Creatore"? e dietro a questa difficoltà di rottura si nasconde, forse, la paura di affrontare il mondo così reale, così complesso, così..."satanico"?

      Ovvio che sulla questione dei rapporti familiari, lì la questione è più complessa. Soprattutto c'è la questione di verificare sul piano del diritto civile l'eventuale legittimità del fatto che l'ordinamento della congregazione considera il nucleo familiare, informato dalle leggi statali, come un suo territorio sul quale esercitare la potestà d'imperio: uno Stato nello Stato, insomma; ma questo con il "saluto" o "non saluto" non ha nulla a che vedere: si tratta di quetioni ben più serie. Ma è ovvio se c'è chi ha bisogno di mettere la propria realtà familiare sotto l'ordinamento del "Creatore" allora inutile lamentarsi se poi la cosa, nell'atto pratico, significa subordinare i rapporti familairi agli autoproclamati "procuratori" del "Creatore". Ciò, infatti, accade anche negli ambienti parrocchiali: non sono tutte le famiglie rientranti dei prticanti di parrocchia sotto la supervisione dell'organo pastorale? e non sono forse tutti gli iscritti alle liste parrocchiali dei battezzati sottoposto alla giurisdizione del tribunale diiocesano? e la cosa più grave è che quest'ultimo fatto è rilevante civilmente anche per la magistratura statale in funzione del concordato recepito anche dalla Costituzione.

      (PS: è anche molto strano, infatti, che la CCTdG così attenta alle pratiche di vita dei suoi seguaci, non abbia mai promosso nelel congregazioni l'atto di sbattezzo che pur ha avuto riconoscimento giurisprudenziale e normazione da parte del garante della privacy)

      Ramiro

      Elimina
    5. Buona giornata Ramiro, parlavo d'altro non del saluto, che ovviamente per legge nessuno può pretendere o obbligare.

      Elimina
    6. Son d'accordo con Federico, fino a qualche anno fa il mobbing non era punibile, anzi il datore di lavoro spaccone poteva dire: -ma come, ti ho messo in un ufficio a fare niente e ti pago pure, di che ti lamenti...- oggi almeno viene riconosciuto il danno alla salute psicofisica, specie se il comportamento di emarginazione sociale avviene in quei casi dove il gruppo di lavoratori è equiparabile ad una comunità familiare. Se si iniziasse a concretizzare, denunciando le malattie psicofisiche derivanti dai rapporti familiari rovinati, forse si potrebbe arrivare ad un riconoscimento come è accaduto per il mobbing.

      Elimina
    7. "malattie psicofisiche derivanti da rapporti familiari rovinati".....per dare fondamento all'ipotesi di mobbing.

      allora, tante cause per mobbing tra separati/divorziati, familiari di detenuti, familiari di persone che hanno fatto scelte di vita non in linea con il pensiero/carattere genitoriale o del coniuge ecc. ecc.

      Sì, sarebbe un paradiso per la corporazioni degli avvocati!

      Per le donne fuoriuscite con il marito ancora dentro, ed economicamente non autosufficienti, vi è sempre la possibilità di ricorrere in giudizio per violenza economica:
      articolo 3 della Convenzione del Consiglio d’Europa sulla prevenzione e la lotta nei confronti delle donne e la violenza domestica,Convenzione di Istambul.

      Ecco, sarebbe bene battersi per estendere questa violenza economica (il cui principio di fattispecie consta nell'utilizzo del denaro o del patrimonio per limitare la libertà e l'indipendenza della donna coniugata) anche agli altri familiari economicamente dipendenti.
      Questo lo dico perchè ho visto che la maggior parte degli ex TdG (o che vorrebbero diventare ex) che si lamentano di eventuali condotte discriminatorie da parte di familiari rimasti dentro sono per lo più giovani disoccupati o precari, e quindi, più soggetti al ricatto della religione imposta.

      Ramiro


      Elimina
    8. Parlando assolutamente da profana della materia giuridica ci vedo anche io una buona analogia con il mobbing.
      Penso anche a tti coloro che hanno rimpianti per non avere potuto esprimere le proprie potenzialità (sia studi ma anche arte, sport, ecc)
      Davvero allo stato non interessa che una religione vieti l'università?
      Capisco che queste ingerenze nella vita privata non riguardino lo stato ma nemmeno la religione!
      E qualora lo faccia viene tacciata di SETTA come avviene in altri paesi. In altri paesi si salva perché ha avuto il "pregio" di nascondere bene agli indesiderati sguardi esterni la loro vera natura

      Elimina
    9. Rimpianti per non aver fatto questo o quest'altro? Sono state scelte "spirituali"! Nessuno era obbligato a credere in Geova e nella sua "organizzazione umana".

      Se invece si vuol parlare dell'abuso genitoriale sui figli minori, allora la si inquadri in questo viatico giuridico. C'è del terreno legale e giurisprudenziale su cui marciare (come dimostrano le sentenze avverse a genitori TdG separati in merito al modo di gestire il co-affidamento dei figli con l'ex coniuge non TdG).
      Ma si badi bene: in questo caso gli imputati in un eventuale processo sarebbero comunque i genitori e non gli amministratori delle congregazioni WTS nè meno che mai i capi newyorkesi; poichè sono stati i genitori a decidere, liberamente, di entrare nella associazione WTS, di esercitarne il culto e di trasmettere i "doveri teocratici" alla prole.
      Certo che se i figli "castrati" nella loro "potenzialità" nel frattempo sono diventati adulti hanno ben poco su cui poter contare, nemmeno in termini di risarcimenti. Resta quindi la possibilità che un/a ragazzo/a tra i 12-17 anni denunci condotte genitoriali pregiudizievoli del proprio sviluppo psico-fisico...ma chi è in grado di farlo a quell'età? solo se intervenissero i servizi sociali, come nel caso del Comune dove sono commissario per i servizi sociali e abbiamo messo alle corde due anziani di congregazione convocandoli direttamente negli uffici comunali assieme ai genitori di un bambino che rischiava il fallimento scolastico. La cosa però ha potuto svilupparsi perchè io conoscevo l'ambiente TdG e ho potuto indirizzare l'operato dei pubblici ufficiali.

      L'unico altro aspetto (alquanto delicato invero per gli amministratori torreguardiani) resta quello della contestazione della presunzione dell'ordinamento associativo privato WTS (cioè la "teocrazia") di voler fagocitare giuridicamente il nucleo familiare nel proprio ordinamento congregazionale presupponendo, quindi, quest'ultimo all'ordinamento civile statale.
      Ma anche questa questione è evanescente: infatti la WTS riesce in tal senso solo perchè nel nucleo familiare vi sono i genitori che liberamente (!) scelgono di comportarsi in questo modo per non essere distrutti da Geova e ricevere la vita eterna.
      Per cui è il cane che si morde la coda.

      Ramiro


      Elimina
  11. Secondo me e' altamente immorale e sbagliato quello che fanno.
    Non ci dovrebbe essere una religione che pretenda che i rapporti familiari si spezzano per motivi religiosi.

    Allora in che cosa consiste la liberta' di religione?
    Se mi accorgo che la loro non e' la verita', perche' non posso cambiare?

    Secondo me l'organizzazione si e' unita all'ONU in passato per sistemare queste cose.

    Ed e' vero che viviamo in un modo sotto sopra. Il fatto che i governi permettono a questi movimenti religiosi di devastare famiglie per bene e calpestare la liberta' individuale lo dimostra.

    Il fatto che le leggi lo permettano non significa che sia giusto o che non si possano cambiare. Il cambiamento dipende da noi, dipende dall'efficacia del nostro attivismo.

