Usando questo sito, dichiarate di aver letto il Disclaimer e le norme sulla Privacy relativa ai contatori Shinystat e whos.among.us.

Per capire come "nasce" questo blog, leggere le pagine info sul blog nella colonna a sinistra.

Un archivio del blog, con tutti i post fino ad oggi pubblicati, elencati per mese, lo trovate in fondo alla colonna centrale.

NORME relative ai commenti alla pagina "COME COMMENTARE".

“Non c’è nulla di male se una persona cerca di confutare gli insegnamenti e le pratiche di un gruppo religioso che ritiene in errore”.
(Svegliatevi! 8 settembre 1997, pagina 6)

martedì 1 novembre 2016

La forza ed il coraggio



Ho sempre mal sopportato i paladini di entrambi gli schieramenti. Mi ha fatto male vedere per anni ex-fratelli che montavano i fatti per sparlare ed accusare coloro che un tempo erano loro amici.
Ma col tempo mi ha fatto ancora più male capire che le stesso cose accadevano sull'altra sponda del fiume. Mi riferisco al sentire fratelli e sorelle "spirituali" che sparlano e calunniano i disassociati, coloro che per definizione non hanno più libertà di parola, essendo le loro bocche cucite per sempre.
Coloro che non hanno l'opportunità di difendersi di fronte alla congregazione. Coloro verso i quali, molto spesso, si è agito con malvagità ed intolleranza, o forse anche solo con insensibilità...



Ogni chiesa, ogni organizzazione, ogni comunità, tutte hanno il diritto di darsi delle regole (anche ingiuste) e di espellere i trasgressori.
Ma quando al trasgressore espulso vuoi tappare la bocca, allora c'è qualcosa che non va. E' come ammettere che tu, tu stesso, che ti ergi a giudice, vuoi la libertà di sbagliare senza ammettere repliche.

E' in questo contesto che col tempo, ti trovi a riflettere. Riflettere se sia più deplorevole il fuoriuscito calunniatore (che magari cerca una scusa per non rispettare le regole) o il fanatico religioso fondamentalista, che fa della sua presunta relazione con Dio l'arma con cui colpire "a morte" il condannato, emettendo sentenze che potrebbero influire (crede lui) sul suo destino eterno.

La forza ed il coraggio

Ci vuole forza per andare contro un sistema che per anni hai sfacciatamente sostenuto, in barba a qualunque approfondimento si potesse fare "a priori".
Ci vuole forza, ma anche coraggio, a denunciare qualcosa di "ingiusto" (a nostro dire) quando questa ingiustizia viene inconsapevolmente sostenuta da parenti, familiari ed amici di vecchia data.
Un conflitto interiore che non ti dà riposo, non conosce pace, un conflitto che ti soffoca i pensieri e ti priva a volte della lucidità necessaria.
"C'è un tempo per ogni cosa, un tempo per rompere ed un tempo per sanare" è scritto nella Bibbia. Ma quando la marea dei sentimenti prende il sopravvento, anche la bussola e l'orologio dei tuoi pensieri  smettono di funzionare.
La forza ed il coraggio.

Su un sito ho trovato questo ragionamento:

Il coraggio, uno, se non ce l'ha, mica se lo può dare', dice Manzoni giustificando il suo personaggio. La frase è efficace, ma non è del tutto giusta. La paura non è una condanna del destino, né una condizione caratteriale. E' la voglia di non vivere.
Tante volte il pauroso non ha timore delle conseguenze del suo eventuale gesto audace, ma solo del cambiamento che questo produrrebbe. 'Il coraggio, uno, se non ce l'ha...' diventa in questi casi una comoda autogiustificazione.
Nel romanzo di Manzoni, una ritorsione di don Rodrigo colpirà effettivamente il coraggioso fra' Cristoforo, che verrà trasferito in un lontano convento.
Il pavido don Abbondio, invece, non subirà vendette e potrà tranquillamente continuare le sue letture serali sui libri che parlano di Carneade. E' questa la verità: il prete non saprebbe gestire una situazione nuova, come un cambio di paese e di parrocchia.
Tante volte abbiamo paura del nuovo, mentre crediamo di avere paura di una persona. Tante volte si preferisce l'abitudine all'avventura. Ma la tranquillità è cosa molto diversa dalla felicità, che è conseguenza di alti e bassi e di cambiamenti. L'abitudine è solo attesa della vecchiaia, e, quindi, una anticipazione della morte.
Ma, se uno il coraggio non ce l'ha, come se lo può dare?

