Usando questo sito, dichiarate di aver letto il Disclaimer e le norme sulla Privacy relativa ai contatori Shinystat e whos.among.us


Per capire come "nasce" questo blog, leggere le pagine info sul blog nella colonna a sinistra
Un
archivio del blog, con tutti i post fino ad oggi pubblicati, elencati per mese, lo trovate in fondo alla pagina

NORME relative ai commenti alla pagina "COME COMMENTARE"

“Non c’è nulla di male se una persona cerca di confutare gli insegnamenti e le pratiche di un gruppo religioso che ritiene in errore”. (Svegliatevi! 8 settembre 1997, pagina 6)

venerdì 20 maggio 2016

Trasfusioni di sangue e comitati giudiziari


PERLE DAL LIBRO KS


Tutti sappiamo che il divieto per un Testimone di Geova di sottoporsi ad una trasfusione di sangue viene sanzionato disciplinarmente. Quello che non tutti sanno, è che l'organizzazione NON può espellere un membro perchè ha accettato una terapia che può salvargli la vita...



Il KS ed. 2010 (manuale ad esclusivo uso degli "anziani" di congregazione), recita quanto segue a pag. 111

Se qualcuno assume sangue volontariamente, magari perche ́ sottoposto a fortissime pressioni, il comitato dovrebbe accertare i fatti e cercare di comprendere i ` pensieri e i sentimenti della persona. Se questa è pentita, il comitato le darà assistenza spirituale nello spirito di Galati 6:1 e Giuda 22, 23. Dal momento che la persona e` spiritualmente debole, per un certo tempo non sara` idonea per avere speciali privilegi, e potrebbe anche essere necessario negarle certi privilegi basilari. A seconda delle circostanze, il comitato potrebbe anche dover disporre che sia fatto questo annuncio alla congregazione: “Gli anziani hanno trattato una questione che riguarda
[nome e cognome]. Sarete lieti di sapere che pastori spirituali si stanno adoperando per dare assistenza”. Se invece gli anziani del comitato stabiliscono che la persona non e` pentita, dovrebbero annunciarne la dissociazione.


Questo ci fà capire che chi assume sangue NON riceverà MAI una disassociazione. Semplicemente perchè è una norma ILLEGALE, e chi la promuove NON vuole prendersi nessuna responsabilità di fronte alle autorità secolari.
Infatti si viene considerati dissociati, ed in questo caso non ci saranno i 7 giorni canonici per presentare appello. Se l'adunanza di servizio si tenesse quella sera stessa, l'annuncio potrebbe essere fatto immediatamente. Infatti subito sotto, a pagina 112 leggiamo:

Dato che la dissociazione e` un’azione intrapresa dal proclamatore anziche ́ dal comitato, non e` prevista la possibilita` di appellarsi. Percio` l’annuncio di dissociazione puo` essere fatto alla prima adunanza di servzio senza che debbano passare sette giorni. Si dovrebbe comunicare subito alla filiale la dissociazione usando i moduli appositi.

La "dissociazione coatta", anzichè l'espulsione con disassociazione, è una pratica ricorrente per tutte quelle trasgressioni che non possono ritenersi tali per i governi secolari, ad esempio:

-neutralità
-partecipazione ad altre usanze religiose
-lavori secolari non consentiti

sempre a pagina 112 si legge:

Se la persona si unisce a un’organizzazione non neutrale, si dissocia. Se il suo lavoro la rende complice di attivita` non neutrali, in genere le si dovrebbe concedere un periodo di tempo, fino a sei mesi, per fare i cambiamenti necessari. Se non li fa, si e` dissociata.

Non assumersi la responsabilità di espellere una persona, ma agire in maniera contorta affermando che essa si è dissociata, la dice lunga sull'amorevole interesse del corpo direttivo per i proclamatori.

Inoltre, una volta dissociati per aver assunto una trasfusione, il familiare che ormai è un ex, non va mai più contattato, neppure per email, come dice il libro di testo sotto indicato:








* * * * *




Stai leggendo questa pagina da un cellulare?



oppure:






38 commenti:

  1. Come espellere i proclamatori restando con le "mani pulite"...

    RispondiElimina
  2. Un'altra pugnalata alle spalle..

