Usando questo sito, dichiarate di aver letto il Disclaimer e le norme sulla Privacy relativa ai contatori Shinystat e whos.among.us


Per capire come "nasce" questo blog, leggere le pagine info sul blog nella colonna a sinistra
Un
archivio del blog, con tutti i post fino ad oggi pubblicati, elencati per mese, lo trovate in fondo alla pagina

NORME relative ai commenti alla pagina "COME COMMENTARE"

“Non c’è nulla di male se una persona cerca di confutare gli insegnamenti e le pratiche di un gruppo religioso che ritiene in errore”. (Svegliatevi! 8 settembre 1997, pagina 6)

sabato 2 gennaio 2016

I testimoni di Geova apprezzano veramente il voto matrimoniale?





un articolo pubblicato sul sito www.jwsurvey.org (traduzione)

Lo scorso anno, ho dato inizio alla mia uscita dai Testimoni di Geova. Questo mio passaggio verso l’inattività non è passato inosservato.
Alcuni compagni di fede ed amici hanno detto: "Attenzione. Satana sta lavorando tuo marito per trattenerti dal servire Geova ".
Perché questi avvertimenti drastici? Forse era un uomo violento, mi impediva di frequentare le adunanze? Forse mi urlava contro e mi impediva di predicare? Ha cercato di minare la mia fede con idee apostate, al posto di verità bibliche?
La risposta a tutte queste domande è un sonoro "no!" Era lo stesso uomo che avevo sposato, amorevole, laborioso, onesto, e morale. L'unica cosa che era cambiata era che lui, un anno prima, aveva abbandonato la religione della sua giovinezza, senza nessuno sbaglio, disciplina o spiegazione...




La sua uscita ha innescato un cambiamento nel modo in cui i compagni di fede hanno visto il nostro rapporto. Per un anno, ho creduto di avere un incredulo ostinato come un coniuge.

Ho sempre pensato che nel popolo di Geova la disposizione della famiglia, compresa l'unione coniugale, fosse tenuta in alta considerazione anche se uno dei due era un non credente. Eppure, questa esperienza personale mi ha fatto ricredere. Mentre cercavo di trovare un equilibrio nel mio nuovo ruolo, ho ricevuto una grande pressione volta a lasciare mio marito.

Questo mi ha fatto sorgere delle domande: i testimoni di Geova disgregano le famiglie? Consentono la separazione o il divorzio per motivi diversi dall’adulterio? Infine, perché hanno insistito sul fatto che Satana stava facendo un attacco personale contro di me tramite il mio coniuge?

Per cercare di capire quanto stava avvenendo ho iniziato a riflettere.

Nel mese di ottobre 2014, il sito JW.org ha risposto a questa domanda: I testimoni di Geova rinsaldano le famiglie?

Questa era la loro risposta ...

Come testimoni di Geova, lavoriamo per rinsaldare le famiglie, sia nostre che quelle dei nostri vicini. ... Nella Bibbia, [Geova] insegna principi che hanno aiutato persone in tutto il mondo ad avere i matrimoni che sono forti e felici.

L'articolo continuava riportando esperienze che mostrano come le famiglie erano migliorate perché un coniuge è diventato un Testimone di Geova. Il coniuge appena convertito potrebbe applicare i principi biblici per risolvere i conflitti e rafforzare il vincolo matrimoniale.

Tuttavia, l'articolo proseguiva ad ammetteva che la conversione potrebbe causare un conflitto.

Forse, se io non fossi mai stata una testimone e mio marito fosse sempre stato un non credente, i membri della congregazione mi avrebbero dato supporto e mi avrebbero trattato diversamente. Ma purtroppo non fu così ! Poiché mio marito divenne un non credente, per volontà e per scelta, non ricevetti nessun supporto.

Piuttosto, dovetti supplicare gli anziani per ricevere una visita pastorale. In quel periodo, avevo disperatamente bisogno di guida ed aiuto. Quella fu una esperienza davvero assurda. Velocemente il tono dell'incontro cambiò. Gli anziani fecero pressione su di me affinché rivelassi dettagli privati riguardo la decisione di mio marito di lasciare l'organizzazione. Rifiutai  di rispondere. Mi avvertirono che Satana avrebbe provato a far naufragare la mia fede attraverso mio marito.

Avevo bisogno di incoraggiamento e consigli spirituali. A questo scopo, mi diedero da leggere l'articolo della Torre di Guardia del settembre 2006 dal titolo: “Quando qualcuno che amiamo lascia Geova”. Descriveva molto bene il modo in cui stavo vivendo la situazione, usando parole descrittive come profonda angoscia, sentimenti affranti e sconvolti.