    RispondiElimina
  12. (anonimo ridicolo)18 aprile 2017 20:53

    Beccate e portate a casa

    (firmati per favore)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pubblico il tuo commento solo per evidenziare la miseria umana che rappresenti. Consideri come tuo dio 7 pazzi americani che ti fanno credere di essere approvato dal sovrano dell'universo. Si sono presi la tua vita, il tuo tempo, i tuoi soldi... contento tu.
      Ma se tu che inconsapevolmente becchi e porti a casa.

      E spera di non avere mai bisogno di una trasfusione di sangue.

      Elimina
    2. Aleeee ooooo, aleeee ooooo, chi non salta un apostata eh, eh, chi non salta un apostata eh, eh.... beccate e portate a casa! 1 a 0 e palla al centro! ahhhaah XD ma roba da matti, la religione ridotta al tifo da stadio! Bah...

      Elimina
    3. Io ce n ho un'altra pe sto tipo...se non era pe i fratelli mo stavate a fa i bidelli...se non era pe i soldi dei fratelli mo stavate a fa i bidelli...Il cd ringraziasse te anonimo ridicolo che lo finanzi e altri poveri illusi con le contribuzioni per essere nei loro palazzi spaparacchiati nei loro agi altrimenti mo stavano a regge l asciugamani ai ricconi o a fa i bidelli pure loro con rispetto per questi modesti ma onesti lavori..quindi ti risp pure io mo becca e porta a casa!

      Elimina
  13. beccate e portate a casa ? ma che cavolo di commento è ? secondo me farebbe bene a chiedere al inps una pensione di invalidità tipo la 104.

    RispondiElimina
  14. Le parole di questo "anonimo ridicolo" dimostra quanto fanatismo è insito in loro. Farebbero bene a chiedersi se il fanatismo che manifestano faccia davvero parte del vero cristianesimo che traspare nel N.T.!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, amici.
      Le parole di questo anonimo ci fanno solo rendere conto di quanto molti tdg indottrinati e fanatici abbiano bisogno di aiuto psicologico e morale.
      Di quanto molti siano superficiali riducendo a nulla il dolore e la sofferenza derivanti dall' essere ostracizzati da chi ti ha partorito o con cui si è cresciuti, come una madre, un fratello carnale.

      Chi risponde in un modo simile mi fa profondamente pena nel senso più nobile del termine, perché sono coloro che più di possono prestare a fare le cose più aberranti in nome della propria fede o del loro credo.

      Anonimo, svegliati, prima che inizi a fare incubi!

      Elimina
    2. Il fatto, è che non si rendono conto dell'enorme incoerenza con la quale gestiscono la loro vita.
      Questo "anonimo ridicolo", ha disobbedito categoricamente al suo "schiavo fedele"in primo luogo, venendo a leggere su di un sito che non è "ufficiale", come quello di jw.org, e poi addirittura commentandovi, e quindi implicitamente avendo a che fare con coloro che per lui sono potenziali "apostati".
      Questo fa solo intravedere quello che sta accadendo fra i tdg, e cioè molti iniziano a far uscire "la testolina fuori dal sacco jw", andando a spulciare in cerca di "altro", forse chissà, per avere conferme a dubbi o domande che si pongono.
      Poi, una volta che si trovano faccia a faccia con la realtà che immaginavano ma che non avrebbero mai voluto trovare, vanno in tilt, perché la dissonanza cognitiva si fa sentire a gran voce,e scappano, oppure i più temerari provano a fare un accenno di commento, fra i vari sensi colpa che poi li assilleranno pensando a quello che han fatto.
      Per cui, vi prego, abbiamo più che considerazione per costoro, vittime inconsapevoli di persone a loro volta vittime di un sistema più grande di Loro.

      Noi possiamo fare la differenza per la loro serenità e pace psicofisica anche con il modo in cui ci approcciamo ai loro interventi.
      Loro invece, non fanno altro che farci rafforzare nella nostra determinazione di aver preso la migliore decisione della nostra vita uscendo da questa organizzazione pseudo-religiosa...

      Elimina
    3. Carissimo Fineas questa volta devo dissentire con te, questi individui pseudo cristiani non meritano nessuna commiserazione costoro se il loro dio CD gli dice di andare a uccidere i disassociati questi lo fanno senza pensarci due volte. Ben si addicono ai TdG le parole dell'apostolo Paolo, hanno zelo ma non hanno accurata conoscenza della scrittura, perché il CD li tiene apposta nell'ignoranza biblica, per circuirli a fare quello che vogliono.

      Elimina
    4. Capisco caro zero cosa vuoi dire e lo rispetto.
      Probabilmente non mi sono spiegato come avrei voluto, perché sai che ho la costante paura di dire qualcosa che possa ferire o offendere.
      Quando diceva di "commiserare" o "provare pietà" per persone come l'anonimo di cui sopra, intedevo che mi fa davvero tristezza notare quanto siano schiavi, eppure contenti di esserlo.
      Invitavo solo a non fare muro contro chi come loro si avvicina al blog (fatto già di per sè indice di una qualche speranza di apertura mentale), ma invece di far loro notare la serenità che abbiamo, e questo montante siamo lontani dal loro mondo jw ormai.
      Perché la costante che spesso ritrovavo quando incontravo alcuni tdg della congregazione alla quale mi associavo, era la loro ostinazione a voler per forza dire che fossi scoraggiato, depresso o spiritualmente giù.
      Per contro cercavo sempre di essere me stesso, e davvero ho riacquistato serenità e pace dal mio allontanamento da loro.
      È vero, molti di noi portano ancora nel cuore i momenti dolorosi della vita nei tdg, ma personalmente voglio che ogni volta che mi troverò ad aver a che fare con un tdg, che possa essere nel web o nel reale, da me possa trasparire solo tutta la serenità, la pace mentale e l'apertura di pensiero che sto riacquistando dopo anni in questa organizzazione.

      Per il resto condivido pienamente quello che scrivi, e ben si applicano a loro le parole di Paolo che tu citi e che per anni essi stessi hanno applicato ad altre confessioni religiose..

      Elimina
    5. Fineas vista sotto quest'ottica mi trovi concorde, ti abbraccio

      Elimina
    6. Fineas te ce vedo a fa il prete..😂

      Elimina
  15. Buonasera a tutti tranne al represso carcerato anonimo ridicolo. Che tenerezza che fanno! Combattuti e chiusi in gabbia, presi da dubbi inconfessabili, non possono fare a meno di spiare e gioire di queste assurde situazioni che generano tanta sofferenza e tristezza. Vi chiedevo, come è confutabile biblicamente che fare auguri per un compleanno è "offendere Dio" come dicono questi eretici?? Grazie e buona notte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. franco, a parte che l'idea di non festeggiare i compleanni prese avvio da Rutherford dopo aver letto un vìcerto libro di un Pastore protestante "Babylon" edito da una casa editrice evangelica nei pressi della loro sede,basta ricordare loro che nel libro di Giobbe si legge che i figli di Giobbe festeggiavano "il loro giorno", chiaro riferimento al compleanno,TdG solitamente si affrettano a dire che "il proprio giorno" non può essere il compleanno poichè in altre parti della Bibbia la parola "compleanno" è presente. Questo però è un discorso capzioso in quanto la presenza di una parola già definita non esclude che uno possa far uso di un'espressione poetica come "il proprio giorno".E' il contesto che permette di discernere di cosa si stia parlando. Ed è ovvio che non essendoci nessun riferimento ad altri avvenimenti speciali, quando in Giobbe si parla del "proprio giorno" ci si stia rivolgendo al semplice e banale "giorno della nascita".
      Quindi la famiglia di Giobbe festeggiava i compleanni,inoltre dicono che il fatto che uno soffi sulla candelina e si scambi regali sia ancora una prova del legame fra il compleanno e il paganesimo. In tal modo però dimostrano di non aver capito nulla di che cosa sia un legame col paganesimo. Infatti non è necessario che l'usanza della tradizione debba assumere un nuovo significato, ma basta semplicemente che non abbia più quello vecchio. Oggigiorno nessuno penserebbe a fare idolatria verso qualche dio con il soffio della candelina o lo scambio dei doni. Per cui attuare questi riti non ha proprio nulla di antitetico ai principi cristiani.Si ppuò ancora osservare che in realtà, i compleanni nella watchtower furono celebrati fino al 1951.Infatti nel 1940, la seguente esperienza riportata su una "Torre di guardia" dell'epoca dimostra che i compleanni erano ancora considerati appropriati [...]"Mi scusi per l'intrusione sul vostro tempo prezioso, ma io proprio non posso fare a meno ti permette di sapere quanto apprezzo il fonografo, che è venuto da me la mattina dopo l'8, che è stato il mio 80 ° compleanno. È stato davvero un regalo di compleanno da Geova, da utilizzare nel proclamare il suo nome. grazia e la forza mi sia data da fare con la mia forza ciò che le mie mani trovano a che fare ". Torre di Guardia del 1940 1 gennaio p.16;Fù solo negli anni'50 che si vietò categoricamente di festeggiare i compleanni come prassi auspicabile ad azione e rituale pagana;Fu con la radicalizzazione della presidenza di F.Knorr che la WT emise il divieto difatti leggiamo [...]"Is it proper to have or attend celebrations of birthday anniversaries?-FK, Nevada. Such celebrations have their roots in pagan religions, and not Scriptural grounds. Some Bible commentators suggest that birthday celebrations may have had their origin in the "notion of the immortality of the soul"Torre di Guardia del 1951 Oct 1 p.607 domande dei lettori.Visto che citano sempre la Bibbia a tal proposito bisognerebbe fargli notare RM 14:5-6;