    RispondiElimina
  3. Un modo soft e ingegnoso di ucciderti senza far troppo rumore

    RispondiElimina
  4. Quello che non ho mai capito e' come capiscono il pentimento di una persona quando si accetta una trasfusione per salvare un bambino.
    Quale e' il motivo secondo loro di tale scelta?
    Il dolore di una coppia di genitori non e' per tutti uguale?
    Perche' una cosa cosi personale deve essere esposta ad un comitato?

    Non potrebbero lasciare una scelta cosi importante alle persone e alle famiglie specialmente visto la mole di errori fatti in diverse interpretazioni?

    Vorrei chiedere al corpo direttivo perche' una persona che commette adulterio non e dissociata automaticamente? E' chiaro che a seconda della convenienza adattano Dio e le scritture.

    Sanno benissimo che la liberta' di religione e' sacrosanta. Sanno che negano questo diritto alle persone e allora nel loro sito mettono una spiegazione incompleta su come praticano l'ostracismo.

    Per queste ragioni credo che questa organizzazione non e' Cristiana e non ha niente a che fare con Dio.

    RispondiElimina
  5. Ma se uno è "pentito" di essere rimasto in vita... le opere di pentimento quali sarebbero? Il suicidio giusto? ;o)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se ci immaginiamo la situazione. Una famiglia che non solo deve combattere una situazione spiacevole. La devestazione e' completa quando possibilmente non vengono creduti del "pentimento".

      Cosa puo dire un genitore? Io direi:

      Nonostante in Atti si dice di astenersi dal sangue altre scritture indicano che Dio e misericordioso e ci sono tanti esempi di Gesu' suo figlio di questa misericordia. La mia coscienza mi dice di salvare mio figlio.

      Mi aspetterei che la mia coscienza fosse rispettata. Ma i 7 dii devono condannare perche' non seguo le loro idee/opinioni/fantasie.

      Come se semplici uomini posso leggere il cuore?

      In parte me la prendo con me stesso. Come ho fatto a stare per anni con questa organizzazione? Le assurdita' sono tante e importanti.

      Elimina
    2. Ammazzati tu che io ti aiuto...cosi sarebbe la sintesi del cd

      Elimina
    3. Per chi avesse ancora qualche dubbio sulle amorevoli disposizioni degli scrittori e poi avvallati dai dirigenti della wts, vi faccio notare che per la lealta esigono sacrifici umani,anche se sottoforma diversa ma sempre sacrifici umani sono,meditate gente meditate.

      Elimina
    4. Astenersi dal sangue non è da prendere in senso letterale....

      Elimina
    5. Ottima osservazione quella di filemone.
      Perché in caso di adulterio si prendono la briga di formare un comitato giudiziario e per il sangue considerano il trasgressore "dissociato"?
      Nel primo caso è in tutti quelli che vengono considerati questioni morali,sembra che la WTS voglia ostentare la sua presunta purezza agli occhi di chi non è testimone di geova,il messaggio è "vedete? Noi siamo diversi! "
      Il caso del sangue invece è una patata bollente che viene passata al malcapitato testimone che attraversa un momento di disperazione e oltre al danno per la sua salute si ritrova la beffa di essere incasellato come dissociato.
      Il termine patata bollente credo sia appropriato per la questione del sangue,perché ho l'impressione che la WTS è così che considera questa questione,un ennesimo intendimento da cambiare ma al momento i tempi non sembrano essere maturi,bisogna farlo gradualmente (vedi il caso delle frazioni delle frazioni)
      Se il nuovo intendimento arrivasse oggi chi glielo va a spiegare ai familiari delle centinaia di morti che hanno aderito a questa dottrina?
      Un colpo di fortuna per la WTS sarebbe se gli scienziati inventassero un sangue sintetico.

      Elimina
    6. è proprio così la WT deve sperare che la scienza sostituisca definitivamente le trasfusioni ....perchè se cambiano intendimento dovrebbero spiegare il perchè e farlo bene ....oppure che fanno ? magari per esempio vanno su info tdg di achille lorenzi e fanno un copia e incolla (-: ...l unica strada per loro sarebbe lasciare la coscienza individuale a decidere , senza sanzionare come era prima del 1961 .....TW 1959 pagina 447.... (cartaceo )

      Elimina
    7. L'organizzazione e' molto selettiva e furba nel fare conoscere trasparentemente le proprie procedure.

      SA benissimo che la liberta' di religione e' un diritto umano, allora nel sito non specificia le senzioni per chi lascia di propria volonta'.

