Usando questo sito, dichiarate di aver letto il Disclaimer e le norme sulla Privacy relativa ai contatori Shinystat e whos.among.us


Per capire come "nasce" questo blog, leggere le pagine info sul blog nella colonna a sinistra
Un
archivio del blog, con tutti i post fino ad oggi pubblicati, elencati per mese, lo trovate in fondo alla pagina

NORME relative ai commenti alla pagina "COME COMMENTARE"

“Non c’è nulla di male se una persona cerca di confutare gli insegnamenti e le pratiche di un gruppo religioso che ritiene in errore”. (Svegliatevi! 8 settembre 1997, pagina 6)

sabato 5 novembre 2016

Meno tre al voto, spettro cyberguerra



Cyberguerra? 


dal sito www.ansa.it


Gli hacker del Pentagono sono riusciti a penetrare i sistemi di comando del Cremlino, rendendoli vulnerabili ed esposti a possibili attacchi hacker se cio' dovesse essere ritenuto necessario dagli Usa, in particolare se si realizzasse la minaccia contro le elezioni presidenziali americane di martedi' prossimo. E' quanto emerge da alcuni documenti top secret dell'intelligence americana di cui la Nbc e' venuta in possesso. Violati anche la rete elettrica e quella delle telecomunicazioni della Russia. Dalle carte emerge come gli Stati Uniti abbiano di fatto seminato 'malware' nascosti in parte delle strutture e infrastrutture critiche della Russia, cosi' come quest'ultima - accusano da settimane gli americani - hanno fatto con gli Usa. Gli esperti spiegano come di fatto si stiano preparando i campi di battaglia per un possibile cyberscontro che potrebbe avere tra le conseguenze principali anche l'interruzione delle reti internet. L'amministrazione Obama considererebbe quindi un attacco al voto da hacker come Guccifer 2.0 - considerati vicini all'intelligence russa - come un vero e proprio atto di guerra a cui rispondere.
Cremlino, siamo in grado di fronteggiare cyber-minacce - "Le misure per assicurare la cyber-sicurezza e la sicurezza dei sistemi informativi sono al momento capaci di fronteggiare le minacce ufficialmente ventilate contro di noi dai rappresentanti di altri paesi". Così il portavoce del Cremlino Dmitri Peskov ha commentato le indiscrezioni pubblicate da NBC secondo cui hacker del Pentagono avrebbero infiltrato la rete di comando del Cremlino.
fonte ANSA

* * * * * 

Insomma, possiamo aspettarci anche una chiusura (speriamo provvisoria) delle reti internet  mondiali?


* * * * *


Le elezioni ci sono state, la notizia sa di bufala, la chiudo ai commenti e prossimamente verrà eliminata




7 commenti:

  1. Riporto questa notizia perchè ANSA afferma che c'è la possibilità di interruzioni sulla rete internet globale. Se il blog sparisse improvvisamente (il server dovrebbe essere negli USA) almeno sapete il perchè...

    :-((

    RispondiElimina
  2. Notizia che se fosse confermata, sarebbe davvero il preludio per una concreta minaccia globale alla sicurezza ed alla libertà delle nazioni e di conseguenza delle persone. Spero non si perdano i contatti che abbiamo instaurato nel corso di questi mesi di attività del blog, perché sarebbe davvero triste..
    In ogni caso, grazie John per la segnalazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie John per l informazione...davvero preoccupante se accadesse ciò.si perderebbe tutto..uno tsunami mediatico..spero che non accada niente.

      Elimina
    2. Fineas per sicurezza rimandami il tuo cell. anche con un messaggio al mio numero che hai, ciao

      Elimina
  3. Spero non siate preoccupati per la "fine imminente" (scherzo)
    Comunque c'era parecchia inquietudine anche per il millennium bug. Luca

    RispondiElimina
  4. Resta il fatto che Putin si sarebbe schierato contro il Nuovo ordine mondiale.

    RispondiElimina