Bella domanda! Innanzitutto se il coraggio non l'abbiamo, NON dobbiamo sentirci dei vili!
Il timore di rovinare rapporti di amicizia e familiari non è vero timore, ma AMORE che proviamo per certe persone che non vogliamo vedere soffrire o deludere.
Dopo aver fatto "outing" riguardo i miei pensieri sull'organizzazione, so di molti che sono stati addolorati dalle mie parole, alcuni fino alle lacrime.
Mi è capitato anche di sognare alcuni amici che mi rincorrevano piangendo e, afferrandomi, mi supplicavano di "ritornare".  E, sempre nel sogno, io cercavo di confortarli.
Quindi è evidente che tutto ciò che facciamo ha dei risvolti anche dal punto di vista psicologico ed emotivo.

Può darsi che il coraggio arriverà col tempo. Arriverà se ci accorgeremo che non stiamo semplicemente discutendo di scelte personali, ma di un culto che in certi casi ti può spedire diretto in braccio alla morte. Morte, che se fosse per volere di un Dio amorevole, potrebbe (forse) avere anche un senso, ma un senso non ce l'ha se serve solo a farsi sentire "unto" colui che "prescelto dal Signore" non è!

La forza e li coraggio vengono anche dalla partecipazione e dalla comunicazione, dall'unità di intenti e di pensiero. La forza e il coraggio possono nascere anche da sentimenti di amicizia, legami che questo blog ha aiutato molti a stringere.

Quindi, caro lettore, cara lettrice, non sentitevi soli. Migliaia, o decine di migliaia di persone come voi, hanno passato e stanno passando quello che adesso state passando voi. Seguite il vostro cuore che probabilmente non è ingannevole o malvagio come qualcuno vuole farvi credere.

Forza e coraggio !


Vi siamo vicini


                 
               John Connor





* * * * *



Stai leggendo questa pagina da un cellulare?


oppure:


45 commenti:

  1. Oggi, più che mai, ci vogliono forza e coraggio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, John, per le tue parole incoraggianti.
      Questa organizzazione ha stravolto i concetti di forza e coraggio, adattandoli alle loro esigenze.
      Sta a tutti noi, con il nostro esempio e con la nostra ritrovata felicità, dimostrare che le cose stanno diversamente.

      Elimina
  2. Anziano riflessivo
    Davvero toccanti queste parole John.
    Come si evince da alcuni miei precedenti commenti, molte volte mi sento un vile perché grazie a siti come questi, sto comprendendo molte cose circa questa organizzazione, ma comunque sto ancora dentro ed occupo la cosiddetta "poltrona"
    Dall'altro lato è stato bello leggere che spesso non si "lascia" anche per non deludere e per amore di chi vi fa ancora parte ed è pienamente convinto/a.
    In questo mi rivedo
    Spero che un giorno non lontano le cose possano cambiare per poter finalmente dire pubblicamente anche io come stanno le cose

    RispondiElimina
    Risposte
    1. caro amico sincero, tu sei nella posizione migliore per capire come vengano impartite certe direttive, quindi, se possibile, fatti un'archivio personale digitale (protetto da password che solo tu conosci) in modo da raccogliere materiale che un giorno potrai mostrare ad altri, anche dopo che avrai lasciato la "poltrona". Potresti essere di grande aiuto in questo

      Elimina
    2. Se vuoi, puoi mettere a disposizione le circolari e altre informazioni in italiano che spesso citiamo in inglese. Saresti di grandissimo aiuto... sempre se te la senti. Nel blog jwanalyze spesso ho dovuto tradurre le circolari, averle di prima mano in italiano non sarebbe male.