      Dipinge tutti quello che lasciano come persone che non vivono con buoni standards.

      Per il sangue, ormai in sordina non disassociano quasi nessuno. Conosco di tanti fratelli che hanno fatto trasfusioni. Come mai prima c'erano piu' disassociazioni?

      Ma poi se uno non si dissocia, come fanno a dire si e' dissociato automaticamente. Un fratello noon puo' obiettare perche' affettivamente non era la sua volonta'?

      Questo trucchetto e' fatto cosi possono dire che la scelta e' libera. Quando invece c'e' un ricatto quando una casa. Se fosse libera non ci sarebbero sanzioni.

      Elimina
    8. Ma il problema è il forte condizionamento e la paura di venir meno di fronte alla comunità.

      Elimina
  6. Io (per fortuna) non ho mai trattato casi sulla trasfusione, e in realtà anch'io mi sono sempre chiesto in che modo, se qualcuno avesse ceduto a trasfondersi o a trasfondere il proprio figlio, avrebbe potuto dimostrare il pentimento.
    Ricordo una situazione dove un mio caro ex amico (amico d'infanzia anch'egli anziano amici da prima di diventare TdG e che ora ovviamente mi ha cancellato) si è trovato quasi a dover decidere di far trasfondere la moglie. Mi prese sotto braccio e in una lunga camminata nella corsia d'ospedale mi disse " se si rende necessario io faccio trasfondere mia moglie...senza di lei la mia vita è finita"...io lo guardai in faccia e gli dissi (ero già anziano ai tempi) "caro amico mio io non ti giudicherò mai per la tua scelta...anzi ti capisco fino in fondo...farei uguale".
    Ecco questa esperienza mi ha insegnato che la questione del sangue è davvero un'argomento troppo grande per essere trattato da un gruppo di uomini anzianotti che si arrogano il diritto e potere di gestire, secondo loro attraverso lo Spirito Santo, milioni di persone.
    Ecco, sanno bene che per queste questioni non si può essere disassociati e tutti quelli che accettano o accetteranno una trasfusione gli basterà dire..."MI PENTO NON LO FACCIO PIU'"...alla faccia di tutti quelli che sono morti per questo..
    Saulo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono questioni troppo gravi e personali per poter giudicare...
      non dimenticherò mai una sorella di 32 anni morta anni fa in Polonia per non fare la dialisi...io ho fatto di tutto per far capire alla famiglia che non aveva senso, ma un po' la difficoltà della lingua un po' la ferma decisione della ragazza, è morta così...
      Devo dire che per quanto fossi ancora "ortodossa" questa cosa mi ha scossa moltissimo e mi ha fatto cominciare a riflettere.
      Isuoi anziani hanno pianto con lei, ma nessuno ha cercato di spiegarle che era un sacrificio inutile...anche loro la pensavano come lei.

      Elimina
    2. E' fin troppo evidente che il considerarlo dissociato è solo un escamotage per poter dire che loro non c'entrano...

      Elimina
    3. È tutta una truffa perché poi se accetti la trasfusione vengono a chiederti se sei pentito…
      È un comitato giudiziario mascherato per lavarsene le mani come Ponzio Pilato

      Elimina
  7. E poi mi sono sempre chiesto, ma se io come amministratore di sostegno, avessi sostenuto la decisione di un mio fratello/sorella nel rifiutare una trasfusione e poi questo/a fosse morto/a....come avrei mai potuto vivere il resto della mia vita?
    Non è mai successo ringraziando Dio, altrimenti conoscendomi i sensi di colpa mi avrebbe ridotto a 0.
    Saulo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Loro ti dicono che farsi una trasfusione si corre dei rischi ...e astenersi dal sangue è una salvaguardia e che il principio biblico ci aiuta da queste conseguenze....peccato però che con tutto questo, con la bibbia non centra un bel nulla ....perchè il principio biblico è solo per rispettare una simbologia ....dunque se io decido di farmi una trasfusione ...SONO FATTI MIEI !! so di correre dei rischi come con tutte le altre cure ..ma qui non si pone un problema morale , ma sanitario .....e poi quelli della WT per non contraddirsi , hanno dovuto vietare perfino di farti prendere il tuo di sangue , almeno che non hai la macchina con il sistema circolatorio che non fa uscire il tuo sangue a contatto con l ambiente , ...ma ditemi voi ..ma a chi siamo in mano ? questi signori sono vittime di vittime e continuano a far vittime , di una interpretazione letteralistica ASSURDA .....altro che trinità e inferno , questi hanno fatto molto peggio .