Gli anziani si soffermarono sul paragrafo seguente:

Quindi non sorprende che ci si addolori quando uno dei nostri cari smette di servire Geova.
Vedere che una persona a cui vogliono bene smette di servire Geova è una delle prove più difficili che i veri adoratori possano incontrare. (Atti 14:22) Come disse Gesù, quando uno accetta il suo messaggio possono sorgere divisioni in famiglia. (Matteo 10:34-38) Questo avviene non perché il messaggio biblico causi divisione nelle famiglie. Piuttosto si crea una spaccatura quando i familiari increduli o infedeli rifiutano o abbandonano la via del cristianesimo, o addirittura vi si oppongono

Lasciai quell'incontro distrutta mentre in sala continuarono a tormentarmi. 
Dopo alcune settimane che mio marito non frequentava né predicava più, alcuni componenti della congregazione tra cui pionieri, anziani e mogli degli anziani avevano cominciato a ripetermi che il mio matrimonio veniva al secondo posto rispetto alla mia vita ed alla mia dedicazione a Dio. Senza nemmeno chiedere come stesse andando a casa, cominciarono a supporre che mio marito stesse interferendo sulle cose spirituali.

Ripetutamente, nonostante io non lo richiedessi mi avvicinavano per raccomandarmi di tener presente che: “Dio viene prima di tutto, quindi preparati a separarti” . Addirittura , alcuni si offrirono di aiutarmi nel trasloco.
Eppure io non avevo mai detto a nessuno che mio marito stesse impedendomi di frequentare le adunanze, di predicare o di condurre una condotta cristiana. Anzi agli occhi di tutta la congregazione, lui stesso era integro e non aveva commesso nulla di illecito.

Ora, il divorzio è permesso solo nel caso uno dei coniugi commetta adulterio, mentre la separazione è permessa in tre estreme circostanze, come spiega nell'appendice il libro “Mantenetevi nell'amore di Dio” :

1 Deliberato rifiuto di provvedere al sostentamento della famiglia 
2 Gravi maltrattamenti fisici 
3 La spiritualità di un coniuge sarebbe altrimenti irrimediabilmente compromessa. 

La spiritualità di un coniuge sarebbe altrimenti irrimediabilmente compromessa. Qualcuno potrebbe cercare costantemente di impedire al proprio coniuge di adorare il vero Dio o perfino tentare di costringerlo a infrangere in qualche modo i comandi divini. In questo caso, il coniuge minacciato dovrebbe valutare se l’unico modo per “ubbidire a Dio quale governante anziché agli uomini” sia ottenere la separazione legale. — Atti 5:29.


Tuttavia, questo NON era il mio caso. Perché insistevano così tenacemente a farmi allontanare da mio marito? Davvero, credo, che a questo punto fosse inevitabile che io cominciassi a svegliarmi e a smettere di servire “Geova”.
I miei amici continuavano a ricordarmi che la mia spiritualità era in pericolo e che l'unica soluzione era quella di separarmi da mio marito. Per tutta la mia vita, mi era stato insegnato che il matrimonio ha successo solo se Geova è parte di esso. Capivo che questa era la paura che spingeva i miei amici a dirmi di separarmi.


*** w08 15/9 p. 16 par. 5 Il vostro matrimonio sia sempre “una corda a tre capi” ***
5 Per avere un matrimonio felice bisogna tener conto di Geova. La sua Parola dice: “Una corda a tre capi non si può rompere rapidamente”. (Eccl. 4:12) La “corda a tre capi” è una metafora. Se la applichiamo al matrimonio, questa “corda” è formata da marito e moglie, i primi due capi, che si intrecciano con quello centrale, Geova Dio. L’unità con Dio dà alla coppia la forza spirituale per far fronte ai problemi ed è il segreto per raggiungere la massima felicità.

In realtà, la colpa è in chi dà delle direttive e le impone come leggi da rispettare facendole passare come semplici consigli utili.

Sono felice di aver ascoltato il mio cuore e il buon senso . Sono soddisfatta di aver combattuto per preservare il mio matrimonio nonostante le difficoltà. Ci siamo presi del tempo per stare insieme ogni giorno di solito la sera passeggiando. Questo ci ha avvicinati ancora di più.

Onestamente, abbiamo cominciato a parlarci in modo più vero e sincero, proprio da quando mio marito ha lasciato l'organizzazione. Questo mi ha aiutato ad aprire gli occhi su questa dannosa organizzazione. Non sono più un automa pronta ad ubbidire senza pensare.

Il mio matrimonio è solido? Sono più felice ora che posso esprimermi senza timore? Abbiamo più tempo per stare insieme, che a sua volta rafforza il nostro vincolo coniugale?  SI ! 