      Elimina
    2. La cosa che infastidisce, che la WT vuol far credere che i suoi cambiamenti , intendimenti insieme a tutti i suoi errori sono rivelazioni di DIO , il famoso cibo a suo tempo ....allora anche le scoperte scientifiche dovrebbero essere considerate tali , gli stessi scienziati dovrebbero dire: siamo illuminati da DIO ! e che Dio ci fa capire le cose gradualmente....io credo che chi è a capo del organizzazione a solo e sempre avuto uno spirito che li guida , quello della presunzione.

      Elimina
    3. Ciao betelita40, ho visto che hai menzionato il libro Babylon di un pastore protestante. Puoi fornire indicazioni piu' precise, per indicare il titolo completo del libro ed il nome dello scrittore ? E' forse opera di Joshua Sykes ? E' un libro reperibile ? Grazie.

      Elimina
    4. Anonimo consapevole20 aprile 2017 23:56

      Il titolo del libro è: le Due Babilonie
      del rev. Alexander Hislop lo puoi trovare in italiano in vendita sul sito azzura7editrice.

      Elimina
    5. Buongiorno,Anonimo consapevole mi hai preceduto, ma molto bene,da quel libro si intuisce da dove Rutherford attinse le innovative e inusuali nuove pratiche religiose M.r. Rutherford. X anonimo13 il libro in questione Rutherford lo reperì qualche isolato piu in là dalla sede centrale, e dopo averlo letto come dicevo molte idee esposte in quel libro divennero insegnamenti della WT,pensa Rutherford attinse cibo presso "Babilonia la grande" per non parlare poi del Libro gli "Angeli e la donna" entrambi questi libri furono raccomandati nelle colonne della WT, il secondo citato parla in maniera assurda di Demoni e del loro potere,quando all'epoca Rutherford e Woodworth suo stretto collaboratore nonchè segretario furono accusati di scrivere nelle colonne della WT tramite il channelling in seguito a questa loro simpatia sia per la comunicazione con gli angeli di cui Rutherford si diceva essere ispirato, in quanto dalla venuta presenza del Signore 1914 lo Spirito Santo non fungeva piu da guida per la congregazione cristiana; dunque in quegli anni si diede molto risalto alla guida degli angeli e strascichi di coda arrivarono fino all'odiera organizzazione la quale pone la predicazione sotto la guida angelica;Per questo motivo molto della storia e dei libri della Wt vengono accuratamente occultati dall'organizzazione,avere l'onore di accedere alla biblioteca segreta della WT è un privilegio di pochissimi,nemmeno ai vertici tutti possono accedere,ma una volta che si ha accesso si apre un vaso di pandora,e come il mito della grotta di platone chi ha letto e cerca di parlare di cio che ha visto e letto viene tacciato per pazzo, apostata, accecato!e non basta un commento ne un blog per raccontare.A vi tutti con affetto Saluti

      Elimina
    6. Dimenticavo x Anonimo13 se vuoi puoi anche trovare il libro on line in download https://it.scribd.com/doc/132125493/Libro-Due-Babilonie#scribd Saluti

      Elimina
  16. Buongiorno anonimo (troppo) infervorato;una sola precisazione in quello che hai detto:tra i massoni non si pratica l'ostracismo. Sei informato male. Esiste il diritto al dissenso e dire non sono d'accordo da noi è la prassi. Si può essere espulsi per colpe gravi come truffare o defraudare, delinquere ecc ma mai per dissenso o eresia perché siamo adogmatici. Se avviene l'espulsione non viene imposto a nessuno di ostracizzarlo e ognuno è libero di continuate a frequentarlo o meno. Rimane nella coscienza degli altri. Questo giusto per precisare. Buona giornata e un caro saluto.

    RispondiElimina
  17. Per anonimo ridicolo " ricorda che il cervello è come il paracadute,funziona solo quando è aperto"

    RispondiElimina
  18. La presunzione e il parlare con ignoranza volendo dare l'impressione di saperla lunga è tipico del tdg indottrinato. Mi sono posto moltissime domande, in questi anni. Domande che nella maggior parte dei casi hanno avuto solo due risposte, da parte "loro": "sei poco spirituale" e "fai ricerche, non studi abbastanza". Che diavolo di senso ha una "ricerca" solo all'interno del suo recinto? Sarebbe come chiedere all'oste se il suo vino è buono... Perché documentarsi, fidarsi ancora di una "fonte" che ha imposto un mare di vaccate, e continuerà a farlo...? Poi la chiamano "la verità"... Ricordo quando una larga parte di me accettava gli insegnamenti della wts, pur trovandoli estremamente contradditori e illogici. Quante volte ho "studiato", e quante volte le loro "risposte" non mi hanno soddisfatto dal principio, c'era sempre quel qualcosa che non tornava... È bastato documentarsi sui vocaboli biblici originali, e sulla loro traduzione in greco, e ogni tassello è andato apposto. Si scopre così che il termine originale che traduce "mar rosso" è in realtà "mare di canne", in pratica un acquitrino... Si scopre che il termine "statua di sale", in riferimento alla moglie di Lot, viene tradotto da un verbo che significa "dissolversi", e molto altro ancora... Mi chiedo: come mai tutti questi errori di traduzione, e in definitiva sul senso reale del testo, proprio in un "testo sacro"...? Nell'illustrazione del cammello che passa per la cruna di un ago, il sostantivo greco tradotto con "cammello" è in realtà "kamilos", cioè "fune". La parola "fune" ha molto più senso, anche in base al contesto. Sapete qual è l'argomentazione della wts in merito? Che siccome Matteo era con Gesù, e quindi deve averlo ascoltato, il termine corretto era sicuramente "kamelos", cioè "cammello". Ma che razza di argomentazione è...? Cioè, Gesù deve aver detto "cammello" solo perché Matteo lo ha sentito! Ma ci rendiamo conto? Posto che sia stato Matteo a scrivere il vangelo omonimo... Ricordate il punto della bibbia dove "dio" permise agli israeliti di cibarsi di sangue, senza fargliene una colpa...? Ebbene, la "spiegazione" della wts è talmente improponibile che perfino mia madre, tdg indottrinata, è rimasta perplessa...! Questo apparente fuori tema solo per dire che la wts non ha basi di fiducia. Semplicemente. L'approccio migliore sta nella ricerca continua affiancata alla tolleranza, esattamente lo stesso metodo di "Giordano Bruno" e altri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Al loro interno usano un sistema medioevale pur essendo nel 20 secolo , le ricerche le devi fare solo al interno della WT , e solo li trovi le risposte alle tue domande ...nulla di diverso di chi crede che le madonnine piangono sangue , hai dei dubbi ? non ti rivolgere alla scienza o ad altre fonti , abbi fede nella nostra organizzazione di mediugori quelli di fuori sono solo dei calunniatori malvagi...... La religione va bene per quelle menti depensanti ed emotive ,ed io al inizio ero fra quelli , ma meno male che abbiamo una volontà che ci porta a sviluppare l intelletto, che è il bene più prezioso che abbiamo.