      Elimina
    2. Interessante osservazione Saulo, mi chiedo a qusto punto che differenza passa tra l'eutanasia o morte assistita e l'amministratore d sostegno. Comunqe dietro al comando sul sangue esiste una realta' parallela, quella della sperimentazione dei sostituti del sangue e del mercato di cavie umane volontarie (tesserino niente sanngue). Fate ricerche su questi argommenti: Lorenz Reibling, Hemopure e Marina Militare Usa, ne scoprirete delle belle!

      Elimina
  8. Dissociazione invece di disassociazione, ,,,,, più vado avanti e più mi fanno schifo

    RispondiElimina
  9. Dissociazione o disassociazione non fa più differenza per gli altri..cosi quando si dice che non è più testimone la maggioranza pensa che la persona ha commesso fornicazione e reputa giusta la disassociazione..nessuno si domanderà il vero motivo..e poi intanto il suo nome rimane infangato per sempre..tanto non potrà parlare più con nessuno.. E se parlerà non verrà creduto..e se vorrà tornare, si dovrà rimangiare le idee passate, e anche se sono stati commessi degli errori di valutazione è normale, purtroppo "siamo imperfetti"..

    RispondiElimina
  10. Questa disposizione della dissociazione è nata in seguito all'affare del sangue in Bulgaria. Per sostenere che non ci sono sanzioni da parte della WTS per chi accetta trasfusioni. In questo modo si può dire che uno si è dissociato, quindi ha fatto tutto da sè. Sono cavilli da legulei per sostenere che non si è mentito alla Bulgaria. Cosa che invece hanno fatto, dato che la sanzione non è la disassociazione ma l'ostracismo.
    Riguardo al sangue vorrei aggiungere che gli ebrei ortodossi,quelli che ancora contano i passi che fanno di sabbath, capiscono bene che non assumere sangue è un comando divino, ma che salvare una vita umana è anche un comando divino che permette di infrangere la Legge. Come ha mostrato Gesù, ci sono circostanze in cui era lecito infrangere il sabbath (guarire una persona), con la stessa logica si può infrangere il comando del sangue. Una cosa è mangiarlo, altra è salvare una vita.

    RispondiElimina
  11. qualche anno fa un un noto anziano della zona, ebbe un problema urgentissimo di salute. Un codice rosso con l'ambulanza. E GLI FECERO UNA TRASFUSIONE, SENZA AVVISARE NESSUNO.
    Adesso deve ringraziare a malinquore quei dottori, se è in vita.
    Molti anni fa invece ero in ortopedia in un ospedale, mentre passeggiavo nei corridoi, guardando nelle stanze altri degenti, riconobbi un degente (fratello d fede), con una sacca di sangue attaccata, ed i parenti affianco. Non dissi nulla, ma ci guardammo x qualche secondo, e ci rincontrammo diverse volte alle assemblee, complici di questo segreto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando ero a Roma per un tirocinio in ospedale ebbi l occasione di conoscere una famglia che la figlia venne trasfusa ed erano testimoni di Geova.con tutta onesta non mi sono permessa di giudicarli e tantomeno fare la spia..anzi dissi che ero pure io una sorella e che loro dovevano preiccuparsi a curare loro figlia come meglio opportuno e srarle vicino e non condannarla.pensate poi la sorpresa che quando usci dall ospedale la sorella,isuoi genitori mi invitarono a casa loro..