Il mio unico rammarico?  Di non esserne usciti prima!

Jane Redwood                      



* * * * * * * * * * *



La cosa assurda è che invece se un marito maltratta la moglie ed è un testimone di Geova battezzato, la moglie spesso (contravvenendo alle direttive) viene esortata a non lasciare il marito anche se egli la percuote fisicamente. Davvero la congregazione cristiana è diventata per molte povere sorelle un vero inferno ! Se poi, prese dalla disperazione, decidessero di abbandonare l'organizzazione, le calunnie sul loro conto si diffonderebbero come cancrena (esperienza già vista).




* * * * *

Stai leggendo questa pagina da un cellulare?








59 commenti:

  1. torniamo a parlare di esperienze. E di coerenza...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se a questa esperienza si cambiasse il nome potrei dire che è esattamente la mia storia.Mi sono sposata giovanissima con un bravo fratello ,convinta che il matrimonio 'cristiano' fosse l'unica garanzia di felicità .Dopo poco più di due anni ,mio marito ha cominciato a vedere che qualcosa non andava e si è allontanato diventando 'inattivo' .Per me è stato come subire un tradimento e in congregazione non sono stata aiutata a cambiare idea, anzi ,improvvisamente mio marito è diventato un 'mostro' ,ma in realtà non era mai cambiato .Ci siamo ritrovati improvvisamente soli .Niente più compagnia niente più inviti .....niente di niente .Io con un bimbo piccolo ho continuato perché credevo di dover 'salvare ' almeno lui ....Gli anni successivi sono stati tremendi .Le mie scenate per convincerlo a venire con me alle adunanze , lui che credeva di essere impazzito perché nel frattempo studiava e faceva ricerche ,e niente era come aveva imparato dalla wt, era 'solo' anche in casa sua (questo non me lo perdoneró mai!!!).Ogni volta che provava a farmi ragionare gli dicevo che 'così ragionano gli apostati' e ogni volta che lui incontrava qualche fratello ,se questi non faceva in tempo a far finta di non vederlo (cosa che succedeva spesso) ,gli diceva che stava dando spazio a Satana .Gli anni sono passati ,nel frattempo è nato un altro figlio verso il quale mi sentivo ancora in dovere di dargli 'la verità ' .Ora sono adulti entrambi e complice l'età e l'esperienza ho aperto il cassetto nel quale avevo chiuso il mio cervello per 30 anni , l'ho spolverato e tutto ha cominciato ad essere più chiaro .Mi sono resa conto che quello che mi diceva mio marito aveva una logica .Ho cominciato a documentarmi, sono saltati fuori, scandali ,adempimenti inadempiuti, date sbagliate , continua richiesta di denaro , cioè , tutto il contrario di quello in cui ho creduto per decenni.Ora sono 'felicemente inattiva' e il mio cervello mi ringrazia perché era stufo di stare 'con le mani in mano'.Il mio grande rammarico è quello di aver perso molti anni dietro a condizionamenti che non ci hanno fatti vivere il nostro matrimonio in maniera serena ,ho permesso agli altri di fare 'capolino' nella nostra vita ,disturbandola. La buona notizia invece è che sono diventata 'inattiva ', consapevole di quello a cui vado incontro .Ora anche io dopo 42 anni passati nella congregazione, sono rimasta completamente sola , con la differenza che sono preparata a questa nuova esperienza e la cosa non mi spaventa , nel 'mondo' ci sono tante brave persone che mi accettano per quello che sono non per quello in cui credo .Inoltre ora con mio marito possiamo parlare davvero di tutto ,come persone libere e aperte ad ogni cosa possa arricchirci e migliorarci.Grazie john, anche questo post è bellissimo .

      Elimina
    2. Carissima Zabetta, sorella, questa tua esperienza mi ha emozionato tanto, perché fa comprendere quanto hai dovuto lottare per preservare il tuo amore per Dio a dispetto di tutto il male che hai ricevuto.
      Sii sempre forte come hai dimostrato di essere, perché è importantissimo in questi tempi essere uniti almeno come famiglia, per non perdersi nel insicurezza che sempre più prende piede nell' organizzazione wts.
      Io spero vivamente che ci si possa incontrare tutti quando cadrà il colosso organizzativo wts, perché cadrà immancabilmente, dubito che possa continuare a sostenersi e mantenersi sull' enorme peso che nel corso degli anni si è costruita.
      Siamo tutti temprati dalle sofferenze che chi più e chi meno si ritrova o si è ritrovato ad affrontare.
      La nostra forza è l' incrollabile amore per Dio, che può rimanere in piedi davanti a qualunque problema possiamo trovarci davanti.

