Usando questo sito, dichiarate di aver letto il Disclaimer e le norme sulla Privacy relativa ai contatori Shinystat e whos.among.us.

Un archivio del blog, con tutti i post fino ad oggi pubblicati, elencati per mese, lo trovate in fondo alla colonna centrale.

NORME relative ai commenti alla pagina "COME COMMENTARE".

“Non c’è nulla di male se una persona cerca di confutare gli insegnamenti e le pratiche di un gruppo religioso che ritiene in errore”.
(Svegliatevi! 8 settembre 1997, pagina 6)

mercoledì 18 novembre 2015

Dalle pietre di Mosè al sito JW.org


Anche Geova si fa social...


Tratto da un articolo del sito www.inattivo.info


Nella sezione "sguardi" del sito inattivo.info, ho trovato questo interessante argomento. Il fratello che ha redatto l'articolo, conclude così:........




"JW.org e JW Broadcasting sono lo specchio online di una struttura centenaria editoriale che ha addestrato il popolo di Geova durante i tempi moderni. Quello che mi auguro, è di non vedere un cambio di facciata con le stesse facce di prima, né un abito nuovo, che sia talare come prima. Internet è una realtà diversa della stampa e della pubblicazione di letteratura biblica. La Rete è un luogo dove si interloquisce. Non basta leggere le pagine di un sito o vedere un video in broadcasting. Internet offre un’opportunità unica di adorare Dio in maniera moderna e a passo con i tempi. Abbiamo bisogno di interagire sui reali problemi che affrontiamo giorno dopo giorno. Noi non siamo come il cane di Pavlev, che per stimolarlo a reagire ha bisogno di un bip. Non abbiamo bisogno di domande e risposte precostituite per partecipare realmente a una conversazione. Oggi viviamo l’inferno e domani il paradiso. Non siamo “frontalieri dello spirito” che vivono ai margini di due realtà contrapposte, quella di ogni giorno, nuda, cruda e a volte infernale e quella paradisiaca che ci viene imboccata alle adunanze. Auspichiamo l’apertura di una sezione (questions/answers) nel sito JW.org, dove ogni osservatore, lettore e navigante, possa esprimere liberamente le proprie opinioni senza essere tacciato di apostasia. Un luogo digitale dove ogni opinione, obiezione, domanda, ripulita dai pregiudizi e dalle polemiche nei nostri confronti, possa avere una risposta obiettiva direttamente dal Corpo Direttivo o dal Comitato Scrittori. Speriamo che questa richiesta di compartecipazione (sharing) a una comunità che parli dei veri problemi che coinvolgono la stragrande maggioranza dei testimoni di Geova, sia accolta e gestita da persone che siano capaci di “discernere i tempi” e interpretare i segni in cui viviamo alla luce delle Sacre Scritture. La Rete non è come una rivista o una brochure, essa richiede risposte immediate e pratiche per affrontare i problemi veri."

Si, sarebbe bello. Si potrebbero chiudere tutti i blog come questo. E' auspicabile, ma in un'organizzazione che storicamente NON ammette repliche, penso sia una chimera. Se anche il sottoscritto fa fatica a moderare un piccolissimo blog come questo, figuriamoci un blog con 900.000 accessi al giorno e redatto in centinaia di lingue. Quante centinaia di anziani di tutte le nazioni servirebbero dietro le quinte a moderare i commenti ed a rispondere? Quanti menti ingenue inizierebbero a farsi domande, od a scoprire che i loro interrogativi sono legittimi?

INOLTRE, aggiungiamo

La predicazione NON può essere demandata ad un sito. Pubblicizzare il sito con i volantini NON serve a nulla. L'elemento umano, come ogni tipo di propaganda, è insostituibile. Oltretutto chi legge le pubblicazioni della società andando su internet, può anche facilmente imbattersi in blog come questo che lo aiutano a fare distinzioni ed a riflettere. L'unico reale vantaggio del sito è la possibilità di risparmiare carta ed inchiostro per chi si prepara le adunanze, senza stampare le relative pubblicazioni. In ogni caso, anche se non lo notassimo, dietro al sito in centinaia di lingue, aggiornato quotidianamente, c'è un lavoro enorme, e centinaia di volontari impiegati !
Se l'organizzazione pensa di espandersi e di persuadere le menti usando principalmente un sito internet, ha fatto male i suoi calcoli...