      Elimina
  19. Anziano Inattivo.19 aprile 2017 10:09

    Per Ax80 Pienamente d'accordo con la tua riflessione, poi per quanto riguarda la risposta data dal fanatico "Beccati e porta casa", gli rispondo: Geova ti farà ingoiare il tuo stupido sarcasmo, anziché continuare ad avere il plauso dei governi il tuo Corpo Direttivo dovrebbe ricercare la fiducia in Geova.

    Ma ci vuole una buona relazione con Dio per capire che il corpo Direttivo vi ha truffato per amore di guadagno disonesto estirpato dalle tasche dei TdG con sensi di colpevolezza.

    RispondiElimina
  20. Cari amici buongiorno ! Sono di ritorno anche se non mi sono persa neanche un vostro commento.
    Ho vissuto giorni strani, il ritrovo con parenti e fratelli che non vedevo da tempo mi ha fatto sentire come il pesce fuori dall acqua anche se non direi in colpa. Sono cosciente e determinata nella mia scelta....a volte, altre volte invece mi vengono tutti i dubbi e mi dico "ma cosa sto facendo".
    Questo perché la mia parte razionale sa esattamente come stanno le cose ma i condizionamenti di anni sono troppi forti.

    In questa situazione cmq ho messo in atto "un piano" per risvegliare qualcuno...vedremo. Ma mi sembra anche un impresa impossibile.

    Ho anche letto "Crisi di coscienza", la cosa + preoccupante è che i TdG attuali stanno seguendo nient'altro che un branco di ESALTATI FANATICI RELIGIOSI e non conoscendo neppure gli inizi dei loro stessi leader....è surreale

    RispondiElimina
  21. Anziano Inattivo.19 aprile 2017 13:46

    Cara Rugiada i tuoi sentimenti contrapposti con la razionalità sono del tutto fisiologici, anche io ho passato le stesse sensazioni, poi un psicoterapeuta mi disse che il nostro cervello per accettare situazioni diverse da quelle che abbiamo creduto per anni occorrono almeno due anni, dopodiché si inizierà ad adattarsi a nuove situazioni, ma continua a leggere e a mettere acqua pulita dentro cosi l'acqua sporca del Corpo Direttivo che ci ha fatto bere per decenni andrà via e rimarrà una mente pulita.

    RispondiElimina
  22. Io personalmente ( penso altri come me) sento il problema dell'ostracismo più per quanto riguarda i rapporti con i miei genitori , tdg, che nei confronti degli altri tdg.
    Anche perché che gli altri mi salutino o meno non me ne importa niente. ....ho la mia cerchia di amici un marito una figlia ( tanto x risponde a chi incoraggiava a farsi una vita nuova).
    Però da un paio d'anni a questa parte le cose sono cambiate molto, per quanto riguarda i rapporti familiari.
    Anche se il tdg medio mi direbbe subito che è stato sempre così, io ho notato un maggiore rigidità su argomento parenti/ disassociati .
    Fatto sta che io prima venivo ospitata dai miei quando li andavo a trovare ( abito molto lontano )ora invece no.
    Con conseguente annullamento della figura dei nonni nella vita di mia figlia .
    La cosa più triste e che sono gli unici nonni che ha , visto che i genitori di mio marito ( che è del mondo) , sono morti.
    Quindi non è implicata solo una questione di salutare o meno , si parla di rapporti familiari STRETTI che vengono stravolti con conseguente sofferenza di tutti.


    Se non ci fosse L'Ostracismo tutto questo non esisterebbe .....farebbero i nonni normali che si fanno i km per stare vicino hai nipotini e sono ben felici di ospitare figlia e nipote per le vacanze estive.....o no!
    Quindi per quel signore o signora che ha gioito per la sentenza vorrei ricordargli che ci sono stati casi di ragazze che si sono suicidate perché emarginate dai compagni di classe......che loro non potevano trovarsi altri amici?!!! O ignorarli? !!!!
    Quando è una comunità intera a toglierti il saluto ( che sia una classe o un gruppo religioso ecc) non è così semplice ,non tutti hanno la stessa forza di volontà.
    Però tu tdg quando vai in servizio e si parla di questi fatti di cronaca che dici?

    Ci sono in gioco cose più grosse del semplice salutare o meno qualcuno.

    Il comportamento dei miei genitori mi ha fatto cambiare atteggiamento nei confronti di questa religione.
    Quando o lasciato i tdg lo fatto perché non mi sentivo felice.....senza nessun implicazioni teologica.
    Quindi avevo lasciato la porta aperta , adesso invece questo culto mi spaventa e sinceramente farò del tutto per tenere mia figlia lontano da tutto ciò.
    Per i tdg che ci leggono :
    Non è vero che la L'Ostracismo disciplina il disassociato , come un padre che da uno schiaffo a un figlio con l'intento di aiutarlo .....serve solo a tenere lontano chi dissente per non creare problemi a che vi guida.
    Credetemi io non tornerò mai più in una religione che ha distrutto i rapporti tra me e i miei e quelli di una bimba di cinque anni con i nonni.
    A e vi prego non mi dite che lo sapevo , io mi sono dissociata da i tdg non dai miei.

    E penso, anche se non sono un avvocato , che non è ammessa l'ingerenza nei rapporti familiari, da parte di una religione .
    Tanto piu che si tratta di cose pratiche,mangiare insieme , dormire a casa dei tuoi , frequentarli ecc.e non solo del farti volere bene da qualcuno , cosa che nessun giudice può obbligati a fare.
    Me lo fa pensare la storia di
    una mia amica non tdg.
    Fu abbandonata dal padre quando era piccola, quando lui è diventato anziano il giudice la obbligata a prendersi cura di lui, anche se questo sognificava ospitarlo in casa ( visto che lei non poteva permettetsi di pagare ne una badante , ne una casa di cura)perché la legge italiana considera indissolubili i rapporti stretti di parentela.
    Mi ricordo che il giudice le disse che se lei era morta se ne sarebbero dovuti occupare gli zii o altri parenti fino ai cugini lontani.....
    Questo mi fa pensare che la semplicità con cui il CD tratta argomento disassociati /famiglia non sia in sintonia con la legge italiana ......magari un avvocato può illuminarci.

    Scusate lo sfogo ma la sofferenza è tanta!!!!

    Elisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anziano Inattivo.19 aprile 2017 16:15

      Anonimo del 19 Aprile 2017 15:18

      Sono d'accordo pienamente su quanto scrivi l'ostracismo perpetrato dal Corpo Direttivo e una dottrina non biblica che non serve come disciplina ma per costringere la persona a tornare sotto le loro grinfie. Le tue riflessioni sono sagge.