      Chi dubita che queste esperienze siano reali dovrebbe essere più obbiettivo e comprendere che se pensa che sia tutto rosa e fiori nelle congregazioni sta offendendo la propia intelligenza.
      Chi vive davvero con in fratelli sa quante difficoltà stanno incontrando molte famiglie ad andare avanti, quanto sia difficile specie quando in una congregazione vi sono molte famiglie imparentate tra loro o quando ci sono anziani che sono tutto fuorché pastori amorevoli.
      Ma la forza che ci fa andare avanti lo stesso è il nostro Dio che vede ogni cosa e sono sicuro molto prima di quanto possiamo immaginare agirà per il bene di chi Lo ama.
      Credo che molti prenderanno coscienza come lo stiamo facendo noi e usciranno dalla wt.
      Io per quanto sia ancora dentro, moralmemte, sono uscito fuori dall' organizzazione perché è da tempo che non condivido più né i modi di fare né gli atteggiamenti.
      Ma i fratelli e le sorelle sono un altra cosa.
      Molti amano veramente Yah e sono solo all' oscuro di tante situazioni.
      Se sapessero o venissero a conoscenza di come le cose stanno veramente molti, per amore verso Dio, ne uscirebbero.
      Spero vivamente che Yahwèh guidi le cose affinché ci sia un qualcosa che metta tutti in condizione di rendersi conto che forse ora è il tempo in cui si sta avverando RIVELAZIONE 18:4.
      Mesi fa auspicavo un inversione di tendenza della società come pure di coloro che prendono la direttiva in seno all' organizzazione, ma ora col senno di poi mi rendo conto che è stata una speranza vana.
      Le cose stanno andando di male in peggio e in tutto questo si cerca di farsi forza a vicenda.
      Siamo forti, risoluti perché ora non è il momento di mollare, ma di stringerci ancor più gli uni agli altri nell' attesa del cambiamento epocale che investirà non solo la wts ma tutte le altre confessioni religiose.
      Vi voglio bene, vi saluto tutti con amore cristiano,
      Fineas.

      Elimina
    3. Grazie Fineas, grazie della tua presenza e dei tuoi commenti, che continuano a tenere questo blog nel "giusto equilibrio", visto che a causa dei numerosi misfatti "l'amore della maggioranza di è raffreddato". E per maggioranza non intendo chi sta uscendo, ma buona parte di coloro attualmente "attivi" nella WTS

      Elimina
    4. No caro John, ringraziamo invece tutti i nostri amati fratelli e sorelle che con le loro esperienze ed i loro interventi fanno capire che si può essere servitori di Geova, yahwèh, Dio, e allo stesso tempo non avere niente da spartire con il pensiero ed i modi di fare della società wts.
      Loro mi stanno insegnando tanto con la loro perseveranza, col modo obbiettivo con il quale si pongono domande e cercano risposte bibliche, con quanto arricchiscono questo blog con le loro anime...
      Siete tutti preziosi e non lo dico tanto per dire ma perché è vero.
      Infondete forza e voglia di non arrendersi.
      Grazie a tutti voi...

      Elimina
    5. Mi associo ai tuoi ringraziamenti John C. e tanto di cappello per fratelli che conservano la giusta attitudine mentale...

      Elimina
    6. Grazie Fineas, mi chiedo a che scopo inventarmi tanta sofferenza, che peraltro mi sarei risparmiata volentieri. Comunque ho promesso a John che faccio la brava e non risponderò quello che vorrei rispondere ;) Caro Fineas, ho avuto la fortuna di conoscere personalmente alcuni di voi. Mi sono trovata davanti persone 'vere' e sincere .Chissà , forse come auspuchi, un giorno potremo davvero abbracciarci tutti. Nel frattempo vi abbraccio virtualmente :)

      Elimina
    7. Purtroppo zabetta, agli occhi degli altri è successo proprio quanto si aspettavano, e cioè che tuo marito ti ha trascinata con lui nell'errore, quindi saranno tutti infervorati ancora di più quando capiterà a qualcun altra. Guardati il video delle 5 scimmie se ancora non lo conosci:
      https://www.youtube.com/watch?v=bJAFP5ocEtU