      Elimina
  3. Descrive candidamente ciò che io e alcuni altri nella mia zona proviamo. Il fatto di fare 'outing' però induce i nostri amici di vecchia data a pensare che stiamo tradendo Dio, non che prendiamo le distanze da un pensiero che è molto lontano da quello divino. P.s. John, ti ho lasciato un msg in chat privata su FB-messenger- che probabilmente non hai ancora letto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. caro 1989 non ho ricevuto nessun messaggio su FB, sicuro che l'hai inviata al nome giusto? (ci sono tanti casi di omonimia)
      In caso scrivimi via emai all'indirizzo a piè di pagina

      Grazie

      Elimina
  4. Cari fratelli Giovanni Falcone disse:che le cose siano così,non vuol dire che debbano andare così.solo che quando si tratta di rimboccarsi le maniche è incominciare a cambiare vi è un prezzo da pagare ed è allora che la stragrande maggioranza preferisce lamentarsi piuttosto che fare . Chi tace è chi piega la testa muore ogni volta che lo fa ,chi parla è chi cammina a testa alta muore una volta sola... .noi non dovremmo piegare la testa ,ma come questi uomini che ci hanno rimesso la vita fare la stessa cosa parlare,fare sapere agli altri cosa sta succedendo che siamo in mano a persone senza scrupoli ,abbiamo paura di perdere i nostri affetti più cari ma è proprio su questo che loro contano l'omertà!!siamo stati noi a dare a queste persone tutto questo potere dandogli in mano la nostra vita è quella dei nostri figli ,,dei nostri genitori ,è di tutte le persone che abbiamo portato dentro ingabbiando dentro questa religione assurda .quindi noi abbiamo fatto questo errore è noi dovremmo rimediare ridando la liberta ,se poi vorranno restare sarà una loro scelta .io sono siciliana è credevo che queste cose succedevano solo in certi ambienti ma qui è peggio della Sicilia mafiosa in ogni congregazione sono mafiosi pronti ad ucciderti spiritualmente è togliendoti la tua identità e dignità basta cari fratelli basta !!mi rivolgo ai nominati è a tutti noi prendiamo una posizione , a Palermo si dice aiutati che Dio ti aiuta è chissa che Geova non farà la sua parte , mettiamola alla prova .che Geova ci aiuti è ci protegga .un caro saluto a tutti voi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Cristina, purtroppo torno a dire una cosa che capii anni fa: le nomine uccidono.
      Uccidono i buoni motivi, uccidono la sincerità, uccidono l'altruismo e promuovono gelosie, contese, orgoglio, arroganza e presunzione.
      Rinunciai anni fa alla nomina, dopo averne fatto uso per 4-5 anni, proprio perchè capii che si prestava il fianco a ricatti e minacce, ogni scusa era buona per minacciarti di togliertela.
      Avevo amici splendidi che a causa della nomina sono diventati arroganti e prepotenti, orgogliosi e vanagloriosi, privi di umiltà.
      E' un sistema che sembra religioso (per ogni cosa c'è il versetto preconfezionato) ma che invece risponde a logiche aziendali.
      Le norme cristiane valgono solo per i semplici proclamatori ed i nominati di basso rango (pionieri e servitori di ministero)
      Per tutti gli altri vige una sorta di impunità che aumenta col salire degli incarichi. I membri dei comitati di filiale, ad esempio, possono nascondere magagne e ruberie varie.
      Uno squallore che MAI avrei pensato di trovare là dentro.
      Organizzazione imperfetta? Altra balla preconfezionata per permettere a molti di fare di nascosto i loro porci comodi. Ma una parte (i fratelli onesti) se ne stanno accorgendo. Presto rimarranno dentro solo i "peggiori"... o coloro che resteranno intrappolati dalle maglie dell'ostracismo!

      Elimina
    2. Ciao John, grazie x questo post. Grazie xe l' esortazione giunge a puntino..infatti oggi mi sento estremamente giù di corda e profondamente triste. Mi sento defraudata e tanto sola. Lo so che devo reagire e andare avanti ma la solitudine pesa, una solitudine scaturita sia dalla scelta del mio distacco da questa organizzazione malefica (e mille volte non me ne pento!), e l'altra solitudine più remota, frutto della propaganda della wt di non frequentare quelli del mondo..che oggi mi ha creato un vuoto intorno ...NON li avessi mai ascoltati questi tdg! Anche se ne sono venuta fuori, devo comunque raccogliere i cocci.
      Scusa lo sfogo. Grazie ancora x esserci..tutti voi.

      Elimina
    3. Impegnatevi in qualche hobby, danza, musica, palestra, o qualche forma di volontariato... è difficile dopo essere stati tanti anni indottrinati a diffidare delle persone, ma si può riuscire a fare nuove amicizie con persone splendide, o male che vada, NORMALI!