      Elimina
    2. Colomba bianca19 aprile 2017 16:41

      Buon pomeriggio a tutti. Hai ragione elisa, non ci avevo pensato. Io lavoro con gli anziani e quando un anziano è solo ed ha problemi lo stato va a ricercare i figli che hanno l obbligo di pensare a lui, in caso contrario devono rinunciare ai diritti di figli e e l'eventuale proprietà degli anziani viene gestita dallo stato. Io stessa , dopo 20 anni che non vedevo mio padre per problemi gravi all interno della famiglia, in caso di necessità io e mio fratello siamo stati chiamati dai servizi sociali per provvedere a nostro padre anziano e malato,
      Non sono un avvocato ma penso che forse qualche spiraglio giuridico italiano o no, si possa trovare per impedire questi ricatti che costringono le persone a restare in una religione non per fede ma per paura. Si potrebbe parlare di una forma di terrorismo. Come si sente una persona se per avere una fede diversa rischia di perdere per sempre l amore dei propri Cari?
      Il danno psicologico credo sia enorme, a parte gli ex amici, ma soprattutto la cerchia familiare..genitori, figli, nipoti..dei professionisti saprebbero diagnosticare sicuramente i danni verso chi subisce l ostracismo solo per aver fatto un scelta di fede diversa. Io non rinuncerei così facilmente a vedere se i comportamenti della wt provochino danni permanenti alle persone..in tante situazioni non solo l ostracismo.
      Sicuramente il percorso è complesso, cioè deve essere affrontato da diversi fronti, con specialisti su campi diversi, ma se siete così tanti in tutto il mondo, potete unirvi,e diventare una voce sola. Non mi piace vedere muri di fronte a me, quelli che vedo immagino sempre che siano illusori..se vi avvicinate tutti insieme a questo muro che sembra così invalicabile, magari crollerà senza neanche accorgervene.
      Questo blog è un buon punto di partenza.

      Elimina
    3. Ciao cara Elisa ,le sofferenze con il modo di operare della WT hanno mille sfaccettature .la loro perfidia è disumana e non ha niente di educativo ma come si diceva serve solo a non far diffondere i dubbi che possono venire parlando con un disassociato(quindi non per amore ,ma paura che gli scappano gli animali da mungere).Cerca come mamma di sopperire tu a questo rapporto mancato .scrivigli una lettera a nome di tua figlia,esprimigli il dolore e la delusione .Non vorrei essere al posto loro quando un giorno forse capiranno.Goditi quello che hai .baci a te tua figlia. Teresa

      Elimina
    4. Io sono un inattivo; quando un anno e mezzo fa ho smesso di frequentare le adunanze ero conscio che da lí in poi sarei stato considerato un appestato ed ho fato in modo di tagliare i ponti. Sapevo che sarei stato trattato come un debole, inetto e pure malvagio. Quindi ho preferito tagliare i ponti completamente con quelle che si sono rivelate pseudoamicizie, costruite nel corso di 40 anni.
      Ciò che mi dispiace di più è pensare alle amicizie vere che ho cancellato mentre ero nei tgG. Ad esempio dei compagni di scuola che erano brave e care persone ma non erano nella veritá e quindi cattive compagnie.
      In particolare un ragazzi che non si faceva problemi a frequentarmi pur essendo molto impegnato nella parrocchia e questo in un piccolo paese di campagna all'inizio degli anni '80. Non si vergognava di frequentarmi anche se ero un tdG e ci trovavamo in un paese bigotto. Mi piange il cuore, ne ho parlato con miamoglie la quale ha osservato: "È una persona migliore di te". Come al solito mia moglie ha ragione.
      Penso agli anni dell'adolescenza e della giovinezza che non abbiamo condiviso e che non torneranno più...

      Elimina
    5. Cara Elisa mi dispiace tanto per quello che devi passare per causa di questi imbecilli che il diavolo se li porti.
      Io ho già avvisato mia madre anche lei tdg che se mai mi dovessero disassociare io non le dirò nulla e continuerò a frequentarla. Non permetterò a questi dementi che approfittano dei momenti di debolezza di una persona per attirarli come una falena verso la luce per poi ucciderli dentro.
      Stai tranquilla Elisa e vivi la tua vita senza pensare ai tdg ... ci sono persone anziane che pur rendendosi conto della falsità della sua religione che vi rimangono solo per non rimanere soli e fare i conti con anni buttati via per scoprire che non ci sarà nessun nuovo mondo. Un abbraccio

      Elimina
  23. Grazie a tutti per la solidarietà.
    Terrò in mente il tuo consiglio Teresa.

    Due scritture mi sono rimaste in mente della Bibbia " Dio è amore" e " li riconosceranno dai loro frutti"
    Io lasciato i tdg mi sono sposata e ho una bella bambina e una bella famiglia. ...stasera la mia piccola , sentendo una parente dispiaciuta per la situazione di cui vi parlavo prima ( cercavamo di non fargli capire, ma si sa i bambini capiscono più di quello che pensiamo ) , mi ha detto " mamma non ti preoccupare io sono felice lo stesso, mi piace la vita che faccio " 5 anni! !!!!!
    Loro invece con L'Ostracismo dopo la mia dissociazione che frutti hanno portato?!!!!
    Mi dispiace solo perché so che non è farina del loro sacco.
    Io ho riconosciuto i frutti di questa religione e ho preso le distanze.
    Un abbraccio a voi.
    Elisa

    RispondiElimina
  24. Certo che è tutto funzionale all'organizzazione,perché anche persone buone vengono indotte a giudicare le persone che all'interno hanno punti di vista diversi.
    Fino a quando non dici che quello che "lo schiavo"insegna è sbagliato va tutto bene;ma quando vai
    contro per loro diventa una cosa personale.
    Quando nel 2008 ho fatto crescere la barba un anziano mi ha detto "tu vai a finire male",un altro "sei come un apostata",e poi continui incontri in saletta per cercare di farmi cambiare..
    Pensavo che fosse solo a livello locale il problema.
    Ma il problema sta nelle direttive che vengono date dalla filiale,che inducono gli anziani a comportarsi così.
    Ecco perché c'è questa ostinazione,perché quando palesemente ciò che è ibsegnato è sbagliato vengono presi ragionamenti come "essere ubbidienti a quelli che prendono la direttiva,così ubbidiamo a Geova","sepere come comportarsi davanti alla congregazione,colonna e sostegno della verità" e via dicendo.
    Se ricevi gravi torti "devi aspettare Geova",devi "perdonare comunque",perché i torti personali non vanno
    contro "l'organizzazione".
    Usare la leva dei "privilegi" per riuscire a tenere sottomesse le congregazioni,difatti coloro che non vogliono i privilegi vengono descritte come "cattive compagnie all'interno della congregazione".
    Comunque questo ti fa capire chi sono le persone migliori della congregazione,perché comunque questi continuano a comportarsi bene con te.

    RispondiElimina
  25. Questi sono pazzi io sono nata testimone sono latinoamericana sin da piccola mi picchiavano si me addormentava nell'adunanza abbiamo sofferto proscrizione e quello mi provocava ansia perché mio padre era anziano e voleva dimostrare a tutti che non aveva paura di dare testimonio neanche ai militari non doveva fare amicizia nella scuola poi mio padre sempre mi faceva sentire una fredda spirituale perché non facevo quello che facevano altre ragazzine non nasceva in me il desiderio per dedicare la mia vita a geova con il battesimo..
    Poi quella vita di non fare amici a scuola che nessun compagno di scuola potevo portare a casa ecc mi ha fatto diventare ribelle poi sono andata via di casa con un ragazzo il mio primo sbaglio mi hanno censurato poi mi sono sposata e poi sono rimasta sola con un bambino dovuto ritornare a casa però ritornare lì era continuare le regole ho dovuto battesarmi ..poi mi sono sposata di nuovo sempre per avere libertà così ho fatto tanti sbagli dopo non sono andata in università per questa stupidaggine che l'armagedon arriva fra due mesi le miei sorelle più piccole si sono salvate perché uno di betel a consigliato a mio padre di mandarli in università una è architetta l'altra laureata in lingue poi mio padre che è gia morto .fu accusato di pedofilia nella congregazione e questo mi a rovinato di più la vita...dopo 11 anni mi sono divorziata di nuovo e sposata per terza volta ho ritornato alla congregazione dopo di essere espulsa ho dovuto supportare quella stronzata dell'ostracismo da quando ero nel mio paese gli anziani arrivavano a casa de mia madre per parlare con lei è mio figlio adolescente per non parlarmi mio figlio per questo non ha voluto più sapere dei testimoni..adesso che sono in italia ho lasciato e non ne voglio più sapere sono stufa dell controllo come vestirmi si vado in riunione o non vado cosa indossare quante ore ho fatto al mese perché non sono venuta alla riunione ecc ecc non ne posso più non ritornare all mio paese perché li tutti sono testimoni.. non sono d'accordo a tante cose di questa religione e con questo che sta succedendo in Russia ho visto come i testimoni hanno cercato l'aiuto dei deputati politici a Montecitorio con questo chiudo definitivamente con loro questo è ipocrisia pura