      Elimina
    8. Cara zabetta,
      Anchio ho avuto una esperienza simile che ho raccontato in un'altro post ,ma credo che avrei fatto meglio a postarlo qui per rendere evidente come gli insegnamenti della wt e chi li segue alla lettera possano mettere in repentaglio la pace nelle famiglie.
      A me è andata tutto sommato bene ma non è detta l'ultima parola perché anche se non in modo del tutto evidente io senti che mia moglie diffida di me perché sono in odore di sposta sia e tra me è lei sento un vetro trasparente che ci divide su molte scelte.
      Victor ha coniato un espressione interessante,ovvero "tritacarne teocratico" e se ho capito bene cosa significhi credo di esserci passato anch'io!
      Infatti non so se io sia un caso unico,però personalmente ho subito l'ostracismo pur non essendo disassociato!
      La storia sarebbe lunga da raccontare, ma saro' breve.
      Qualche anno fa mi confidai ingenuamente con un fratello di cui mi fidavo di alcune incongruenze che notavo nell'organizzazione e...non l'avessi mai fatto!
      Mia moglie notava che si organizzavano vari gruppi per uscire il fine settimana o nei giorni di festa ma come famiglia non ci invitavano, e io per la verità qualcosa avevo capito ma mia moglie non se ne faceva una ragione, così riuscì a far parlare un'altra sorella che nel branco era più debole (che per questo venne ripresa /punita,cioè emarginata anche lei)e...indovinate cosa ne venne fuori?
      Dissero a mia moglie che il problema ero io perché non amavo geova e quando avrei dimostrato che così non era avrebbero invitato anche noi come famiglia, nel frattempo se lei avesse voluto aggregarsi quando c'erano solo donne sarebbe stata bene accetta,ma con me presente no!
      Venimmo anche a conoscenza di una ricerca fatta da una zelante sorella col marito in odore di promozione basata sulle pubblicazioni della wt (e non dalla Bibbia )sul mio conTo,è me ne diedero conferma almeno due persone,in cui si spiegava la ragione della mia emarginazione,ricerca che non potei mai leggere perché quando lo venni a sapere guarda caso scomparve dalla circolazione,e gli anziani non le fecero nemmeno una tirata di orecchie!eppure come famiglia ci avevano devastato psicologicamente!
      Pensate a cosa sarebbe accaduto se mia moglie fosse stata debole e avesse ceduto all'invito della sorella di frequentare loro mettendo me ai margini!

      Elimina
    9. Ciao zabbe'detto alla romana..so romana infatti..scusa leggevo ora la tua esperienza..cmq non devi rammaricarti per il tempo perso.Non ti rendevi conto tutto qui.ognuno di noi ha passato tanto tempo in una gabbia dorata ma Dio come vedi ci ha dato la forza per uscirne.chi prima chi dopo o chi debba farlo geova vuole che il suo popolo sia felice e per questo l uscita da questa prigione e.' un chiaro segno che i tempi sono maturi per un cambiamento importante partendo dai suoi conservi sinceri.un bacio

      Elimina
    10. Bruttissima esperienza sal.sono strafelice di non appartenere più a questa organizzazione malvagia

      Elimina
    11. Grazie Ema, ora sono maturi i tempi e anche io ...ce la possiamo fare :)

      Elimina
    12. Zabetta non avevo ancora letto tutta questa discussione,e la tua esperienza...ora mi è più chiaro quello che mi hai detto al telefono..sto piangendo.....Grazie.

      Elimina
    13. Si zabetta e vero.Vediamo come si sviluppano gli avvenimenti.ma che tu sappia ma ci sono stati altri messaggi da Anonymous? !

      Elimina
    14. Rosario non essere triste sappi che Geova non ti abbandona se prenderai questa decisione difficile.vedi la sorella ZAbetta come ognuno di noi.il cordone ombelicale con la società non si taglia dall oggi al domani ma puoi farcela e solo allora sarai in pace.e normale che tutto ti tormenta perché sei combattuto ma vedrai che presto auest incubo finira perché non sembra ma geova ti darà la forza necessaria per farlo. Io l ho constatato quando Dio ci da forza oltre ciò che è normale ed è vero.un abbraccio

      Elimina
    15. Ema , che io sappia ,John non permette più ai provocatori di turno di entrare a disturbarci :) Rosario ti ringrazio .Vi abbraccio

      Elimina
    16. Non dicevo quel deficente .ma gli haker che mandano messaggi d'avvertimento a tutti

      Elimina
    17. No EMA. ..Non so nulla di questo

      Elimina
    18. Zabe se ti mando la mail mi scrivi?un abbraccio

      Elimina
    19. Certo ... mi fa molto piacere :)

      Elimina
    20. Ciao zabe chiedila a John.ciaoo

      Elimina
    21. Ema, dovresti scrivermi per averla, perchè la tua email non riesco a trovarla...