      Elimina
    4. Ciao Wikipedia.Molti di noi ci sono passati e molto altro ci stanno ancora passando .
      Io ho il grande dolore di aver perso un figlio da quando sono inattiva .
      È terribile , a volte a me è noi marito ci prende la disperazione , ma non possiamo fare niente .
      Loro sono convinti che questo atteggiamento inumano e crudele sia richiesto dall'Iddio Altissimo (ASSOLUTAMENTE FALSO!!!!!).
      Quindi che fare ? Soccombere ? Assolutamente no .
      Come dice Victor ,il mondo è pieno di persone splendide.
      Buttati in qualcosa che ti piace fare (io sono volontaria in un centro antiviolenza), vedrai che troverai persone che ti accetteranno per quello che sei e non per quello in cui credi.
      L'affetto dei tdg è a termine , come i contratti di lavoro .
      Ma in realtà di quel tipo di affetto proprio non sappiamo che farcene .I sentimenti veri e sinceri lí non esistono .
      Nel 'mondo' ho trovato persone splendide che mi danno affetto senza condizioni .
      Quindi cara Wikipedia , buttati, cerca di conoscere persone con cui puoi condividere quello che ti piace , resterai sorpresa dai risultati.
      Col tempo imparerai ad assaporare il meraviglioso sapore della LIBERTÀ. Ti abbraccio .

      Elimina
    5. Ciao wiki, ci sono alti e bassi, almeno qui non dobbiamo fare finta che vada tutto bene. Non disperare, ci sono davvero tante belle persone da incontrare e conoscere. Dobbiamo aprirci agli altri, frequentare nuovi ambienti ed essere selettivi con le amicizie. Personalmente ho conosciuto persone meravigliose da quando non frequento più. Non ho perso nulla neanche sotto questo aspetto

      Elimina
    6. Ciao wiki piacere di conoscerti..sai,pure io nonostante avessi abbandonato questa falsa organizzazione ogni tanto porto con me ancora gli strascichi ma nonostante tutto non mi sento sola a raccogliere i cocci.in questo blog ho avuto modo di conoscere persone straordinarie che mi hanno sempre teso una mano in quei momenti no e mi hanno restituito il sorriso e poi avendo stretto una bella amicizia con alcuni anche in privato,la mia tristezza e svanita e il mio futuro non e più senza una speranza perché non sono piu sola.fa anche tu lo stesso e vedrai che poi mi darai ragione.un abbraccio carissima.ema

      Elimina
    7. Ciao Patty piacere di leggerti.un abbraccio

      Elimina
    8. Cara Cristina leggo i tuoi commenti da un po e li apprezzo molto e ti ammiro.un uomo politico disse il potere logora chi ce l'ha e John ha rimarcato bene il punto.Ad alcuni le nomine non dovevano mai dargliele e quando le hanno avute hanno mandato in malora tanti fratelli rovinando le loro vite.molti si sono montati la testa visto la loro vita frustrata e avendo ricevuto la nomina si sono creduti Dio in terra e hanno agito con crudeltà.Con questo non voglio fare di tutta l erba un fascio perché c e pure chi ha servito con onesta e con nobili motivi ma la stragrande maggioranza purtroppo lo fa con preminenza e arroganza dimenticandosi del vero servitore per eccellenza,il Cristo.cara cri di una cosa sono certa..Dio a suo tempo si ricorderà del male che stanno facendo e pagheranno pure loro.a presto

      Elimina
    9. Ehi amici, grazie infinite x il sotegno e la sensibilità...lo apprezzo molto. Ne avevo tanto bisogno. Oggi va meglio.......anche grazie a voi (:

      Elimina
    10. Ciao, Wiki.
      Sono Ryo. Mi ha fatto molto piacere leggere di te. Ti capisco.
      Se lo desideri, puoi avere il mio indirizzo email da John.
      In bocca al lupo, noi ci siamo.

      Elimina
    11. Wiki, mi fà piacere sapere che stai meglio.
      Credo che questi sentimenti di alti e bassi siano risentiti da molti di noi. Sapere comunque che puoi avere il sostegno di persone - fisiche o virtuali - che ti vogliono bene, ti può riscaldare l'anima.
      Altri utenti ti hanno dato ottimi suggerimenti, non dimenticare comunque di rifarti una cultura (e ve ne sono di cose da imparare!), questo in parte potrà colmare la sensazione di vuoto spirituale.
      Un grosso abbraccio.