    RispondiElimina
  26. anonimo italiano20 aprile 2017 12:56

    Io voglio solo dire che nella questione entra anche la Chiesa Cattolica. Se dicono che noi tdG sbagliamo a battezzare gli adolescenti, dovranno dire che sbaglia anche la Chiesa Cattolica che battezza i neonati. Se sbagliamo noi a disassociate, anche la Chiesa Cattolica a scomunicare e a non permettere ai divorziati di ricevere la comunione. Quindi la legge preferisce non entrare in questioni di fede.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Probabilmente tante questioni in Italia è difficile sollevarle per la presenza della Chiesa Cattolica. C'è da dire, però, che il battesimo cattolico dei neonati non è un giuramento di fedeltà a vita alla Chiesa, la scomunica o l'abbandono della religione cattolica non comporta l'ostracismo automatico da parte di tutti gli altri cattolici, familiari inclusi. E i TdG questo lo dovrebbero sapere bene!

      Elimina
  27. Anonimo ma neanche tanto
    Salve, è da parecchio tempo che leggo questo blog, ma non ho mai commentato prima d’ora.
    Mi sono battezzato una diecina di anni fa ed ho fatto subito “progresso”, come si suol dire, ma nonostante tutto non ho mai smesso di pensare con la mia testa e questo mi ha permesso sempre di notare, e spesso di contrastare le malefatte dei vaccari locali. Malefatte che ho sempre attribuito all’imperfezione sinceramente, come ci veniva insegnato, solo che negli ultimi anni sono diventate tali e tante che non ce l’ho fatta più. Mi sono dimesso dall’incarico di servitore di ministero, di mia spontanea volontà, ed ho smesso di investire tempo, energie e soprattutto i miei soldi in questa organizzazione “si profit” ( e come se profit ).
    Ora è da più di due anni che io e la mia famiglia non frequentiamo più le adunanze.
    Quando abbiamo smesso di frequentarle non eravamo del tutto certi della nostra scelta, ma come sapete benissimo anche tutti voi, negli ultimi due anni ne è passata di acqua sotto i ponti…. E se oggi sono strasicuro che questa organizzazione, tutto può essere tranne che guidata da Dio, lo devo anche a siti come questo.
    Grazie di cuore.

    Oggi ho deciso di commentare, se mi è concesso, perché ritengo che questo tema sia importantissimo. Non sono d’accordo con John quando dice che non c’è spazio per azioni legali.
    Ci sono tantissime persone che sono tenute sotto scacco dalla WTS, persone che cercano un modo per ridurre i danni che questa organizzazione provoca a chi vuole pensare con la propria testa e mi piace sperare che un modo per contrastarla ci sia.
    Io penso che loro vincano le cause per due motivi fondamentalmente:
    Primo: Loro non parlano come singoli ma a nome di tutta l’organizzazione. Quando denunciano i governi per ottenere qualcosa da essi, lo fanno a nome di 8 milioni di persone. Quando si difendono nei tribunali, lo fanno a nome di 8 milioni di persone perseguitate “a loro dire”.
    Secondo: Qualunque sia il capo d’accusa cercano sempre, e ci riescono benissimo, di spostare il fulcro su argomenti biblici.
    Ora per quanto riguarda il primo motivo sappiamo tutti che l’unione fa la forza.
    Riguardo al secondo motivo, invece, nei tribunali si trovano sempre a dover dibattere con persone che di scritture bibliche ne sanno poco o niente, è ovvio che trovino la strada spianata.

    Ora provate a immaginare. però, 100, 1000 persone che trascinano in tribunale la WTS per persecuzione religiosa portando come prove, per esempio, la questione della pedofilia, la questione del sangue, la questione dell’ostracismo……. Ma non come singoli, ripeto, come gruppo. Magari con un bravo collegio di avvocati e con persone preparate, capaci di smontare le loro spiegazioni bibliche, beh, in questo caso vi assicuro che non sarebbe più così facile per loro farla franca (basta guardare come li sta stracciando Angsus Stewart in Australia).

    Sono d’accordo con quanti hanno commentato che non si può costringere qualcuno a salutarci, ma infatti non è questo che bisognerebbe chiedere in tribunale. Bisognerebbe chiedere il risarcimento danni per lo stress, i problemi psicologici che questa persecuzione causa e il rimborso di tutte le contribuzioni che abbiamo fatto nel corso degli anni.

    Se la WTS dovesse perdere 2 o 3 cause di questo tipo, se dovesse essere condannata al risarcimento, se li colpissero nel loro bene più prezioso, i soldi, beh, allora cambierebbero disposizioni sull’ostracismo, sulla pedofilia e su tutto quello che gli potrebbe causare un ulteriore perdita di soldi, in un batter d’occhio, senza che qualcuno glielo chiedesse esplicitamente.

    Se tutti noi smettessimo di agire impulsivamente e ci organizzassimo per azioni legali congiunte, visto che ormai siamo in tanti, ci sarebbero buone probabilità di cambiare un paio di cosette.

    Un caro saluto a tutti voi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Colomba bianca27 aprile 2017 17:31

      Buon pomeriggio a tutti. Che peccato anonimo non sapere almeno il tuo nick. Hai detto cose così calde che ho sentito battere il sangue dentro le vene...
      Sono daccordissimo con te.
      Daccordissimo.

      Elimina
    2. La WT va smontata con le loro stesse scritture , perchè se non si fa questo , tutto va a loro favore , al TDG viene detto, che bisogna ubbidire a Dio anzi che agli uomini , scrittura che chi professa una fede cristiana userebbe per mantenersi integro , il problema che i TDG senza saperlo ubbidiscono a uomini che sono convinti e fanno credere di essere il portavoce di DIO sulla terra , le autorità come hai detto tu , non sono in grado di argomentare su versetti biblici e questo sarebbe l unico modo per metterli sotto scacco veramente ...tutto il resto andrebbe a loro favore , tutto verrebbe preso come persecuzione nei confronti della santissima organizzazione , ( vedi in russia ) i tdg nella loro psicologia vincono sempre ...se vincevano la causa in russia , allora era Geova che benediceva ...ma ora che hanno perso, viene detto che sono un popolo perseguitato e che è un segno profetico e che satana gli sta facendo guerra , ....non è semplice buttare giù dei muri così ben strutturati , sono una religione meschina e maliziosa , fatta anche di persone in buona fede e di ottima caratura morale , ma senza saperlo sono solo al servizio di speculatori.

      Elimina
    3. Anonimo, ben venuto
      La penso precisamente come te. Occorre che uniamo le forze. Piu' dignitoso che sussurrare sempre con un nickname. Organizziamoci!

