Usando questo sito, dichiarate di aver letto il Disclaimer e le norme sulla Privacy relativa ai contatori Shinystat e whos.among.us.

Per capire come "nasce" questo blog, leggere le pagine info sul blog nella colonna a sinistra.

Un archivio del blog, con tutti i post fino ad oggi pubblicati, elencati per mese, lo trovate in fondo alla colonna centrale.

NORME relative ai commenti alla pagina "COME COMMENTARE".

“Non c’è nulla di male se una persona cerca di confutare gli insegnamenti e le pratiche di un gruppo religioso che ritiene in errore”.
(Svegliatevi! 8 settembre 1997, pagina 6)

domenica 27 dicembre 2015

Il fratello maggiore...


Perché molti non fanno nulla per aiutare i loro fratelli inattivi a ritornare dallo stesso Padre?


dal sito inattivo.info

Perchè si comportano così? Perchè da quando non frequento più la adunanze non mi telefonano più, e solo il mio amico/a mi manda ogni tanto un sms? 
Ho letto e sentito tante volte qualcuno porsi queste domande. I fratelli che scrivono sul sito inattivo.info hanno analizzato la parabola del figliol prodigo vista dal punto di vista del fratello maggiore.
Non ci avevo mai riflettuto a fondo, ma la loro analisi ha fatto cadere un altro velo dai miei occhi, aiutandomi a capire sempre meglio alcuni ragionamenti....


Vi invito a leggere l'articolo al link del sito, sotto il titolo.

Oppure leggete il racconto direttamente dal sito a questo link www.jw.org (si aprirà direttamente la pagina della bibbia)

Riporto solo un paio di stralci dell'articolo per poterli commentare:

...Entrambi i figli hanno una pessima idea del padre. Il minore pensa che sia d’impedimento ai suoi desideri, mentre il maggiore, che ha un cuore piccolo, critica la mancanza di giustizia del padre... non chiama (il minore) “mio fratello”, ma “tuo figlio”; muove l’accusa di aver sperperato i soldi con “le meretrici” e non si capisce come faccia a dimostrarlo non avendo ancora parlato con suo fratello; rincara la dose dicendo di lavorare come uno sgobbone e di non aver mai chiesto un capretto per far festa con gli amici. Come dire: “Vedi mi sono privato di ogni gioia per lavorare per te”. Povero idiota. Il padre gli ricorda che ogni cosa gli appartiene e non è necessario chiedere. Il padre non è tenuto nemmeno a dargli giustificazioni riguardo a ciò che sta facendo a suo fratello. Eppure, gli spiega la ragione principale del suo agire: “Tuo fratello era morto ed è tornato alla vita, era perduto ed è stato ritrovato”. Lui niente, non vuole sentire ragioni. E’ talmente arrabbiato che tira fuori ciò che ha nel suo cuore e che si è tenuto dentro per tanto tempo: rancore e invidia. Pensa anche lui all’eredità del padre, anche se in maniera diversa da suo fratello. Tutto ciò che fa, non è per amore ma per guadagno. Pensa all’eredità come premio per aver lavorato nella vigna. Il ritorno di suo fratello rivela il suo egoismo e la mancanza di amore per le qualità del padre. E’ vero, non ha mai fatto nulla di male. Non ha grilli per la testa, non si è mai comportato in maniera maleducata, è sempre stato ligio al suo dovere e rispettoso dell’autorità...

...Gesù cerca di indirizzare l’attenzione dei suoi ascoltatori al padre, quale esempio di speranza e compassione. Un padre che implora a guardare oltre le apparenze, a non giudicare in maniera superficiale i propri fratelli, a mostrare misericordia più ancora della giustizia. Incoraggia ad accogliere benignamente i fratelli perduti e a fare il possibile per aiutarlo nella ricerca dei suoi figli smarriti, a non considerarli morti spiritualmente ma a sperare nel ritorno...

...Alla domanda iniziale sul perché gli inattivi non sono aiutati dai loro fratelli per tornare a Geova, la risposta è da cercare nell’atteggiamento del fratello maggiore.

Grazie, cari fratelli di inattivo.info !




* * * * *

Stai leggendo questa pagina da un cellulare?









5 commenti:

  1. Il fratello maggiore... in tempi moderni.

    RispondiElimina
  2. Ti confesso che alcune volte ho tifato per il fratello maggiore, e nella parabola gemella della vigna, ho tifato per quei lavoratori che han sgobbato tutto il giorno e sono stati pagati come chi ha lavorato poche ore. Ma questa è la sapienza grandiosa, sono proprio parabole fatte apposta per colpirci nel più intimo. Se crediamo di meritare qualcosa in base agli sforzi fatti, non abbiamo capito il messaggio di Cristo. Il Padre dà a chi lo accetta,senza meritocrazia: grande lezione di misericordia.

    RispondiElimina
  3. Credo che la congregazione possa essere il fratello maggiore
    Perplessa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Shhh.. non lo dire a voce alta, altrimenti nella prossima edizione della bibbia tolgono anche questo brano.

      Elimina
  4. La meritocrazia è una parola che andrebbe bandita dal cristianesimo ... va bene per le aziende, non per le congregazioni.

    RispondiElimina

E' OBBLIGATORIO INSERIRE NEL CAMPO Nome/URL UN NICK con cui firmarsi. Non usate termini scurrili, insulti, calunnie, incitamenti all'odio razziale ed alla violenza, e NON menzionate la persone per nome o cognome reali. Sono vietati lo spamming, il copia-incolla ripetuto, i link a siti non approvati dalla redazione, i messaggi provocatori.
Altrimenti i post non saranno pubblicati o verranno cancellati.
La moderazione dei commenti è insindacabile ed a cura della redazione del blog. Se i vostri commenti non vengono pubblicati potete chiedere spiegazioni scrivendo alla redazione (vedi "come commentare" in alto nella colonna a sinistra)

Grazie

L'indirizzo email del blog lo trovate in fondo alla pagina (non nella visualizzazione per cellulari)