      Elimina
    12. Infatti è come dici Socrate...il vostro interessamento mi ha rianimata. Grazie. È troppo bella questa cosa, anche se virtuale riesco ad assaporarne il ristoro. E apprezzo anche i vostri consigli, che in parte avevo già attuato.

      Ryo, grazie x le tue parole e la tua disponibilità. Terrò in considerazione la tua proposta che mi fa molto piacere.

      Elimina
    13. Ciao Wikie, per quanto possa valere, conta anche su di me e la mia famiglia e se ti va Chieri pure la mail a John.
      Un abbraccio da tutti noi...

      Elimina
    14. Scusa se rispondo solo adesso Fineas,....è che non ho avuto il tempo.... Ringrazio anche te x le tue belle parole. ;)) lascio la mia email a John.
      Lo dico anche x Ryo.

      Elimina
    15. Ciao wiki, sai come mi sento sempre più spesso? Come un sopravvissuto. Come se fossi scampato ad un terribile incidente o ad una malattia grave. Sento che la vita rifluisce in me, ricomincio a prendere in mano il mio destino, e provo una grande riconoscenza per essere ancora vivo. Provo la gioia di poter fare tutto quello che faccio e guardo avanti. La mia relazione con i miei figli è sbocciata e passo più tempo che mai con loro.

      Elimina
    16. Sono contenta x te. Ma io ancorq mi domando come abbiamo fatto,Tranquillo, a cedere le redini delle nostre vite a queste volpi del cd ancora non mi capacito. Volontà di Dio ci dicevano. Roba da medievo. Mi viene in mente una cosa: la teoria della società feudale elaborata da un certo Adalberone, un vescovo che nel 1027, x ridefinire meglio il ruolo della chiesa ( che si sentiva minacciata dal potere laico), affermò con un poema che gli uomini erano tutti uguali davanti a Dio ma Dio stesso aveva voluto che la società (sul modello della trinità) fosse trinitaria cioè divisa in tre ordini: i sacerdoti, i nobili e i contadini. Quest'ordine era sacro xe voluto da Dio. E così i poveri contadini accettavano il proprio ruolo umile e misero xe li avevano convinti che questo ordinamento era voluto da Dio. Questa solfa rimescolata la si continua a proporre. Il ruolo del cd è guidare la mandria xe l ha voluto Dio e il nostro ruolo era accettare la guida passivamente e anzi, pure grati di riceverla.... xe così voleva Dio.

      Elimina
  5. Ciao Wikipedia vorrei contattarti in privato. Se lo desideri puoi lasciare la tua mail a John oppure puoi chiedere la mia. Ti abbraccio forte....Anna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anna mi piacerebbe tanto. Grazie, ricambio l'abbraccio. Lascio la mia mail a John.

      Elimina
  6. Ci vuole anche forza e coraggio per abbandonare l'arca di Noè, fin quando non si capisce che non esiste affatto: noi esseri umani siamo per natura ottimisti e guardiamo al futuro, guai se ci fermassimo al pensiero che ci possiamo ammalare o morire da un giorno all'altro. Su questa debolezza o virtù ci hanno speculato in tanti, le banche che hanno rovinato la vita di molte persone facendole investire la ricchezza odierna per avere di più in futuro, le religioni che in vista di una vita migliore rendono ancora più dura quella attuale. E' un meccanismo mentale difficile da superare ma ci si può riuscire.

    RispondiElimina
  7. Io ho trovato molto utile letture di filosofi classici e moderni. La grande musica,il grande cinema,il teatro,le arti in tutte le loro espressioni sono dei potenti mezzi per disintossicare la nostra mente da questa forma di dipendenza che la WTS ha creato. E poi ci sono persone straordinarie nel cosiddetto mondo che esistono...basta cercarle. Credetemi:questo forte disagio mentale iniziale piano piano si sollevera'come un velo, lasciando con il tempo una sensazione di leggerezza mentale e sollievo. Non è facile ma ne vale la pena!!!

    RispondiElimina
  8. gli aforismi sull' "ALMENO PROVARCI" sono quanto meno corretti. è VERO CHE X COLORO CHE SONO NATI DENTRO L'ORGANIZZAZIONE E' TOSTA ALLONTANARSI. Ma si deve provare, altrimenti ci si lacererà la mente, i pensieri. Mentre fuori la vita va avanti. Come hanno detto tanti altri, si può andare avanti benissimo "da fuori". BASTA VOLERLO, BASTA AGIRE.