      Elimina
    4. Anonimo delle 15:51, il rappresentante legale della WT, ha domanda, risponde candidamente "NESSUNO E' OBBLIGATO A RIMANERE"! CHIUNQUE CHE ABBIA UN PO DI AUTOSTIMA E SA FARSI VALERE, PUO' FERMARSI DAL FREQUENTARE LA SALA. Con queste premesse, le azioni legali faranno un chiaro buco nell'acqua.
      Piuttosto il problema è residente nel genere umano che cerca, illudendosi, che scorgendo le volontà di un "creatore", si viva con uno scopo significativo. Ma sappiamo che è solo un effetto placebo. E' come chi è consapevole di ubriacarsi, si farà male da solo, ma si infogna sempre +, crederà sempre che il "bicchiere" è un ottimo conforto, con i suoi difetti ...
      chi si avvicina ad un culto è consapevole a chi sta dando i suoi sogni e il suo cuore.
      Si dovrebbe essere lucidi e cinici x il proprio bene. Razionalmente giungere ad una inevitabile conclusione, che siamo soli nell'universo, e non esiste nessun creatore con un piano o futuro x noi.
      Ma questa consapevolezza x molti e' dura da ammettere!

      Elimina
    5. Navigatore, Ma perche' fanno un buco nell'acqua? Non e' una chiara bugia? Non si tratta di fermarsi di frequentare la sala e' basta!
      Qui c'e' in gioco gli affetti di una vita, la struttura sociale col rimanere dentro! E' un ricatto! Secondo l'organizzazione se uno lascia, anche senza aver commesso niente di male dovrebbe essere evitato del tutto dalla famiglia.
      Non riesci a vedere l'evidente ingiustizia? Ti fermi a una piccola rispostina di queste? Ma forse fa piacere a subire abusi? O si puo' essere un po' piu' inventivi nel farsi valere? Avvolte mi sembra che questo ruolo di vittime senza speranza va bene a molti.

      Elimina
    6. Joe ascolta, è un po' che leggo i tuoi commenti e ti sento ripetere delle "accuse" verso chi non la pensa come te: poco coraggio, adesso il ruolo di vittime che va bene. Ricordiamoci che nessuno di noi ha la verità rivelata in tasca, non è detto che il tuo pensiero, ne quello mio, ne quello di qualcun altro, sia quello giusto, e quindi non dovremmo attribuire agli altri chissà quali motivi per il fatto che non la pensano come noi.
      Sulle cause legali, proprio in questi giorni un ex ha perso una causa sull'argomento. Se non ricordo male, il giudice ha riconosciuto che i TdG praticano l'ostracismo. L'ha riconosciuto, quindi è cosa nota. Ma non ha condannato la congregazione in quanto, sebbene tale pratica sia deprecabile sul piano morale (come riconosciuto dallo stesso giudice) non viola alcuna legge e un giudice su quello deve decidere. Non conta nemmeno essere 8 milioni, non si vince una causa in base al numero di persone. La legge non tiene conto di questo, ma solo se un comportamento ha violato delle leggi previste dallo Stato. Dobbiamo sempre distinguere tra ingiustizia "morale" e ingiustizia "giuridica".
      Diverso è il discorso di far conoscere le realtà JW all'opinione pubblica nella speranza che i governi si interessino di indagare su questa organizzazione e disconoscerla, eventualmente, come religione. Ma fin quando non ci sono delle leggi specifiche e i TdG non le violano non ha senso portarli in tribunale.
      Non si tratta di non avere coraggio o altre dietrologie, si tratta di agire con la testa e non d'istinto.
      My two cents.

      Elimina
    7. Victor, onestamente le mie parole le hai lette come accuse tu. Non era mia intenzione accusare o solo espresso la mia opinione. Inoltre, una cosa e' che una sola persona inizi una causa legale, un'altra se si fa in centinaia o in migliaia. Molte leggi sono state cambiate in passato perche' le organizzazioni religiose hanno lottato per il cambiamento. Le leggi non sono scritte su pietra, possono essere modificate quando si stabilisce che delle ingiustizie vengono commesse. Quello che dico e' la mia idea e basta, non voglio accusare nessuno. My two cents too.

      Elimina
    8. Voglio aggiungere Victor, invertiamo i ruoli. Facciamo finta che siano i testimoni di Geova a subire l'ostracismo e la chiesa cattolica a praticarlo nei loro confronti. Secondo te come sarebbe vista la cosa? Sarebbe solo un ingiustizia morale e non legale? Io penso di no!
      Se publicamente la chiesa cattolica facesse dei video come fa l'organizzazione dove si invitano madri a non parlare con i figli per decenni, sarebbe in violazione morale e basta?
      Quando hai un buon team legale e sei preparato a saperti difendere si riesce a dare il giusto nome alle cose. Qui stiamo parlando di violazione dei diritti dell'uomo conquistati a caro prezzo in passato.
      Detto questo, mi fermo qui su questo argomento.

      Elimina
    9. Certo che le leggi possono essere cambiate, per quello c'è bisogno di informare l'opinione pubblica su cosa siano i TdG. Ma al momento le denunce non servono perché l'ostracismo, per quanto deprecabile moralmente, non viola alcuna legge. Inoltre le pubblicazioni usano volutamente un linguaggio ambiguo per cui si dice e non si dice di ostracizzare, tanto che ci sono siti di apologia geovisti che negano che l'ostracismo esista o sia imposto istituzionalmente. Possono farlo proprio per il linguaggio ambiguo usato dalla watchtower. Non sono stupidi in America.

      Elimina
  28. Bella vitto'

    RispondiElimina
  29. joe, il medesimo trattamento dei tdg, ostracizzato, viene praticato da milioni di aderenti del cammino di CHICO, verso chi abbandona il cammino neocatecumenale, diventi ostracizzato, diventi trasparente, ti evitano come la peste. Non mi pare che ci siano ritorsioni acclarate pubbliche x via giudiziaria verso questo atteggiamento.
    Come dice Victor, la legge non può giudicare su questioni di fede se esse non violano nulla.
    La rispostina, come dici tu, è ben pesata, giusta essenziale, ma logica. Nessuno ti obbliga a rimanere dentro, MA SOPRATTUTTO NESSUNO è STATO LI CON IL FUCILE AD OBBLIGARTI A BATTEZZARTI! E il proclamatore da solo che si è consegnato. E' questa constatazione brucia molto di più, e se la coglie e la si vede in tempo, si è già un passo avanti, sennò sembrano le giustificazioni dei bimbi immaturi.
    Ma d'altra parte (per me) un uomo che crede di aver trovato un senso della vita, avvicinandosi ad un culto, è la persona più immatura che ci possa essere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. caro navigatore, ma noi sapevamo tutto dell'organizzazione? Quando adesso vanno in servizio dicono tutto alla nuova gente?
      Secondo me non deve esistere un organizzazione che non ti permetta di cambiare idea. Non deve esistere un organizzazione che ti toglie la famiglia per scelte di coscienza. Non dimentichiamo che loro fanno credere che questo lo vuole Dio. E di conseguenza persone in buona fede gli sembra che stanno facendo un servizio a Dio. Ma non esiste un solo caso in cui Gesu' volto le spalle a qualcuno. Per difendere il loro mini impero non guardano in faccia a nessuno.

      Elimina
    2. Joe, ma la tua famiglia, la mia famiglia, portata a testimoniare in tribunale direbbe che nessuno obbliga ad ostracizzare nessuno e che siamo stati noi ad allontanarli. Capisci? Non è così semplice come pensi. Se fosse così semplice non esisterebbero nemmeno sette come i Testimoni di Geova o Scientology. È l'informazione il loro peggior nemico, non gli attacchi frontali. Bisogna avere nervi saldi e molta pazienza.

      Elimina
    3. Io ripenso alle domande prima del battesimo del libro "organizzati" se te le rileggi, troverai le disposizioni a cui il credente deve sottostare, tra cui coloro che abbandonano. a cui tutti abbiamo risposto con un SI difronte a testimoni. Non c'è tribunale che tenga. Nessuno ci ha obbligati, eravamo pienamente consapevoli. Guarda che quelle domande sono come una paracadute x la WT. SONO INATTACCABILI. Tuttalpiù si può disquisire sull'adesione al battesimo di un minore, ma x un maggiorenne no.