      Elimina
    2. L argomento delle trasfusioni e stato sempre dibattuto negli anni..ormai tanti medici con le tecnologie avanzate fanno si che chi osserva questo comandanento aberrante possa servirsi di terapie alternative cosi che venga rispettata questa specie di volontà.per una mia triste esperienza personale accaduta 24anni fa,ancora mi e rimasto impresso il ricordo nel reparto di ematologia dove il sangue era urgentissimo e importante e la religione non fa testo..in quel periodo vi fu poi lo scandalo delle trasfusioni infette,che l allora ministro della sanita per le mazzette ricevute sapeva di un grosso giro di partite di sangue non controllato che fece sobbalzare l opinione pubblica tra cui tanti testimoni di Geova pronti a condannare medici e loro fratelli che si erano fatti trasfondere che poi morirono.mio fratello morì per complicazioni subentrate dopo il trapianto..non ci fu più niente da fare.quello che mi impressiono fu l atteggiamento dei medici nei confronti di mia madre e le mie zie che all wpoca erano solo loro testimoni che cercavano di condizionare mia madre e mio fratello,quasi come a colpevolizzarlo che le trasfusioni facevano male,ma lui accetto le cure.i medici furono severi con i miei e questo fin da allora mi colpi..e cosi crebbe in me il desiderio di aiutare gli altri approfondendo gli studi in ambito sanitario e infermieristico.durante imei tirocini in ospedale ho potuto toccare con mano le sofferenze di tante persone e l esperienza su riportata e solo una di diverse che ho potuto vedere con i miei occhi dove la religione deve essere messa da parte una buona volta perché la vita e molto più importante.Dio ce l ha donata e va custodita e protetta con tutte le nostre forze e nessuno ci deve dire che cosa ne dobbiamo fare e come dobbiamo averne cura e tanto meno giudicare gli altri

      Elimina
    3. Che il sangue faccia bene o male sarebbero fatti privati , ognuno si cura con cosa gli pare ...e si prende i suoi rischi ...la WT dovrebbe finirla di nascondersi dietro alle cure alternative ....che per carità io sarei anche favorevole come qualsiasi essere umano ........ma con il comando biblico non centra un bel nulla , quello del sangue è un comando simbolico ...ma la WT ne ha fatto una questione di vita o di morte.

      Elimina
    4. Il tutto si puo' risolvere lasciando che la scelta sia individuale. Ma la voglia di essere signori della fede degli altri e' forte. Si e' creato una specie di sinedrio moderno e le scelte di vita e di morte devono passare da questi signori.

      Elimina
    5. Ciao filemone ...il grosso problema, che essere TDG significa essere SCHIAVI delle convinzioni di un CD , che si definisce illuminato da più 1 secolo . Luca cap 6 v 39.

      Elimina
    6. Caro riflessivo so cosa vuoi dire. Ci sono passato pure io. Ma appena ho capito che stavo sbagliando ho fatto marcia indietro. Io prendevo per oro colato quello scritto sulle riviste. In servizio una persona mi ha detto delle cose. Io ho risposto come fa qualsiasi testimone. Ho detto che sono dicerie dette da persone che criticano l'organizzazione. Ho fatto una ricerca su google su Charles Taze Russell. Immediatamente ho visto la piramide dove e' sepolto. Ho fatto ricerche sulle varie date per la fine e come ci sono arrivati. Ho capito subito che queste persone del corpo direttivo sono degli illusi e non sono assolutamente guidati da Dio. Allora non ho piu' potuto predicare quello che non potevo difendere. Io capisco che si e' schiavi, manipolati. Ma quello che mi chiedo e' come non si puo' avere empatia per altri esseri umani?
      I fratelli non si accorgono che siamo nel 2016? Come si fa solo a pensare di non fare una trasfusione se assolutamente necessaria se un altra persona come noi ci dice che non si puo' fare. Non si rendono conto che tutte le cose cha hanno dette sono state cambiate perche' errate? Fino a che punto si puo' essere ciechi? Io non dico di buttare tutto. Ma se si ama Dio si dovrebbe agire immediatamente per comportarsi da Cristiani e da esseri umani. Non ci deve essere un elite che stabilisce cosa credere o no. I Cristiani sono compagni di fede e nessuno si deve permettere di mettere leggi che non si posso criticare. Che tipo di sistema Gesu' ha opposto? Cosa non andava della mentalita dei farisei? L'organizzazione ha creato una versione moderna di quel sistema.

      Elimina
    7. Per la WT ..un semplice dissenso significa apostasia ......alcuni ex ci hanno messo la faccia perdendo tutto ( famiglia , parenti, amici ) dando prove che la WT si sbaglia ....ma loro ti dicono che la veduta dello schiavo è questa, e che dobbiamo ubbidire ....a sto punto non si è più schiavi di un DIO , ma schiavi di persone presuntuose ed illuse , che di conseguenza continuano ad illudere , tutti quelli che hanno venduto il loro cervello, ad una delle tante organizzazioni umane.