    RispondiElimina
  9. è un incantesimo come lo è la politica ....nel organizzazione ce solo una grande psicologia ...se si vuole rimanere dentro ...bisogna fare solo finta ..perchè appena ti metti a fare 2+2...è la fine, tutto crolla come un castello di sabbia ....Quando la WT disse : che dovrete ubbidire a direttive che vi sembreranno illogiche ..è come se vi dicessero ..guardate che se fate 2+2 non fateci caso se vi risulterà 5, perchè se ci fate caso vi scoraggerete e scoraggerete gli altri , quella frase è subliminale, ed è un modo per portare la massa sopratutto al ubbidienza già da ora verso il CD , e non solo in futuro su chi ha responsabilità in congregazione, quel esempio era sono un modo indiretto per dirlo a SE STESSI !...Ma gli anziani che razza di direttive dovrebbero dare, CHE SONO ISPIRATI ? SVEGLIA TDG !!!.......il CD sta come su una diligenza, e più andrà avanti e più farà fatica a tenere le redini......altro che l organizzazione va a gonfie e vele !

    RispondiElimina
  10. Anche per me sono giorni grigi purtroppo.
    A volte mi viene un nervoso, altre volte cerco di sorvolare ma quando sorgono contrasti in famiglia non è facile.
    Lo vedo che persone a me vicino non vogliono sapere per paura di scoprire, e si perché siamo abituati a rifuggire piuttosto che ad affrontare.
    Troppo bella la storia di accertarsi, ragionare sulle cose ecc. Qui è cieca ubbidienza.
    Quante volte con convinzione ho detto anche io "noi non siamo creduloni, ci ragioniamo sugli aspetti e se facciamo le cose è perché le abbiamo accettate..."
    Ora mi rendo conto di essere stato vittima di un sistema e meno male che non sono arrivato a nomine ma diverse volte per un pelo.
    Una parte di me manderebbe tutto a ramengo, l'altra vuole sfruttare l occasione per conversare con anziani conoscenti di vecchia data almeno per provare ad aprire gli occhi con domande logiche...cho lo sa ne NEL Tempo potrebbero portare risultati.
    Sto leggendo il libro di Franz e vedere come la dirigenza di pone per affrontare le situazioni fa apparire il tutto per quello che è:l'ufficio direzione attento ad aumentare gli affiliati e senza porgere scuse per profezie non avverate...per non dar da parlare agli opposizioni!
    Cavolo che bella cosa.
    Tutto andava bene, il problema è quando apri gli occhi.
    Ma in un modo o nell'altro "ogni fine è sempre un nuovo inizio".
    Questo me lo devo stampare in fronte e sulle mani per vederlo sempre.

    Forza e coraggio, la vita è troppo breve per farla vivere ad altri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Bereano, volevo dirti che qui ci facciamo forza a vicenda, x cui come l ho ricevuta io pochi giorni fa da tanti di voi ora mi sento di incoraggiare te. Ho capito che l'àncora che ti tiene legato all'org. sono gli affetti.. beh io credo che confrontandoci possiamo imparare a capire ed attuare strategie x risvegliare i nostri cari.
      Tu dici: "la vita è troppo breve x farla vivere agli altri", così (aggiungo io) gli affetti fanno parte delle nostre vite e dunque sono nostri e non ce li dobbiamo far rubare da uomini senza scrupoli. Non so neanche io come fare in verità a contribuire al risveglio. .xe le volte che ci ho provato sono stati scontri a casa ma, come ho scritto nel nuovo post, dovremo limitarci ad essere informativi fornendo elementi validi che col tempo possano portare la persona a ragionare con la propria testa. E poi parlerà anche la nostra buona condotta dando torto alle torri di guardia che a noi fuoriusciti ci dipingono come deviati, se non peggio. Hai letto l'esperienza del nuovo post di ieri?

      Elimina
    2. Bereano io ho fatto mio un brano che può riassumere gli effetti sulla vita che produce la wt...dicevo ad una cara amica del blog che prima lo ascoltavo di nascosto e poi e diventato un inno che chi lo ascolta può aiutare a capire e liberarsi da certe catene..l ho pure suonato ed e di forte impatto per ognuno di noi.anzi mi piacerebbe che venga postato se si può...best of you.foo fighters.da ascoltare e tradurre le parole.