      Elimina
  30. Anonimo ma neanche tanto
    Grazie per l‘accoglienza Joe.
    Caro navigatore, mi dispiace che tu pensi che (cito testualmente), il problema è residente nel genere umano che cerca, illudendosi, che scorgendo le volontà di un "creatore", si viva con uno scopo significativo. Il problema non sono le persone che credono in Dio, il problema sono quelle persone che cercano, a volte riuscendoci benissimo, di sopraffare gli altri. Credere in Dio quand’anche fosse solo un effetto placebo come dici tu, a crederci ci sarebbe solo da guadagnarci. Vorrei ricordarti, infatti, che il placebo guarisce ogni giorno migliaia di persone. Tu non hai idea di quante medicine oggi in commercio si basano, con successo, sull’effetto placebo.
    Riguardo alle azioni legali, io non penso che siano tutte destinate a fare un buco nell‘acqua come dici tu (e come la vede anche Victor che stimo e seguo sul suo blog), al contrario, se ci si organizza bene ci sono buone probabilità di fare molto male alla WTS.
    Proviamo a procedere per gradi.
    O la WTS non commette nessun illecito e quindi sbagliamo noi a darle addosso come si sta facendo da anni, oppure gli illeciti li commette. Io penso che tutti noi siamo concordi nel dire che gli illeciti li commette altrimenti possiamo smetterla subito di dirne male e lasciarla in pace.
    Per esempio: Per quanto riguarda le trasfusioni di sangue, non si potrebbe denunciare la WTS per istigazione al suicidio??? L’istigazione al suicidio è un reato, è previsto dall’articolo 580 del codice penale.
    Se io mi dissocio e tu, WTS, dici ad 8.000.000 di persone che non devono più parlare con me, li induci a pensare che io abbia fatto qualcosa di male, qualcosa di così orribile da non meritare più neanche un saluto. Questo arreca dei danni alla mia persona. Non è una cosa da niente, questo atto ha un nome ben preciso, si chiama calunnia. La calunnia è un reato, è previsto dall’articolo 368 del codice penale. Ecc. ecc.
    Quindi i reati a loro carico ci sarebbero e come.
    Ora posto che la WTS commette degli illeciti, o è cosi brava da commettere continuamente quello che nei gialli polizieschi è chiamato il delitto perfetto, oppure i modi per smascherarla ci sono.
    È ovvio, però, che se vado davanti al giudice accusando la WTS di ostracismo e chiedendo di essere salutato da tutti loro in futuro, non posso aspettarmi grandi risultati. Primo perché l’ostracismo non è previsto come reato dal codice penale, almeno credo, e secondo perché la condanna (farsi salutare da tutti loro) non è applicabile.
    Ma se si sa di cosa accusarla e si chiede una condanna applicabile, invece, le cose cambiano.
    Oltretutto come diceva Joe, le leggi possono cambiare e ricordatevi che, se una legge è sbagliata, lo si scopre in tribunale, durante i processi.

    Un caro saluto a tutti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. caro anonimo.... la firma !! :-)

      Elimina
    2. La WT se commette illeciti secondo loro li commetterebbe in buona fede , perchè non si spiegherebbe la rivista di questa settimana , non siamo infallibili , non siamo ispirati , e commettiamo errori dottrinali ....queste dichiarazioni apparentemente nasconde una FINTA umiltà solamente per apparire belli alla massa , queste dichiarazioni dovrebbero essere un motivo per mettersi in discussione , invece continuano a pararsi dietro con la famosa luce progressiva , non prendendo in considerazione alcun dissenso alcun contradittorio alcun insegnamento esterno ...come dire abbiamo tutto da insegnare e nulla da imparare (piuttosto che imparare dagli altri preferiamo sbagliare noi ), sono solo gonfi di presunzione e di orgoglio che è la loro vera forza ....Questi signori l umiltà amano insegnarla ma non praticarla, sono esattamente i farisei del 20 secolo, belli di fuori a marci dentro.

      Elimina
    3. Buongiorno.
      Condivido molti dei pensieri esposti da "@anonimo ma neanche tanto", e sono d'accordo anche con l'ultimo commento di riflessivo.
      Il fatto che il corpo direttivo dei testimoni di Geova, si avvale degli otto milioni di fratelli solo quando gli fa comodo è palese.
      Spesso si è ragionato sulla questione Russia e le migliaia di lettere inviate (sotto consiglio dello stesso corpo direttivo) al governo russo.
      Ecco il punto: è da anni che i testimoni di Geova vengono messi in prigione e sono perseguitati in paesi come l'Eritrea, alcuni dell'Africa, come pure in molti paesi orientali.
      Perché i dirigenti wts non hanno mai spinto a scrivere le medesime lettere di protesta anche per i governi di quei paesi?
      Forse perché in quei paesi vi sono luoghi di proprietà esigui rispetto a quelli presenti in Russia?
      Forse perché vi sono implicati molti più interessi di natura economica e quindi la requisizione della proprietà wts in Russia è stato avvertito come un grave danno all'organizzazione stessa?
      E allora, ecco che forse, i dirigenti wts hanno per l'appunto dimenticato, che l' Ekklesia è formata dalle persone e non dai luoghi che le contengono.
      Devo pensare che per questa organizzazione made in usa, ha più valore il prossimo mattone che poseranno per costruire un altra congregazione, che le vite delle persone stesse che vi si riuniranno.
      Sono in pena per tutti quelle persone che vengono imprigionate o perseguitate a causa delle loro convinzioni religiose, perché ogni essere umano deve avere il diritto alla libertà di pensiero e di espressione.
      @Navigatore dice bene, come pure Victor, per quanto riguarda che il fatto che i dirigenti wts sapevano bene quello che facevano, quando compilarono le domande per il battesimo, quando usano le stesse Sacre scritture per difendersi nei tribunali, e sembra inverosimile che come organizzazione religiosa possa cadere, magari non nell'immediato.
      Condivisibile, perché questo "gigante" religioso sembra inaffondabile, e questo mi fa venire alla mente un racconto su cui tante volte ci siamo soffermati nella nostra passata o presente esperienza nei tdg, e cioè quello della caduta di Babilonia.
      Un esercito, un astuto stratagemma, e pure la fortificata Babilonia fu attaccata e cadde, in una notte.
      Quanto di profetico ci sia, nell'omonimo racconto descritto in Apocalisse non lo so. Io credo che descriva per sommi capi l'attuale situazione che si sta iniziando a delineare per quanto riguarda le potenze religiose presenti nel nostro tempo, e sono pure convinto che quello che sta avvenendo in Russia si estenderà mano a mano in altri paesi.
      Inizieranno dalle minoranze religiose, forse più facilmente attaccabili, per poi arrivare a toccare le principali religioni mondiali.
      Chissà, magari mi sto sbagliando, eppure intravedo nello scenario che si sta diatricando un po'di quello descritto nel famoso libro apocalittico...

      Elimina

E' OBBLIGATORIO INSERIRE NEL CAMPO Nome/URL (selezionato dal menù "commenta come...") UN NICK con cui firmarsi. Non usate termini scurrili, insulti, calunnie, incitamenti all'odio razziale ed alla violenza, e NON menzionate la persone per nome o cognome reali. Sono vietati lo spamming, il copia-incolla ripetuto, i link a siti non approvati dalla redazione, i messaggi provocatori.
Altrimenti i post non saranno pubblicati o verranno cancellati.
La moderazione dei commenti è insindacabile ed a cura della redazione del blog. Se i vostri commenti non vengono pubblicati potete chiedere spiegazioni scrivendo alla redazione (vedi "come commentare" in alto nella colonna a sinistra)

Grazie

L'indirizzo email del blog lo trovate in fondo alla pagina (non nella visualizzazione per cellulari)

ARCHIVIO

.