      Elimina
  12. A conferma e ad ulteriore sostegno, se ve ne fosse ancora bisogno, di quanto detto nel post, vi racconto 2 storie che hanno un denominatore comune. In 2 congregazioni 2 TdG furono disassociati, ops "dissociati", per violazione della neutralità cristiana. Entrambi i comitati giudiziari avevano ben documentato nelle loro risoluzioni di "dissociazione coatta" le motivazioni delle loro decisioni di espulsione. Quando "le carte giudiziarie" giunsero a Roma, immediatamente partirono le direttive per l'insabbiamento. Eccole:
    1) "Cari fratelli, Vi preghiamo di riscrivere la risoluzione riguardante la dissociazione di ..... La risoluzione dovrebbe essere così composta: "Il comitato giudiziario della congregazione di .... il ....ha preso nota della dissociazione di ......per violazione della neutralità cristiana. .... Nell'archivio della congregazione dovreste tenere solo copia della risoluzione che invierete a noi. DOVRESTE DISTRUGGERE OGNI ALTRO INCARTAMENTO... Anche noi terremo nel nostro archivio soltanto la risoluzione che ci invierete. ...."

    2) Cari fratelli,abbiamo dinnanzi a noi la pratica di dissociazione del fratello..... V'informiamo che non possiamo accettare la vostra risoluzione nella forma in cui l'avete compilata. IN QUESTI CASI, di violazione di Isaia 2:4, la risoluzione deve semplicemente dire che:poiché è stata violata la neutralità la cartolina del proclamatore tal dei tali viene tolta dall'archivio dei proclamatori attivi e posta nell' archivio dei proclamatori inattivi. Questo è ciò che dovete dire nella risoluzione che inviate. Se voi avete una copia della risoluzione con data ... e una copia del verbale che ci avete inviato, VI PREGHIAMO DI DISTRUGGERLE, ESSENDO ESSI DOCUMENTI DELICATI CHE POTREBBERO FARCI INCONTRARE DIFFICOLTA'. Nell' archivio deve rimanere solo la copia della risoluzione formulata come abbiamo indicato sopra. In attesa di questa nuova risoluzione, certi anche che DISTRUGGERETE TUTTO CIO' CHE AVETE RIGUARDANTE QUESTO CASO......(Il maiuscolo è mio).
    (Le copie di queste lettere sono riprodotte nel libro "I Testimoni di Geova tra mito e realtà vittime o artefici dell'intolleranza religiosa?"di A.Aveta/F.Grottola/S.Pollina)

    Una continua dissimulazione della realtà: al pubblico si dice che è una scelta di coscienza, ma poi quando qualcuno decide di esercitare questo diritto, viene sanzionato, ma per non avere problemi legali hanno trovato questa scappatoia, questo escamotage di dire non l'abbiamo espulso, ma si è dissociato. Falsi, bugiardi ed ipocriti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che siamo alla nuova frontiera per eliminare i comitati giudiziari antiscritturali. Le persone vengono automaticamente considerate dissociate se violano le disposizioni della WT. Non c'è bisogno di spiegazioni a nessuno e non c'è bisogno di aspettare una settimana per l'appello. Si invia il modulo alla congregazione centrale con la scrittura che indica la violazione e buonanotte ai suonatori. Buonasera a tutti.

      Elimina
  13. Risposte
    1. La WT...un ISIS dottrinale.

      Elimina
  14. Nuova disposizione per il tesserino per il suicidio ...scusate per il sangue ...ora oltre averne uno per te, lo devi dare al tuo amministratore di sostegno da tenerlo in archivio , un modo più sicuro per aiutarti a morire.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Me lo ha portato a casa mia moglie ...lo usato per accendere la stufa.

      Elimina

E' OBBLIGATORIO FIRMARSI CON UN NICK (QUALSIASI) Non usate termini scurrili, insulti, calunnie, incitamenti all'odio razziale ed alla violenza, e NON menzionate la persone per nome o cognome reali. Sono vietati lo spamming, il copia-incolla ripetuto, i link a siti non approvati dalla redazione, i messaggi provocatori.
Altrimenti i post non saranno pubblicati o verranno cancellati.
La moderazione dei commenti è insindacabile ed a cura della redazione del blog. Se i vostri commenti non vengono pubblicati potete chiedere spiegazioni scrivendo alla redazione (vedi "come commentare" in alto nella colonna a sinistra)

Grazie

L'indirizzo email del blog lo trovate in fondo alla pagina (non nella visualizzazione per cellulari)