      Elimina
    3. Chiedo scusa anticipatamente per il mio intervento, ma c'è una mia esperienza che sento il bisogno di condividere.
      Sembrerà una sciocchezza, ma dopo più di quarant'anni ancora mi brucia...
      Quando frequentavo la seconda elementare una mia compagna di classe morì per un cancro al cervello.
      Ricordo quando sua mamma venne a prenderla a scuola per fare una visita medica per degli strani disturbi ad un occhio, quado fece ritorno a scuola dopo l'intervento chirurgico e poi una maledetta mattina quando a scuola seppi che era morta. A sette anni.
      Ogni anno durante le elementari la maestra faceva una colletta per acquistare dei fiori da portare sulla tomba di questa bimba.
      Io non portavo i soldini per i fiori, perchè i miei genitori non me li davano, perchè ritenevano questa una pratica legata alla falsa religione.
      Il papà di questa bimba in segno di riconoscenza per i fiori portava a scuola dei dolci, che venivano offerti anche a me che li mangiavo con grande imbarazzo... me ne vergogno ancora.
      Per fortuna ho evitato certi integralismi per i miei figli.
      Adesso ho capito che la WT ha insegnato solo insensatezze e questo episodio è solo un esempio dell'anaffettività propugnata e propagandata dai testimoni di Geova.
      Buonanote a tutti.

      Elimina
    4. Leo, xe scusarsi..anzi.. grazie di aver condiviso i tuoi sentimenti...
      esternare i nostri sentimenti e le nostre frustrazioni derivate dalle assurdità dell'insegnamento wt ci fa bene xe, in tema con il post, possiamo darci sostegno a vicenda. Ti capisco quando dici che ti bruci ancora..ma eri solo un bambino condizionato...
      Tutti noi, in nome di questo culto, ne abbiamo subìto ma anche promosse di assurdità.

      Elimina
    5. ho ascoltato ieri un bel video di Piergiorgio Caselli, sulla superiorità del far dipendere il pensiero dalla coscienza, ivece di educare la coscienza sottomessa al pensiero...la wt ha creato dei mostri sovvertendo l'ordine naturale...

      Elimina
    6. Hai perfettamente ragione cara lelvira.Per questo c e tanta gente rovinata in questo sistema wt.ESsa nel tempo ha creato automi che rispondessero a degli ordini precisi senza se e senza ma a cui non e permesso dubitare o fare domande ma solo mostrargli ubbidienza ciecA.SOno come dei drogati che non hanno piu il controllo della loro mente e delle loro azioni e che aderiscono a certi standard educativi pure dalla piu tenera età.come dici tu sono stati creati dei mostri con i fili invisibili che si fanno manovrare da un abile marionettista.davvero sconcertante!

      Elimina
  11. Scusate se mi intrometto senza presentarmi. Da quello he si legge nella descrizione del sito, il blog é amministrato da tdG attivi e non. Ora, se ritenete la "WT" una azienda frutto del demonio ecc ecc. Perché semplicemente, non ne uscite? PS. Da testimone di Geova io e la mia famiglia (anch'essi tdG) abbiamo sempre portato i fiori sulla tomba dei nostri cari morti, ora, senza urtare i sentimenti di nessuno... Non si può dare la colpa all'organizzazione in sé, se si ricevono insegnamenti idioti dai propri genitori in errore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro anonimo delle 10.03 in parte hai ragione. Vorrei farti notare la tua tendenza (innata per i TDG) ad emettere giudizi (non ti sto accusando). E chi ti dice che non siamo già tutti fuori? (Sto usando un'iperbole)
      Innanzi tutto ti faccio notare che in migliaia sono stati Disassociati solo per aver espresso in pubblico il dubbio che il corpo direttivo sia davvero guidato da Dio. Non è una diceria, in molti che scrivono su questo blog hanno vissuto questa esperienza. Per il resto prenditi il tempo per leggere gli altri articoli di questo blog anche usando l'indice argomenti nella colonna a lato e cerca obiettivamente di discernere tra accuse vere e quelle false che molti muovono all'organizzazione. Prenditi il tempo e valuta da te. Tre anni fa iniziai a postare su un forum esattamente le frasi che hai scritto tu oggi... Poi col tempo mi sono preso la briga di verificare uno per uno tutti gli insegnamenti che per anni ho proclamato, anche dal podio... ed ho capito che... Mi fermo qui, il resto scoprilo da te. Un caro saluto