      Elimina
  2. Carissimi buongiorno! E sempre un piacere leggere le riflessioni poste nel blog perché non mi fanno sentire in colpa per aver pensato negli anni a tutte queste direttive 'storte' che venivano date nella WT! Condivido il pensiero di questo articolo dove viene detto che direttive o disposizioni dell'organizzazione vengono imposte spaciandole per consigli utili, e purtroppo anche cari amici fraterni vengono indotti a darceli perché pensano di farci del bene e di aiutarci. Quando leggo le tg di studio o guardo il broadcasting non sento più alcun sentimento, altri direbbero che il mio cuore è divenuto insensibile o ottuso alla verità ma invece è divenuto libero dal timore che imponeva la WT. Per settimane intere o subito mobbinng psicologico hanno cercato in tutti i modi di " acciuffarmi" per avere spiegazioni, conoscere e sapere il motivo del mio allontanamento ma la mia determinazione e caratterino peperino mi ha aiuta a mettere un muro di difesa. Ci vuole coraggio e determinazione per uscirne e vedere veramente la luce!!!!!
    Perplessa

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. salve anonimo... o rispondi scegliendoti un nick, o i tuoi commenti (come da regolamento) domani verranno oscurati....

      Elimina
    2. il problema non è pensarla o meno differentemente dagli altri. Il problema è che sono storie maledettamente vere. La prima volta che seppi di un fratello indigente che si sfamava alla Caritas, (perchè in congregazione nessuno se lo filava) pensai fosse un evento più unico che raro. Poi ho scoperto che in Italia decine di famiglie (o dovrei dire qualche centinaio) di fratelli, sopravvivono grazie alla Caritas o ai pacchi della Croce Rossa (due istituzioni "mondane")

      "da questo riconosceranno che siete miei discepoli" disse Gesù... e già... sembriamo piuttosto (spesso) "animali irragionevoli, nati secondo natura..." sapete come finisce il versetto, vero?

      Elimina
    3. Certo invece quelle delle riviste I NOMI SONO STATI CAMBIATI sono tutte esperienze vere e realistiche! Ma mi faccia il piacere, ca nisciun è fess.

      Elimina
    4. Con l anno nuovo la WT metterà sulle TW le esperienze dei fratelli con la caritas. (-:

      Elimina
    5. Sono verissime !!! Victor sei un uomo di poca fede.... trovami esperienze del genere in altre religioni ........chi farebbe 300 km a piedi in africa per andare alle assemblee , sfidando , iene , leoni , sabbie mobili , serpi velenosi , guadi con coccodrilli, zanzare anofele con rischio di malaria, NESSUNO AL MONDO può vantare queste esperienze.

      Elimina
  4. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per anonimo :
      ....................................................................................

      che altro dire !

      Elimina
    2. conosco la sorella Zabetta e non permetto a nessuno di darle della bugiarda... chi ha osato farlo si guardasse meglio intorno e ammetta una volta per tutte le bugie dell'organizzazione a cui riserva la sua adorazione. Ma guarda che tipi ...... ti do un consiglio ...verifica le esperienze che fanno alle assemblee di fratelli che si fanno mangiare dai coccodrilli per andare ad un'adunanza, e se ci credi vedi se quest'esperienza sarebbero disposti a ripeterla quelli che sono in alto alla piramide. In più non hai neanche coraggio di scrivere col tuo nick.

      Elimina
    3. Io non conosco zabetta, ma la storia mi sembra assolutamente vera, anche perché quello che a lei è successo in passato a me sta per succedere! Gia vedo le avvisaglie! Quindi ringrazio zabetta x aver raccontato la sua storia.

      Elimina
  5. non capirò mai perché si debbano mettere in dubbio le esperienze, anche drammatiche e dolorose, che i fratelli raccontano...
    solo quelle sulla w sono vere?
    Pensate che io per farmi calare certe esperienze alle assemblee dovevo farmi venire in mente la scritture che "l'amore crede ogni cosa"...
    Ma sembra che questa scrittura in certe Bibbie non ci sia...
    E pure, io lo avevo visto molte volte come si confezionano le esperienze delle assemblee...
    ma questo è un altro post.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. zabetta, amica mia, in realtà c'è poco da dire...solo da provare profonda pena per persone che quando sono diventate tg magari avevano buone intenzioni, e poi...
      e un caro saluto alla tua bella famiglia.

      Elimina
    2. Altro che storie inventate, io ho conosciuto una carissima sorella che ogni tanto prendeva le botte dal marito, ha provato più volte a lamentarsi dagli anziani, peccato che il marito era pioniere quindi così intoccabile che manteneva la nomina. Ora non so come sia andata a finire.