* * * * *


NOTIZIE DALL'INDIA (in relazione alla stampa ed al web...)

un fratello ha postato questa notizia qualche giorno fa:

In india, sono state chiuse le stamperie. Completamente. Tutte le pubblicazioni future saranno solo sul digitale. Non perverranno da altri paesi.
I fratelli sono stati incoraggiati a provvedere a stamparne solo per uso personale, per provvederli ai proclamatori che non possono permettersi un tablet. NATURALMENTE I COSTI DOVRANNO ESSERE SOSTENUTI TOTALMENTE DAI PROCLAMATORI.

Ciò che accade in india può essere un pilot?
In fondo sono oltre 40 mila proclamatori appiedati, su un miliardo e 200 mila di popolazione.
40 mila proclamatori senza + nulla di cartaceo, se non quello che avevano fino ad oggi!

Lo ha scritto un indiano residente li, con parenti alla betel, a cui hanno detto: siete sospesi tutti e 40, assieme ai pionieri speciali.
Hanno ventilato la vendita delle macchine, ma la WTS di NY ha chiosato che se vendono le attrezzature, il denaro va alla sede centrale, come è stato fatto alle altre filiali, vendute e chiuse.
Sul post americano si svelano i problemi da cui tutto è partito. Anche le ONG, oppure Onlus, in India devono dimostrare atti caritatevoli in progetti specifici. Qui la WTS, ha fatto finta di nulla. E quindi non ha potuto inviare denaro per mandare avanti la filiale.

In soldoni niente progetti concreti di carità, niente sovvenzioni per la filiale. Ecco perchè la filiale è destinata a morire.




* * * * *

Stai leggendo questa pagina da un cellulare?

13 commenti:

  1. Riflessioni sul sito jw.org. E' utile per fare discepoli?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro John quello chi vi è scritto nelle prime 2 righe del post e le ultime righe dello stesso furono dichiarate dallo stesso fondatore della società torre di guardia trattati di sion per chi non sapesse chi era era Cahlers Taze Russel sulla tg edizione inglese del 15:08 del 1895sulle pagine 180:181 ora ogniuno tragga le sue conclusiooni

      Elimina
  2. Sicuramente la rete Internet è utile per fare ricerche o per trovare informazioni, anche se non si sa quanto attendibili. E' certamente un supporto tecnologico di quest'epoca. Ma non credo che Geova si serva di questo supporto per diffondere la sua parola. Non affiderebbe mai la sua legge e i suoi comandamenti a qualcosa di così fragile e volatile. Se mancasse l'energia elettrica per una settimana o più, tutto ciò che è in rete sarebbe inutile. Quando Dio scrisse i 10 comandamenti non lo fece sul supporto dell'epoca (coccio, papiro o pergamena). Li incise su roccia, così da essere preservati per il futuro. Si potevano toccare e leggere anche al buio così che ognuno poteva realmente sapere cosa dicessero. Oggi il web può essere manipolato a piacimento e se la domanda è "E' utile per fare discepoli?", la risposta è "Sì, ma non certo discepoli di Dio. Questa è un altra cosa". Per quanto riguarda l'apertura di un blog sul sito ufficiale credo che questo non avverrà mai perché sarebbe troppo imbarazzante dare risposte concrete alle domande legittime che ognuno si fa. Inoltre il dispendio di tempo e di energie sarebbe troppo notevole e oneroso da affrontare. E poi perché il CD dovrebbe fare una cosa del genere? Cui prodest? A chi gioverebbe? Non certo a loro. Rassegniamoci a parlarne tra noi ben felici di aver finalmente aperto gli occhi.

    RispondiElimina
  3. Spero che saremo sempre di più ad aprire gli occhi!