      Elimina
    2. Ciao anonimo. Fatto sono uscito. Dissociato ad inizio ottobre, puoi trovare la mia lettera di dissociazione qui https://jwanalyze.wordpress.com/2016/10/01/1-ottobre-2016/


      Ora però, detto questo, con tutto il rispetto ma sai benissimo perchè non è così semplice uscire dai TdG dato che tenete in "ostaggio" parenti ed amici. Io ne sono uscito perchè mi sono ritenuto pronto ad affrontare le "conseguenze" della mia scelta. Ma io e mia moglie abbiamo perso in pratica tutta la famiglia, genitori, fratelli e sorelle. "Amici" che basta un annuncio dal podio per non parlarmi più non me ne faccio nulla, ma la famiglia sinceramente... Ora che tu venga a dire qui con tanta nonchalance "ma perchè non ve ne uscite" sinceramente fa un po' rabbia, guarda. Togliete la sanzione dell'ostracismo e poi ne ripalriamo, mentre vi contate in quanti siete rimasti. Ma è molto più facile fare il saccente, vero? Scusa se ti parlo così duramente ma certe cose veramente non le posso sentire.

      Ora, detto questo, io non ritengo la WT un'azienda del demonio, dato che, per me, il demonio manco esiste. E' solo una setta in stile americano, come ce ne sono tante altre simili, sempre made in USA, come i mormoni e scientology, ad esempio (anzi ti consiglio di andare a vedere i documentari su queste sette per renderti conto di tante cose, Meet The Mormon e Going Clear ad esempio).

      Poi non capisco cosa significhi: "Non si può dare la colpa all'organizzazione in sé, se si ricevono insegnamenti idioti dai propri genitori in errore". Ah no? Cioè l'organizzazione mi insegna una dottrina idiota, dopo che sono stato indottrinato fin dall'infanzia a credere che sia la sola e unica organizzazione di dio, dopo che non posso mettere in discussione tale dottrina e informarmi da fonti che non siano WT, io la insegno a mio figlio e poi la colpa sarebbe mia? Certo che ci vuole una bella faccia tosta a fare certe affermazioni!
      Di nuovo: invece di tacciare di apostasia chi dissente sulle dottrine o sulle interpretazioni del Magnifico Corpo Direttivo, dai la possibilità di dissentire liberamente e di informarsi ad altre fonti, togli la sanzione dell'ostracismo a chi non è d'accordo con un'interpretazione e poi ne riparliamo.

      Fino a quel momento, mi dispiace ma stiamo parlando di aria fritta.

      Elimina
  12. ex fedel sino alla fine23 novembre 2016 22:26

    Buonasera,
    volevo chiedere un'informazione; il libro "potete vivere per sempre su una terra paradisiaca" è visto attualmente come un libro "maledetto" e quali sono le motivazioni se così?
    Grazie, pace a amore a voi tutti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, "maledetto" no, ma è pieno di intendimenti falliti, quindi è stato necessario contattare l'enel per avere nuova luce. XD
      Sono "vecchie verità"...

      Elimina
    2. Sono rimaste con le alogene ora c e il led e bisogna aggiornarsi con la luce..

      Elimina
    3. Tra la bomba blu e il libro.. potete vivere su una terra paradisiaca ....hanno avuto un grande successo da premio nobel.

      Elimina
    4. Sono ormai del "classici", irrinunciabili nelle proprie biblioteche. credo di averli ancora in qualche parte della casa. ammuffiti. li tengo come reliquie magari mi tornano utili in futuro. bagsy

      Elimina

E' OBBLIGATORIO INSERIRE NEL CAMPO Nome/URL UN NICK con cui firmarsi. Non usate termini scurrili, insulti, calunnie, incitamenti all'odio razziale ed alla violenza, e NON menzionate la persone per nome o cognome reali. Sono vietati lo spamming, il copia-incolla ripetuto, i link a siti non approvati dalla redazione, i messaggi provocatori.
Altrimenti i post non saranno pubblicati o verranno cancellati.
La moderazione dei commenti è insindacabile ed a cura della redazione del blog. Se i vostri commenti non vengono pubblicati potete chiedere spiegazioni scrivendo alla redazione (vedi "come commentare" in alto nella colonna a sinistra)

Grazie

L'indirizzo email del blog lo trovate in fondo alla pagina (non nella visualizzazione per cellulari)