      Elimina
    3. E andata a finire che la sorella deve crepare in silenzio se non sarà già crepata poverina.scusate ma sono indignata

      Elimina
  6. Alcuni vogliono difendere la wt anche quando è indifendibile! Ma fortunatamente abbiamo tutti un cervello che ci aiuta a discernere le cose! Anonimo, anonimo!!!

    RispondiElimina
  7. Oltre al cervello che abbiamo tirato fuori dall'acqua dopo il battesimo ( espressione rubata da un carissimo fratello):)))- ... confutiamo con i fatti caro Apostolo Giovanni!!! E i fatti sono lampanti.... solo i ciechi che non vogliono vedere e i sordi che non vogliono sentire negano negano negano.....

    RispondiElimina
  8. A me non piace assolutamente che quando
    si parla "di sposarsi solo nel signore"
    Sì mette in risalto che chi ha sposato
    un incredulo non è "di esempio ".
    L'ultima volta volevo fare un commento
    sul non giudicare,ma come a solito, non
    mi hanno fatto commentare...
    C'è un fratello che ha sposato una
    "del mondo " e vi assicuro che quando si
    tratta queste cose sta male.
    Si fa passare un consiglio come una spada.

    RispondiElimina
  9. Ciao John C. e' mio l'ultimo commento ossi Perplessa mi son dimenticata di firmare pardon saluti.
    Perplessa

    RispondiElimina
  10. Buongiorno a tutti voi cari! Ci tengo a scrivere per chi avesse dubbi su questi post e commenti che tutto ciò che si legge è la "verissima verità" perché sono tutte esperienze e sentimenti che ho vissuto sia in prima che in seconda persona. A volte certi disagi e drammi famigliari non si vedono perché vengono tenuti celati oppure non li si vuole vedere noi. Conosco molti tdg che hanno messo i paraocchi come si fa con i cavalli e vanno avanti convinti di garantirsi il paradiso terrestre! Ho deciso, di godere appieno del miracolo della vita che Dio ci ha donato e inizio da una lasagna succuculenta a pranzo :p Buona domenica a tutti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buona domenica cari fratelli e sorelle...
      Condivido sorella Perplessa che tanti mettono i paraocchi e non si rendono conto che questo è solo un modo per sfuggire alla realtà...
      Anche noi ci consoliamo con una bella lasagna..
      Si deve iniziare ad apprezzare tutto ciò che la vita ci dà e che Geova ha creato per nostro piacere...
      Iniziamo propio da questo amandoci un po di più e non prendendo per scontato nulla di ciò che abbiamo, anzi ritenendoci privilegiati anche se possediamo poche cose.
      Sono davvero le cose più semplici della vita che rendono felici come l' avere una famiglia unita e felice ed io lotterò sempre affinché niente e nessuno possa intaccare queste cose...
      Un forte abbraccio a tutti.

      Elimina
  11. Buongiorno Perplessa e buona domenica anche a te e alla tua famiglia. A Napoli c'è un detto che recita così tradotto in italiano, "(il sazio non crede a chi digiuna)" ... Vuol dire che chi non ha mai provato certe esperienze troverà inverosimili altre e non capirà fino a quando le stesse non capiteranno sul proprio cammino di vita. Come anche tu sostieni, molti non vogliono neanche minimamente capire anche se vedono, perché forse la loro vita va a gonfie e vele senza una grinza, e chi se ne importa se gli altri soffrono, l'empatia è una qualità che riusciamo più a trovarla tra le persone di fuori che all'interno delle congregazioni. Non è facile per nessuno, ma se siamo solerti a percepire uno stato d'animo diamo una mano, una parola di conforto, anche il semplice dire "io ci sono" vuol dire molto. Con me lo hanno fatto , e io mi sforzo di ricambiare secondo le mie possibilità.... un abbraccio fraterno a tutti ..alle mie sorelline anche un bacio.

    RispondiElimina
  12. Buongiorno carissimi!!! Credo che questa esperienza sia reale e veritiera perchè purtroppo accadono realmente nelle congregazioni.Quando studi la bibbia sono tutti amorevoli, ti coinvolgono e ti invitano a ogni festa, gita e ristorante ma quando ti battezzi devi pedalare con le tue gambe e adeguare i tuoi pensieri con quelli della maggioranza e se non lo fai sei visto come un poco di buono, un ribelle, uno spiritualmente debole e nonostante frequenti le adunanze e vai in predicazione, iniziano a farti mobbing e ostracismo evitandoti come la peste ed escludendoti da tutto e da tutti.
    Non penso che Gesù Cristo avesse in mente delle congregazioni del genere quando venne sulla terra.
    Proclamatore sardo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me è successo.confermo tutto e gli anziani non mi hanno mai creduta