    RispondiElimina
  4. E certamente aspergerò su di voi acqua pura, e diverrete puri; vi purificherò da tutte le vostre impurità e da tutti i vostri idoli di letame. 26 E certamente vi darò un cuore nuovo, e metterò dentro di voi uno spirito nuovo, e certamente toglierò dalla vostra carne il cuore di pietra e vi darò un cuore di carne. 27 E metterò dentro di voi il mio spirito, e certamente agirò in modo che camminerete nei miei regolamenti, e osserverete e di sicuro eseguirete le mie decisioni giudiziarie. 28 E certamente dimorerete nel paese che diedi ai vostri antenati, e dovrete divenire il mio popolo e io stesso diverrò il vostro Dio’.
    E certamente aspergerò su di voi acqua pura, e diverrete puri; vi purificherò da tutte le vostre impurità e da tutti i vostri idoli di letame. 26 E certamente vi darò un cuore nuovo, e metterò dentro di voi uno spirito nuovo, e certamente toglierò dalla vostra carne il cuore di pietra e vi darò un cuore di carne. 27 E metterò dentro di voi il mio spirito, e certamente agirò in modo che camminerete nei miei regolamenti, e osserverete e di sicuro eseguirete le mie decisioni giudiziarie. 28 E certamente dimorerete nel paese che diedi ai vostri antenati, e dovrete divenire il mio popolo e io stesso diverrò il vostro Dio’.

    RispondiElimina
  5. Il fratello di inattivo.info fa un bell'auspicio. Irrealizzabile ovviamente. Il punto è che il sito internet jw.org potrà far SOLO da tramite verso qualche curioso e risparmiare tanta carta ed inchiostro per la stampa. Ma pensare che tramite il sito internet si possano fare VERI discepoli...

    RispondiElimina
  6. cara Marzia hai ragione...non c'è alcun interesse per far scendere la parola di Dio nel cuore, tutto, come si diceva una volta, di celluloide...tutto virtuale...mah, sarà dura avere davvero un cuore di carne alposto di quello di pietra...e non sarà con internet...
    certo che in India vanno tutti in giro con il tablet...

    RispondiElimina
  7. Bel articolo di inattivo.info anche se un po' deprimente, infatti descrive tutti scontenti, anche Dio.
    In generale criticare per criticare serve a poco. Dobbiamo riconoscere a tutti il diritto all'autodeterminazione, così come la pretendiamo per noi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bisogna considerare che anche questo articolo presenta un punto di vista personale ed umano

      Elimina
    2. Mi riferivo all'articolo "Perdiamo le rotelle dal cervello".

      Elimina
  8. Ho notato che in diversi giornali online si parla del problema pedofilia tdg. Quando cominciano a parlare i giornali.....

    RispondiElimina
  9. Finora il CD ha sempre insistito per il porta a porta, facendo notare che anche i primi discepoli annunciavano così, adesso inisterà con il predicatelo dai tetti (via wifi). Tutto può essere utilizzato e adattato ad hoc con i nuovi intendimenti. Altri ci sono arrivati molto prima però a questi eventuali nuovi intendimenti e quindi mi chiedo: il CD è proprio illuminato?

    RispondiElimina

E' OBBLIGATORIO INSERIRE NEL CAMPO Nome/URL (selezionato dal menù "commenta come...") UN NICK con cui firmarsi. Non usate termini scurrili, insulti, calunnie, incitamenti all'odio razziale ed alla violenza, e NON menzionate la persone per nome o cognome reali. Sono vietati lo spamming, il copia-incolla ripetuto, i link a siti non approvati dalla redazione, i messaggi provocatori.
Altrimenti i post non saranno pubblicati o verranno cancellati.
La moderazione dei commenti è insindacabile ed a cura della redazione del blog. Se i vostri commenti non vengono pubblicati potete chiedere spiegazioni scrivendo alla redazione (vedi "come commentare" in alto nella colonna a sinistra)

Grazie

L'indirizzo email del blog lo trovate in fondo alla pagina (non nella visualizzazione per cellulari)

ARCHIVIO

.