      Elimina
  13. Tranquillo
    Carissimi fratelli e sorelle, ci ringrazio perché mi state preparando a quello che potrebbe accadermi. Sono ancora un testimone attivo, ma potrei presto avere problemi con la congregazione, anche da portarmi alla disassociazione. E non credevo che ci sarebbe stata tanta sofferenza come invece ne sto già passando, in particolare con mia moglie che invece vuole rimanere nell'organizzazione ad ogni costo
    Tranquillo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi dispiace caro Tranquillo. Ora, senza fornire particolari che potrebbero identificarti, il problema sarebbe quello "dissidenza" o qualcos'altro? (se altro, NON voglio saperecosa...)

      Elimina
  14. Un consiglio per Tranquillo evita di farti mettere per cosi dire 'le mani addosso' aspettano solo di sentenziare su di te, se riesci ad allontanarti in sordina facendogli capire che sei innoquo penso che non dovresti avere grossi problemi. Io ho fatto così era l'unico modo evitarli con qualsiasi scusa ma ha funzionato ....come citano le scritture 'si coraggioso e forte' buona serata Tranquillo :)

    Perplessa

    RispondiElimina
  15. Che tu sia sposata o meno ti opprimono lo stesso...familiari e altri "fratelli" giocano sui sensi di colpa...sta a noi essere forti...io vi invito a rafforzarvi di carattere e non permettiamo a nessuno di controllarci e organizzarci la vita non siamo dei robot

    RispondiElimina
  16. Tranquillo,
    Grazie perplessa per le tue parola. Non credo però di voler uscire in sordina. Così come non posso accettare di rimanere in silenzio. è un po' complicato, penso che vi spieghero' maglio nei prossimi mesi, come si sviluppano gli eventi.
    Tranquillo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per Tranquillo: Mi sento di suggerirti di non ostacolare tua moglie nella sua scelta, fatti vedere contento della sua lealtà, tanto per il momento non puoi fare altro, anzi se cerchi di coinvolgerla nelle tue idee potrebbe crearsi un muro tra di voi. Vedrai che col tempo grazie a piccole dosi di tuoi ragionamenti intelligenti, la porterai verso la luce.

      Elimina
  17. Io sono orfana nella verità e single quindi per me è più semplice ma comprendo in parte quello che vuoi dire Tranquillo. Ricordati che non può essere così per sempre e dopo la tempesta torna la quiete :) buona serata a tutti
    Perplessa

    RispondiElimina
  18. Tranquillo
    Grazie complottista per gli ottimi consigli. Infatti non la ostacolo, anzi. E mia moglie è una vera cristiana, quindi bisogna solo lasciarle tempo. Vede tante cose ma è legata al concetto del "popolo di Dio" che possono essere solo i testimoni
    Tranquillo

    RispondiElimina
  19. Io sono divorziata (motivi non scritturali). Non sto a raccontarvi la mia triste storia. In breve...so che lui (ormai vicino ai 50) sta con una sorellina...ina...ina figlia di un anziano. Ho chiesto lumi agli anziani e uno di questi troncando la corversazione mentre mi girava le spalle mi disse "...se te lo dice lui". Quindi se per ipotesi va all'estero (o cambia residenza) a sposarsi tacendo il fatto e OVVIAMENTE visto che niente più ci lega e non ritiene di dirmelo, io aspetterò tutta la vita per sposarmi e non subire l'ostracismo della disassociazione?!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuta Regina!

      Questa e' una delle orrende trappole della burocrazia firmata WTS

      Elimina
    2. Circa 1
      20 anni fa un pioniere che usciva in
      servizio con una sorella commise
      adulterio.
      Poi si è pentito e si è sposato con la
      sorella.e tornato Tdg.
      Poteva farlo visto che la moglie
      precedente non ha
      commesso firnicazione?

      Elimina

E' OBBLIGATORIO FIRMARSI CON UN NICK (QUALSIASI) Non usate termini scurrili, insulti, calunnie, incitamenti all'odio razziale ed alla violenza, e NON menzionate la persone per nome o cognome reali. Sono vietati lo spamming, il copia-incolla ripetuto, i link a siti non approvati dalla redazione, i messaggi provocatori.
Altrimenti i post non saranno pubblicati o verranno cancellati.
La moderazione dei commenti è insindacabile ed a cura della redazione del blog. Se i vostri commenti non vengono pubblicati potete chiedere spiegazioni scrivendo alla redazione (vedi "come commentare" in alto nella colonna a sinistra)

Grazie

L'indirizzo email del blog lo trovate in fondo alla pagina (non nella visualizzazione per cellulari)